Skip to content

La Banca d'Italia come autorità indipendente

Informazioni tesi

  Autore: Pierrenzo Noventa
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Parma
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Giorgio Cugurra
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 78

La tesi consta di tre capitoli:
Il primo riguarda lo sviluppo storico della Banca d'Italia, dalla sua nascita come banca centrale del Regno fino alla nascita del Sistema Europeo di Banche Centrali, con una piccola digressione circa la possibile carenza di legittimazione democratica delle decisionio della B.C.E.;
Il secondo attiene alla struttura della Banca d'Italia in relazione all'ord. giur. interno,con particolare riguardo alle novità introdotte dal testo Unico bancario del 1993 per quanto concerne l'operatività della Banca stessa, oltre che un approfondimento circa i rapporti con il C.IC.R.;
Il terzo capitolo riguarda l'approfondimento della nozione di Autorità Indipendente con riferimento alle motivazioni della nascita di tali centri di potere, agli elementi caratteristici di tali A.I., alla necessità di dare una qualificazione alla natura giuridica di tali centri di potere, alla determinazione di un indice di riconoscibilità per questi organismi: la Neutralità. Il concetto è analizzato sotto due profili:
a) il primo per cui Neutralità è tecnicità, considerazione secondo la quale la Politica ne è esclusa e dunque risulta che la Banca d'Italia non sia configurabile come Autorità Indipendente nel settore creditizio.
b) il secondo per il quale Neutralità equivale a razionalizzazione dell'intervento della politica, che per questa via tutela esigenze nuove sorte per effetto delle operazioni di fusione tra banche ed anche dall'esigenza della collettività del rispetto dei principi informatori della nostra Costituzione che non è di impronta liberistica.
Il mio scritto si inserisce nel senso di rispettare il principio della nascita delle A.I. come esigenza della politica di razionalizzare il suo intervento in campi disparati, libera da qualsivoglia rigidezza.
La discussione mi ha fruttato 6 punti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Premessa L’argomento di questo scritto riguarda la Banca d’Italia, nella sua possibile qualificabilità come Autorità Indipendente; non si può certo affermare che questo sia un argomento sul quale pochi hanno scritto, dato che molta illustre dottrina ha sviluppato profonde valutazioni.L’interesse per quest’argomento sorge dal fatto che la Banca si è sempre posta, all’interno dell’Ordinamento Giuridico Italiano in una posizione particolare: posizione dovuta soprattutto alla titolarità di poteri di particolare intensità, si pensi alla titolarità della Funzione Monetaria la cui principale forma d’estrinsecazione era rappresentata dalla titolarità del potere di emettere moneta che ”è attributo indefettibile della sovranità”, come da tutti sicuramente riconosciuto. Dopo la nascita della Banca Centrale Europea e del Sistema di Banche Centrali Europee, nascita che ha determinato il trasferimento di tali competenze a queste Istituzioni sopranazionali, la Banca d’Italia si pone ancora in una posizione di particolare forza in relazione alle competenze residuatele. Mi riferisco, cioé, al settore della vigilanza del settore creditizio, ambito operativo in cui essa ancora svolge le sue funzioni ordinarie. Prima di aver affrontato il problema della configurabilità della Banca come Autorità Indipendente, è stato opportuno prendere in considerazione in primo luogo, lo sviluppo storico che ha interessato la Banca dal suo atto di nascita, nel 1893 per giungere all’altro atto di nascita, quello della Banca Centrale Europea, il 1° gennaio 1999, unitamente alla contestuale adozione dell’Euro come Moneta Unica; in questo lungo periodo storico sono intervenute le Leggi bancarie del 1936/1938 nonché il nuovo testo unico bancario datato 1° settembre 1993 (attualmente in vigore) che ha apportato dei mutamenti per l’operatività della Banca stessa; basti ricordare l’adozione del principio della Vigilanza prudenziale in luogo di quella Strutturale oppure al recepimento delle direttive comunitarie in materia del credito oppure ancora all’adozione del principio dell’home country control in materia di competenza ad esercitare i controlli che spetta all’Autorità preposta alla vigilanza del paese d’origine della casa madre ma anche l’estensione dell’ambito operativo della vigilanza ai cosiddetti intermediari finanziari non bancari oltre che la nuova sistemazione dei rapporti con il Comitato Interministeriale Credito e Risparmio, sul quale si può assicurare che la Banca abbia una sorta di prevalenza materiale anche se, formalmente, essa ne è sott’ordinata.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

autorità indipendenti
banca centrale europea
banca d'italia
potere regolamentare della banca d'italia
sistema europeo di banche centrali
cicr
diritto pubblico dell'economia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi