Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Studio dell’apoptosi in una linea cellulare umana di adenocarcinoma mammario - mcf 7 - mediante utilizzo di tecniche di citometria a flusso

Lo studio dell’apoptosi nelle cellule è attualmente di primaria importanza visto il suo coinvolgimento in molti processi fisiologici e patologici.
E’, quindi, opportuno valutare i vari metodi di indagine per l’analisi della morte cellulare programmata al fine di organizzare un laboratorio adibito allo studio di tale processo.
Lo scopo della presente tesi è, peraltro, valutare il rapporto tra vantaggi e svantaggi di ogni singola metodica per lo studio dell’apoptosi, ponendo particolare attenzione alle differenze tra metodi tradizionali e analisi citofluorimetriche.
Nell’attenta analisi delle singole tecniche si cercherà di evidenziarne le caratteristiche più vantaggiose, compreso il rapporto costi/benefici, tali da individuare i saggi di determinazione dell’apoptosi migliori per un loro eventuale utizzo in campo diagnostico-terapeutico.
A tal fine, in questa tesi sono presentati dati sperimentali riguardanti lo studio dell’apoptosi in una linea di cellule tumorali umane (MCF-7).

Mostra/Nascondi contenuto.
3 La Citometria a flusso è una tecnica di misura di proprietà delle cellule che rappresenta ormai uno strumento di indagine corrente. Le origini della citometria a flusso sono strettamente connesse con la microscopia ottica. In effetti un citometro a flusso non è altro che un microscopio dotato di un sistema automatico di trasporto delle cellule e di un dispositivo di misura della luce che sostituisce l‟occhio dell‟osservatore. Quest‟ultimo aspetto qualifica in modo specifico la caratteristica principale della citometria a flusso, cioè il fatto che si tratti di una tecnica di misura e non di una tecnica di sola osservazione. Le tecniche di colorazione o, se si preferisce, di reazione con sostanze fluorescenti, rappresentano per la citometria a flusso l‟analogo delle tecniche, prevalentemente in assorbimento, caratteristiche della microscopia ottica. Esse garantiscono elevata sensibilità di misura, per cui è possibile valutare in maniera quantitativa la presenza di sostanze fino a poche centinaia di molecole per cellula. Le misure di fluorescenza non presentano errori distribuzionali e la dipendenza lineare permane qualunque sia la concentrazione della sostanza. Inoltre il maggior inconveniente delle misure di fluorescenza, ovvero l‟attenuazione del segnale in seguito ad

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Pierpaolo Coluccia Contatta »

Composta da 77 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1904 click dal 25/05/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.