Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La scelta del tracciato delle strade romane in rapporto con il territorio

Descrizione del sistema viario romano e l'influenza che su di esso ha esercitato la morfologia del territorio.
Studio della via Flaminia dall'Appennino ad Ariminum.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Il sistema stradale romano ha rappresentato, integrato con la rete dei trasporti marittimi, una delle componenti strutturali fondamentali attraverso cui lo stato si è prima affermato ed ha poi dispiegato, per almeno dieci secoli, il suo dominio su popoli e territori. Nel contempo, la civiltà romana grazie alle strade ha assorbito, fuso e trasformato i contributi e gli influssi culturali ed economici, anche i più disparati e lontani, che hanno finito per conferirle quella dimensione di universalità che le ha consentito di non estinguersi, ma di giungere sino a noi. L‟obiettivo del presente lavoro consiste nel descrivere il sistema viario romano e l‟influenza che su di esso ha esercitato la morfologia del territorio circostante. La struttura della nostra analisi può essere idealmente suddivisa in 2 parti: una prima parte, introduttiva, in cui ci siamo soffermati sulla descrizione delle principali motivazioni che hanno spinto lo Stato romano a dotarsi di un sistema viario strutturato ed organizzato. Alla base di tale scelta, infatti, c‟erano motivazioni diverse: da un lato, c‟erano finalità militari e amministrative strettamente collegate alla volontà di romanizzare tutti i territori interessati, in modo tale da agevolare l‟accesso alle colonie romane, dall‟altro c‟era la volontà di incoraggiare un contatto fra potere centrale e popolazioni circostanti in modo da consentire, come logica conseguenza, un aumento degli scambi culturali e commerciali; infine, la possibilità di sfruttare, nella realizzazione delle nuove infrastrutture, le conoscenze territoriali e le capacità logistiche delle truppe militari vista anche l‟esigenza di non lasciarle nell‟ozio nei loro accampamenti. La seconda parte del presente lavoro, invece, è stata completamente dedicata all‟esame di una delle più importanti vie consolari che percorrevano trasversalmente l‟Italia congiungendo la costa tirrenica con quella adriatica: l‟antica via Flaminia. In particolare, focalizzeremo la nostra attenzione sul tracciato che da Roma si è sviluppato fino ad Ariminum, l‟odierna Rimini, per poi concentrarci in modo

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giorgia Turchetti Contatta »

Composta da 148 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 703 click dal 28/05/2010.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:
×