Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Format: un nuovo ''bene'' in cerca d'autore

Il format rappresenta uno degli strumenti di maggior impiego nel mercato mediatico, pertanto, affrontare le tematiche riguardanti la sua tutela comporta necessariamente il vaglio della disciplina della tutela della proprietà intellettuale dell’opera, la disamina delle teorie che hanno portato dalla sua configurazione come bene economico alla sua rilevanza giuridica, l’analisi degli interessi degli operatori economici, il suo impiego nel mercato e la protezione accordatagli alla luce dell’interpretazione giurisprudenziale e dottrinaria.
Ai fini di un’analisi completa, peraltro, l’inquadramento degli strumenti di tutela giuridica del bene format richiede necessariamente il raffronto con le legislazioni di matrice anglosassone e con gli schemi in esse concepiti.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Gli adulti degli anni ’50 pensavano che si trattasse di trovare un posto al televisore in cucina. Invece la tv voleva un posto nel mondo. (Paolo Taggi) Uno dei fondamenti della nostra società poggia su un ossimoro linguistico, ovvero sulla locuzione esauriente idonea a descrivere la condizione contraddittoria in cui viviamo: il mondo è inquadrabile come “Villaggio globale” ed il “Villaggio globale” è assunto come calco. Questa formula, pertanto, lascia trasparire l‟impeto che i nuovi media conferiscono alla cultura sociale. In realtà, infatti, i due termini dell‟enunciato introdotto da Mcluhan1, studioso delle comunicazioni di massa, si contrastano a vicenda: se il termine “villaggio” si rapporta a qualcosa di esiguo, il lessema “globale” richiama la totalità del pianeta. Oltretutto, nel tempo, il sociologo, ha elaborato ed ha definito lo sviluppo di un epoca elettrica, la quale si è sostituita ad un‟ epoca meccanica, connotando il ritratto dell‟abitante del villaggio come quello di un uomo ancora sospeso tra le due tecnologie, bisognoso di chiarezza nella complessità delle informazioni, attore e spettatore di un'unica realtà. Il villaggio è, pertanto, articolato come dimensione, in cui è possibile muoversi e diffondere speditamente una pluralità di nozioni, nonché il dominio e la conoscenza attraverso un processo di demagificazione. A ben vedere, tuttavia, scaturigine di tale intendimento, potrebbe individuarsi in una prassi tendenzialmente infinita, scandita la 1 Marshall Mc Luhan, Gli strumenti del comunicare, (titolo originale Capire i media ), 1967.

Diploma di Laurea

Facoltà: Scienze dell'Educazione

Autore: Roberta Amodio Contatta »

Composta da 56 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 722 click dal 24/05/2010.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.