Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Responsabilità sociale e obesità infantile

L’affollamento pubblicitario sta creando dei grossi danni nella crescita e nella salute dei bambini, che sono più vulnerabili agli attacchi del marketing. Inoltre porta ad accelerare il processo di crescita dei bambini che si sta verificando nella società attuale e lentamente tende ad accorciarsi il periodo dell’infanzia, proiettando i ragazzi in una dimensione dove gli uomini restano sempre bambini e i bambini nascono già uomini. In secondo luogo va a favorire uno stile di vita che comporta come rischio concreto l’obesità. All'età di 9 anni in città campione di Lombardia, Toscana, Emilia Romagna, Campania, Puglia e Calabria, il 23,9% dei bambini è in sovrappeso e il 13,6% è obeso. L’obesità può dipendere da tre fattori. Da fattori organici, cioè se un bambino presenta genitori obesi, è più facile che diventi obeso, fattori psicologici dovuti molto spesso ad alterazioni del sistema familiare, e fattori socio-ambientali, quali una cattiva alimentazione e praticare attivamente attività sedentarie, come lo star seduti davanti al televisore. La maggior parte dei bambini italiani, infatti, guarda la televisione in media dalle 2 alle 3 ore al giorno. Le ore di tv più viste dai bambini sono le ore che vanno dalle 16:00 alle 19:00, la cosiddetta fascia protetta. La fascia protetta è stata creata nel 1990 per proteggere i minori da immagini che possono essere lesive perché ritenute troppo violente od oscene. Le aziende la utilizzano come canale principale per intraprendere campagne di marketing rivolte al target dei bambini e degli adolescenti. Il marketing aggressivo rivolto ai minori sta lentamente conquistando anche la rete. Internet, infatti, è la nuova frontiera della pubblicità, perché permette l’interazione con l’utente e la personalizzazione dei contenuti. Le aziende produttrici di merendine o produttrici dei cosiddetti “junk food” (cibo spazzatura) promuovono uno stile di vita malsano e una comunità priva di valori, dove il cibo e il denaro sono mezzi per ottenere la felicità. Una cattiva alimentazione porta inevitabilmente al rischio effettivo dell’incremento di obesità, che ha effetti negativi sulla salute del bambino e può ripercuotersi anche in futuro quando diventerà adulto. L’obiettivo della tesi è di comprendere come le aziende produttrici dei cibi ad alto contenuto calorico possano limitare i danni causati dal rischio di obesità. Non esiste ancora una regolamentazione della pubblicità e della promozione di prodotti alimentari per i bambini nell’Unione Europea o a livello mondiale, però le cose stanno iniziando a cambiare. Le imprese dal canto loro possono adottare una condotta responsabile per limitare i danni provocati da un affollamento pubblicitario. Adottare un approccio responsabile nei confronti del mercato e dei consumatori èinfatti, oltre che un vantaggio per le imprese stesse, un modo efficace per limitare l’abuso di cibi spazzatura e, di conseguenza frenare l’aumento di obesità nei giovani.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE La pubblicit Ł ormai parte della nostra vita. Abbiamo contatti con lei in ogni momento della giornata, dalla colazione, al viaggio per raggiungere il lavoro. Ci accompagna durante i programmi in tv e durante la vita di tutti i giorni. La pubblicit Ł ovunque e ormai siamo talmente abituati a vederla che non ci facciamo nemmeno caso. Quest affollamento pubblicitario per sta creando dei grossi danni nella crescita e nella salute dei bambini, che sono piø vulnerabili agli attacchi del marketing. Inoltre porta ad accelerare il processo di crescita dei bambini che si sta verificando nella societ attual e e lentamente tende ad accorciarsi il periodo dell infanzia, proiettando i ragazzi in una dimensione dove gli uomini restano sempre bambini e i bambini nascono gi uomini. In secondo luogo va a favorire uno stile di vita che comporta come rischio concreto l obesit . All’et di 9 anni in citt campione di Lombardia, T oscana, Emilia Romagna, Campania, Puglia e Calabria, il 23,9% dei bambini Ł in sovrappeso e il 13,6% Ł obeso. L obesit pu dipendere da tre fattori. Da f attori organici, cioŁ se un bambino presenta genitori obesi, Ł piø facile che diventi obeso, fattori psicologici dovuti molto spesso ad alterazioni del sistema familiare, e fattori socio-ambientali, quali una cattiva alimentazione e praticare attivamente attivit sedentarie, come lo star seduti davanti al televisore. La maggior parte dei bambini italiani, infatti, guarda la televisione in media dalle 2 alle 3 ore al giorno. Le ore di tv piø viste dai bambini sono le ore che vanno dalle 16:00 alle 19:00, la cosiddetta fascia protetta. La fascia protetta Ł stata creata nel 1990 per proteggere i minori da immagini che possono essere lesive perchØ ritenute troppo violente od oscene. Le aziende la utilizzano come canale principale per intraprendere campagne di marketing rivolte al target dei bambini e degli adolescenti. Secondo la nota ricerca In bocca al lupo. Spot alimentari e minori , condotta da Maria D Amato in collaborazione con l Osservatorio di Pavia e il Dipartimento di Scienze dell Educazione dell Universit Roma Tre, in Italia durante queste ore un bambino viene indotto al

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Massimo Serrajotto Contatta »

Composta da 56 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4717 click dal 09/06/2010.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.