Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il cinema americano fra l'11 settembre e l'elezione di Obama. Temi e caratteristiche di una parabola allegorica.

Come il sogno si incunea nella coscienza individuale, rivelando paure e desideri, nello stesso modo il cinema rivela le speranze, come gli incubi, di una popolazione. Il film non nasce in laboratori chiusi, forgiato esclusivamente da esigenze estetiche o economiche, ma è un magma che si lascia plasmare dagli stati d’animo dello spettatore. E’ dall’incontro dello sguardo del pubblico e la luce dello schermo che nasce la cinematografia futura: da una parte, lo spettatore dà abitazione al film nutrendo la propria visione della realtà; dall’altro, il film deve necessariamente seguire i binari tracciati dall’immaginario collettivo.
Ed è normale che un evento come l’11 settembre, il quale ha sancito una “dichiarazione di guerra depositata non ad ambasciatori, ma allo sguardo di ciascuno di noi”, abbia prodotto degli effetti devastanti sulla cinematografia americana. Effetti che non sono da rinvenire solo epidermicamente, ovvero nella presenza di film che ricostruiscono, sotto plurime prospettive, il crollo delle Twin Towers o l’ossimorica operazione di guerra “Giustizia Infinita”. Gli effetti più importanti sulla cinematografia hollywoodiana sono invece da ritrovare nella grammatica dei nuovi film, nelle allegorie, nel nuovo modo di concepire la frontiera. Come la storia americana, anche il cinema americano è un cinema di frontiera. Come scrive Gian Piero Brunetta, la frontiera ha sempre funzionato per lenire i sensi di colpa americani legati alla colonizzazione. Per questo, essa è sempre stata un luogo d’incontro, non di scontro, uno spazio palingenetico dell’io che diviene noi: è nel deserto che, anticamente, il pioniere smarriva le radici europee e sognava una società migliore. Ma dall’11 settembre in poi, Hollywood ha realizzato una serie di opere che esprimono una chiusura spazio/temporale, concentrate nella paura dell’altro e nell’angoscia del futuro. La frontiera, quintessenza della cinematografia made in Usa, oggi è un luogo rimosso o pericoloso. Quando non conduce alla morte, è osteggiata, negata o, al massimo, vissuta in parentesi oniriche che contrastano con gli spazi angusti del reale. Si tratta di storie paralizzate nell’introspezione, di personaggi incapaci di guardare avanti.
Dall’11 settembre ad oggi, a quasi due anni dall’elezione del primo Presidente di colore della storia degli States, qualcosa nel cinema americano sta di nuovo cambiando. Dove prima l’uomo era in balìa del wildness, ed una forza ignota, parente del caos, lo costringeva ad esimersi dal rischio di provare a cambiare le cose, ora lo stesso uomo inizia ad aver coscienza che il controllo di ciò che lo circonda può essere nelle proprie mani. Forse la paura sta lasciando posto alla speranza.

L’analisi della nuova stagione cinematografica americana viene compiuta attraverso l’analisi di alcuni più importanti film usciti dal 2002 al 2009. Fra i titoli, “La 25ma ora”, “The village”, “A history of violence”, “Radio America”, “Non è un paese per vecchi”, “E venne il giorno”, “The Wrestler”, fino all’epocale “Gran Torino”.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE «Papà mi diceva: "Hai notato la gioia che si prova quando si rivede il sole dopo aver attraversato un tunnel? Ebbene, guarda la tua vita d’ogni giorno come se uscissi sempre da un tunnel"» (“Mister Smith va a Washington” di Frank Capra, 1939). È l’ottimismo di Frank Capra. È la continua ricerca di spazi del cinema americano, insofferente, da sempre, ai luoghi angusti. Spazi narrativi. Spazi esistenziali. Spazi, o meglio, mercati economici. È l’energia positiva dell’american way of life, quintessenza dell’ideologia propagandistica americana. Energia diffusa anche, e soprattutto, attraverso il cinema, in tutto il pianeta. Il suadente bagliore che, travalicando l’oscurità delle sale, da Hollywood si espande in ogni angolo del mondo, proprio dal momento in cui crollano i grandi imperi coloniali. Una nuova forma di colonizzazione culturale, forse ideologica; una produzione di sogni che, inebrianti elisir, creano nuove realtà. Agli occhi del mondo, l’America è il suo cinema. Eppure, oltre il sipario a stelle e strisce, il cinema americano è gravido d’inquietudini. Angosce che ribolliscono in stanze serrate come la coscienza. Solo talvolta emergono, soprattutto nei periodi storicamente più travagliati e significativi. Perchè lo schermo è una superficie riflettente che restituisce agli spettatori i sogni, come gli incubi, della popolazione.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Dario Di Viesto Contatta »

Composta da 117 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1152 click dal 09/06/2010.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.