Skip to content

Unione monetaria europea e sistema federale

Informazioni tesi

  Autore: Mario Leone
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1995-96
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Ruggero Paladini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 232

Nell'approntare un'analisi quanto più completa possibile non può trascurarsi l'importante ruolo assunto nel passato da sistemi monetari più o meno efficienti. La storia monetaria e finanziaria ha visto sin dal 1870 regimi che hanno tentato, poiché di tentativi si è trattato, di giungere ad una integrazione addirittura mondiale delle valute internazionali.
Prima di tutto è necessario considerare il concetto che si adopererà nell'esprimere la necessità di un cambio fisso tra le monete, se non addirittura nello specifico nostro argomento, la definizione di una moneta unica per l'Europa, e cioè l'espressione maggiormente usata nelle relazioni internazionali economiche di un paese con uno stato estero, la bilancia dei pagamenti.
Questo documento ha lo scopo di valutare sistematicamente le transazioni economiche che si verificano in un dato periodo di tempo tra i residenti del paese che effettua la rilevazione e i residenti degli altri paesi (stranieri). Il Fondo Monetario Internazionale ha definito il significato delle transazioni come segue: "si verifica una transazione economica allorché un valore economico è fornito da un'unità economica a un'altra: per valori economici essendo da intendere i beni e servizi, nonché i trasferimenti finanziari" (moneta, crediti, ecc...), "talvolta i valori economici si scambiano contro valori, ma talora essi sono forniti o acquisiti senza corrispettivo".
Alcune altre definizioni vanno chiarite. Il F.M.I. afferma che per residente si individuano le persone, gli enti e gli istituti internazionali. Le persone sono cittadini di uno stato che stabilmente vivono nel paese stesso della rilevazione. Gli enti sono lo Stato, gli enti locali, gli enti morali e quelli a fine di lucro. Gli istituti internazionali sono quelli considerati come se non appartenessero al paese in cui sono situati.
La bilancia dei pagamenti valutaria e la bilancia commerciale sono altri due strumenti necessari ai fini della nostra analisi. La registrazione tra esborsi e incassi valutari è propria di un bilancio di cassa che è il documento redatto in base alla precedente bilancia valutaria. Lo svolgimento delle transazioni economiche che risultano dai dati doganali designa la bilancia commerciale.
I movimenti di capitale (prestiti, investimenti, crediti commerciali, liquidità monetarie) e le partite correnti (importazioni ed esportazioni di merci) sommate algebricamente determinano un altro elemento portante della nostra riflessione: il saldo della bilancia dei pagamenti.
Tutto ciò per individuare l'obiettivo del cosiddetto aggiustamento della bilancia, un saldo che delimiti il surplus o il deficit di bilancio di un paese.
Ma non possiamo esimerci dall'evidenziare che vi sono definizioni macroeconomiche che influenzano il settore finanziario. Si consideri l'estrema importanza assunta dall'inflazione, cioè quell'indice generale d'aumento dei prezzi, che determina disfunzioni settoriali e globali potenzialmente in grado di destabilizzare l'intero assetto economico-monetario di uno Stato. L'obiettivo ormai a portata dei paesi maggiormente industrializzati è il controllo del tasso di incremento dei prezzi, il controllo dell'automatico processo inflazionistico, che è supportato, sino ad oggi, oltre che dall'offerta di moneta, dall'interscambio transnazionale dei beni. Infatti se l'inflazione non è estesa ai paesi partner, l'aumento dei prezzi scoraggerà le esportazioni e incoraggerà le importazioni. Ma il paese coinvolto nella spirale "potrà bilanciare l'aumento nei prezzi delle sue esportazioni - afferma Schultze - solo svalutando la propria moneta, ma, finché il cambio è fisso, un'inflazione causata da un eccesso di spesa in una nazione sarà temperata dell'effetto dell'aumento dei prezzi sulle sue esportazioni".

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
A     % %'"# "&$'#%& %$'$#*%&$#' )#+&%!%$' )'+%$'!#*%&$' "&$'#%# '& '# ## %% )' ' '$' "&$'#%&  % %'"# "&$'#%& %$'$#*%&$#'       ,    !      " #        $ %   &       & '( )%* ! *    %+    &         &                   ,-. -/0       ) 1 !                ,    0     &  &     ,    0    / 7    ,   0 ,    0     &     &  & ,    0   #       )# %'"# "&$'#%& %$'$#*%&$#' # &'& )% %$'!#*%&$' '& '&  1  2     3  !'& '      '   1   4               1)   5   2    6 5 5  '  + 7          +   3    !  "     1          ,    0  1   3  "  7 3   8        ,    0                     &      & 1        ,    0 9   $ ' 2  ,    0     92    ,    0  :  + ,    0        &  !&  2  3   %     ,    0  "   ,    03      

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi