Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Lo statuto giuridico dell'embrione nella legge 40/2004

L’introduzione di una disciplina italiana sulla procreazione medicalmente assistita con la legge 40/2004 ha creato notevoli ambiguità sia di tipo interpretativo che, soprattutto, di carattere applicativo nella delicatissima materia; ambiguità che sono state in parte superate per intervento della giurisprudenza sia di merito che costituzionale, anche alla luce delle legislazioni straniere in materia di procreazione assistita. La ricerca intende, tramite un’indagine comparatistica, esplorare i caratteri ed evidenziare le ambiguità di una legge che ha fatto tanto discutere.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 PRESENTAZIONE Prima di entrare nel vivo dell’argomento, e affrontare le tematiche che più fanno discutere in questi anni, mettendo a confronto il diritto di famiglia con l’inarrestabile progresso scientifico-tecnologico, intendo fare qualche premessa sulla materia che sta alla base di tali dibattiti e che, a mio parere, ha consentito l’instaurazione di rapporti tra discipline apparentemente co- sì diverse, come la medicina, l’etica, la filosofia e il diritto: la bioetica. Perché la bioetica oggi fa tanto discutere? Perché i riflettori dei mass me- dia sono, oggi, puntati su fatti e avvenimenti ad essa connessi? C’è una ra- gione forte e specifica che spiega tanto interesse: la bioetica ha una rica- duta diretta e decisiva sul mondo del diritto: in fondo se questioni come la procreazione assistita,, l’aborto, la clonazione, l’eutanasia, di cui, peral- tro,si sta discutendo molto, non avessero una dimensione giuridica, il di- battito bioetico resterebbe circoscritto al territorio delle riflessioni filosofi- che e scientifiche. I dibattiti dei moralisti e dei teologi - nonché dei medici e dei filosofi - rimarrebbero fini a se stessi e non arriverebbero alle orec- chie dell’uomo qualunque. In realtà le questioni bioetiche hanno un gran- de impatto sulla pubblica opinione, dando adito a polemiche e discussioni. La ragione è che le scelte bioetiche incidono sulla vita pubblica, e dunque politica e giuridica della nostra società. La bioetica costringe la nostra so- cietà a fare un passo indietro e tornare a riflettere sulle “regole del gioco”, cioè sul modo in cui s’intende tutelare la libertà umana, imporre i doveri, tutelare la persona, garantire la giustizia, ci costringe a rivalutare concetti come il diritto alla vita, il diritto ad avere una famiglia, il diritto alla salute.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Andrea Cozza Contatta »

Composta da 245 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3691 click dal 08/06/2010.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.