Skip to content

La politica della concorrenza nell'esperienza italiana

Informazioni tesi

  Autore: Maddalena Mozzillo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Seconda Università degli Studi di Napoli
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Domenico Sarno
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 85

L’esistenza del diritto antitrust è strettamente connessa all’affermazione dell’economia di mercato nel mondo industrializzato, tuttavia la teoria economica ci insegna che anche quando il mercato è libero non necessariamente si creano le condizioni che garantiscono la libertà di iniziativa economica per i singoli individui, poiché possono sussistere delle ragioni di carattere oggettivo come l’esistenza di monopoli naturali o di economie di scala, o soggettivo come i comportamenti strategici o le condotte degli agenti economici, che limitano tale libertà incidente negativamente sulla concorrenzialità dei mercati.
Ad esempio le imprese possono porre in essere delle strategie deterrenti o colludere al fine di scoraggiare l’entrata sul mercato di eventuali rivali o favorirne l’uscita. Quindi la concorrenzialità del mercato, risultando un elemento fondamentale per l’allocazione efficiente delle risorse nel paradigma economico dominante, deve essere tutelata da un complesso di regole definito diritto antitrust. Delineate nei tratti generali le ragioni che sono alla base della legislazione a tutela della concorrenza, è indispensabile adesso analizzare i vari capitoli trattati.
Nel primo capitolo è stata esaminata la forma di mercato che meno assomiglia alla concorrenza perfetta, cioè il monopolio, analizzando i quattro fattori che danno origine a questa struttura di mercato: 1) il controllo su input fondamentali, 2) le economie di scala, 3) i brevetti e 4) le licenze governative.
Scopriremo che per il monopolista la regola per la massimizzazione del profitto nel breve periodo è uguale a quella seguita dalle imprese in concorrenza perfetta e, infine, tratteremo dei monopoli naturali, cioè mercati caratterizzati da curve di costo medio di lungo periodo sempre decrescenti.
Il secondo capitolo è essenzialmente finalizzato all’inquadramento della legge 287/1990 e il funzionamento dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato. L’analisi terrà conto della composizione dell’autorità garante, dei suoi obiettivi e della sua autonomia organizzativa.
Inoltre inquadreremo i poteri riconosciuti a tale autorità, non solo al fine di reprimere le condotte illecite con poteri di intervento diretto, ma anche, al fine di realizzare una coerenza tra obiettivi e comportamenti, ed infine verranno analizzate le fattispecie rilevanti dal punto di vista sostanziale (intese restrittive, abuso di posizione dominante e concentrazioni).
Il terzo ed ultimo capitolo approfondisce il caso Telepiù-Stream, ovvero analizza l’evoluzione della pay -Tv in Italia. Dopo aver ripercorso le fasi evolutive della sua struttura di mercato nell’ alternanza tra monopolio e duopolio, vengono esaminate le strategie competitive degli operatori, focalizzando l’attenzione sul ruolo giocato dall’accumulo dei diritti televisivi premium e sul loro potenziale di deterrenza e chiusura verticale del mercato. Successivamente verranno esaminati i principali interventi dell’Autorità Antitrust nazionale e comunitaria nella pay-Tv (provv. AGCM n. 8386 del 2000 e n. 10716 del 2002), e ne verranno discusse la logica e l’efficacia in termini di salvaguardia della contendibilità del mercato e del benessere del consumatore, anche alla luce della letteratura teorica di riferimento.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione L’esistenza del diritto antitrust è strettamente connessa all’affermazione dell’economia di mercato nel mondo industrializzato, tuttavia la teoria economica ci insegna che anche quando il mercato è libero non necessariamente si creano le condizioni che garantiscono la libertà di iniziativa economica per i singoli individui, poiché possono sussistere delle ragioni di carattere oggettivo come l’esistenza di monopoli naturali o di economie di scala, o soggettivo come i comportamenti strategici o le condotte degli agenti economici, che limitano tale libertà incidente negativamente sulla concorrenzialità dei mercati. Ad esempio le imprese possono porre in essere delle strategie deterrenti o colludere al fine di scoraggiare l’entrata sul mercato di eventuali rivali o favorirne l’uscita. Quindi la concorrenzialità del mercato, risultando un elemento fondamentale per l’allocazione efficiente delle risorse nel paradigma economico dominante, deve essere tutelata da un complesso di regole definito diritto antitrust.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi