Skip to content

Blog e social network - Mediamorfosi dell'identità

Informazioni tesi

  Autore: Eleonora Salina
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Sociologia
  Relatore: Silvia Pezzoli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 113

Questa tesi nasce con lo scopo di indagare in quali modalità lo spazio virtuale del web favorisca la presentazione del sé, in un non luogo privo di confini territoriali, ma lo stesso carico di contenuti simbolici. Oggetto della mia trattazione sono state due piattaforme virtuali, quella dei Blog e quella di Facebook. I Blog (da web-log, diario online), prima dell’avvento di Facebook, erano ritenuti gli spazi per eccellenza dedicati alla presentazione del sé, mentre Facebook consiste in una piazza virtuale in cui affacciano un numero illimitato di Blog, una piattaforma che però mostra molte differenze rispetto a quella dei Blog sia per quanto riguarda la struttura sia, di conseguenza, per ciò che concerne la presentazione del sé che questa struttura favorisce.
Ho parlato della nascita delle comunità virtuali per presentare poi il tema dell’identità, con l’intento di approfondire la questione della Rete vista come possibile piattaforma della personalità, nella quale l’individuo può sperimentare una vita altra e contribuire al celebre processo filosofico e psicoanalitico del Conosci te stesso.
Nella società post-moderna il problema dell’identità si fa complesso, c’è chi pensa che questa complessità contribuisca a provocare forte angoscia esistenziale che dipende dal senso di potere che un individuo percepisce nei confronti di un mondo esterno poco solido e rassicurante. Per questo si tenta di placare il senso di insicurezza attraverso forme di socialità virtuale, che divengono spesso pratiche routinarie di rassicurazione.
Mi chiedo se, nell’era della riproducibilità digitale, venendo meno l’hic et nunc di cui parlava Walter Benjamin, l’individuo perda o meno la sua aura dal momento che l’identità, per natura, afferisce al motivo del doppio e la dimensione virtuale può favorire un possibile sdoppiamento dell’essere.
La maggior parte dei bloggers utilizza un avatar, una sorta di filtro che permette all’individuo di manifestarsi senza remore: si tratta del paradosso di indossare una maschera al fine di smascherarsi. Su Facebook, invece, gli utenti si presentano con nome e cognome, ibridando la propria identità con un’immagine ideale di sé. Ho portato avanti diversi paragoni per cercare di meglio delineare le differenze tra le due piattaforme: negozio vs supermercato, scena vs retroscena, avatar vs immagine ideale, comunità vs società, reticolarità sociale vs contenuti.
Infine, per verificare le mie osservazioni e ipotesi, ho sottoposto dei questionari a utenti che utilizzano il Blog, che utilizzano Facebook, con domande speciali per chi utilizza entrambi i mezzi.
Entrambe le piattaforme sembrano importanti per una diversa forma di espressione personale, ma pare molto più necessaria la presenza su Facebook, il social network sinonimo di flusso, commenti brevi e veloci, potenzialità reticolari illimitate.
E anche sulle piattaforme dei Blog si registrano cambiamenti: da una parte quelli che smettono di scrivere, dall’altra gli utenti che trasformano i loro post in messaggi brevi, senza tracce di approfondimento e sempre più impersonali, per favorire un numero di click più alto. Velocizzare e facilitare (la complessità odierna) sembrano le parole chiave della nostra epoca della visibilità?

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3Introduzione Questa tesi nasce con lo scopo di indagare in quali modalità lo spazio virtuale del web favorisca o meno la presentazione del sé, per verificare se e come l’identità singola dell’individuo si frammenti, si costruisca e si trasformi, in un nonluogo privo di confini territoriali, ma lo steso carico di contenuti simbolici. Oggetto della mia trattazione sono state in special modo due piattaforme virtuali, quella dei Blog e quella di Facebook, il social network che, ad oggi, vanta il maggior numero di iscritti in tutto il mondo. La scelta non è stata casuale poiché il Blog (da web-log, che ha il significato di diario online), la cui nascita precede di diversi anni quella di Facebook, è da sempre ritenuto lo spazio per eccellenza dedicato alla presentazione del sé, un ibrido tra il giornalismo online e un diario pubblico o un quaderno d'appunti (a seconda della linea editoriale che l’utente decide di dargli). Il social network Facebook, invece, esploso in Italia alla fine del 2008, consiste in una piazza virtuale in cui affacciano un numero potenzialmente illimitato di Blog, una piattaforma che però mostra molte differenze rispetto a quella dei Blog, sia per quanto riguarda la struttura sia, di conseguenza, per ciò che concerne la presentazione del sé che questa struttura favorisce. Nel corso del primo capitolo ho parlato della nascita e dello sviluppo di Internet, che da rete sperimentale ristretta a pochissimi centri di consulenza del dipartimento della Difesa americano, diviene una struttura pubblica comprendente numerose università e istituti di ricerca, fino a sviluppare le caratteristiche di strumento di comunicazione, informazione e intrattenimento in cui le attività commerciali da una parte, e relazionali dall’altra, giocano un ruolo sempre più importante. Infatti, pian piano, si assiste alla nascita delle prime comunità virtuali, delle quali la definizione più fortunata è quella diffusa nel 1993 dallo scrittore statunitense Howard Rheingold: “Le comunità virtuali sono aggregazioni sociali che emergono dalla Rete quando un certo numero di persone porta avanti delle discussioni pubbliche sufficientemente a lungo, con un certo livello di emozioni umane, tanto da formare dei reticoli di relazioni sociali personali nel cyberspazio”.1 In questo modo i nodi della rete iniziano a diventare persone: ognuno di noi ha a disposizione uno spazio potenzialmente illimitato per raccontare la sua storia, 1 Howard Rheingold, Comunità virtuali, Sperling e Kupfer, Milano 1994, p. 25

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

avatar
bauman
blog
castells
comunicazione virtuale
comunita virtuali
conosci te stesso
facebook
goffman
identità
identità virtuale
immagine ideale
internet
mediamorfosi
multimedialità
nuova era
piattaforma virtuale
problema identità
social network
società postmoderna
supermercato virtuale
web 2.0

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi