Skip to content

Progettare i luoghi di lavoro intorno all'uomo. Prospetto organizzativo di un dipartimento di area critica in costruzione.

Informazioni tesi

  Autore: Nadia Cavalli
  Tipo: Tesi di Master
Master in Master in management e funzioni di coordinamento delle professioni sanitarie
Anno: 2010
Docente/Relatore: Federica Borelli
Istituito da: Università Telematica TEL.M.A.
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 85

Le organizzazioni interessate a promuovere migliori livelli di benessere e salute collettiva, oltre ad una efficace crescita produttiva, devono sviluppare un adeguato grado di benessere fisico e psicologico dei lavoratori, alimentando costruttivamente la loro convivenza sociale. Consistendo il benessere organizzativo nella qualità della relazione esistente tra le persone e il contesto di lavoro, accanto allo studio dei classici rischi legati al tema della sicurezza lavorativa (biologico, fisico, chimico, organizzativo-procedurale), è stato affiancato quello del rischio psicosociale che riguarda variabili legate al clima organizzativo ed agli stili di convivenza sociale. Un modello nelle "organizzazioni in salute" vede i lavoratori quali protagonisti che possono contribuire al successo aziendale, a patto che si creino le condizioni per la loro sicurezza, per il soddisfacimento dei loro bisogni di significato e di riconoscimento, nell’ottica di una logica di giustizia. Sempre di più, quindi, le organizzazioni sono chiamate a crescere e svilupparsi promuovendo un adeguato grado di benessere fisico e psicologico. Solo attraverso progetti e prassi che tendano a fornire significato al lavoro, alle mansioni, agli obiettivi e, in generale, a ciò che accade nella vita organizzativa, è possibile migliorare concretamente il benessere dei lavoratori. Il nuovo Ospedale San Giacomo a Castelfranco Veneto, realizzato con un sistema di finanziamento pubblico/privato in finanza di progetto (project financing), è stato concepito come un’operazione di finanziamento a lungo termine, che consiste nell'utilizzo di una società privata neocostituita che serve a mantenere separati gli assets del progetto da quelli dei soggetti proponenti l'iniziativa d'investimento (i cosiddetti "promotori"). La società è finanziata sia da capitale equity (azioni), fornito dai promotori, che da capitale di debito (obbligazioni) ottenuto da un pool di banche. In questo contesto si inserisce la progettazione “dell’area critica” oggetto del nostro studio che identifica un approccio globale nella gestione dei servizi di Pronto Soccorso, Rianimazione, Stroke Unit, Cardiologia interventistica, UTIC. Il presente lavoro intende dimostrare, nella complessità delle lavorazioni coinvolte, una logica di miglioramento e di sviluppo della qualità anche attraverso il confronto dello stato di salute dei singoli lavoratori tra la precedente esperienza lavorativa e la nuova organizzazione del lavoro, in un contesto dove siano ripartiti equamente i compiti della nuova gestione pubblico/privato, che ha inciso profondamente nelle consuetudini lavorative di un’azienda sanitaria.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 1 – IL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE 1.1 – L’ORGANIZZAZIONE L’organizzazione è il coordinamento razionale delle attività di un gruppo di persone al fine di raggiungere un obiettivo comune ed esplicito, attraverso la divisione del lavoro e delle funzioni e mediante una gerarchia di autorità e di responsabilità. Nelle scienze sociali il termine organizzazione1 è usato in tre accezioni diverse per indicare sia l’attività diretta a stabilire, mediante norme esplicite, relazioni durevoli tra le persone di un gruppo in modo da renderle in grado di conseguire uno scopo preordinato, sia l’entità, composta di persone e risorse, formalmente costituita per raggiungere un obiettivo, sia la struttura delle relazioni previste e codificate entro un’azienda. Dalla seconda accezione, quella più usata nel nostro paese, emerge che l’elemento cruciale è il fine organizzativo e che la razionalità dei comportamenti dell’individuo e dell’organizzazione stessa è un presupposto fondamentale. Per H. Simon le organizzazioni esistono per ampliare la razionalità dei singoli individui, delimitando le alternative e fornendo informazioni sufficienti a scegliere, perché l’uomo è caratterizzato da una razionalità limitata. Tra le varie definizioni di organizzazione, quella che sembra più appropriata la definisce come una forma di azione collettiva reiterata, basata su processi di differenziazione e di integrazione tendenzialmente stabili ed intenzionali2. L’insieme delle modalità con cui un’organizzazione gestisce e governa i processi di differenziazione ed integrazione è detta struttura organizzativa. I tre tipi ideali di struttura organizzativa sono la struttura funzionale, che accorpa coloro che hanno le stesse conoscenze e compiono la stessa attività privilegiando il momento della differenziazione e dimostrandosi efficace ed efficiente in ambienti stabili, la struttura divisionale che, privilegiando il criterio del risultato e 1Pedon A., Gallucci C. (1997), Appunti di Psicologia del lavoro,Libreria Cortina, Padova, p. 45. 2 Per differenziazione si intende il processo per il quale gli individui si specializzano per eseguire sempre meglio un compito lavorativo. In genere la differenziazione si consolida nel sistema dei ruoli. L’integrazione riporta ad unità di intenti gli sforzi prodotti dai singoli ruoli. La modalità più tipica dell’integrazione è la gerarchia, oltre alle norme e alle procedure che prescrivono specifiche modalità di comportamento. Ferrante M., Zan S. (1999), Il fenomeno organizzativo, Carocci, Roma, pp. 31, 123- 124.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

area critica
benessere organizzativo
miglioramento qualità
project financing
rischio psico sociale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi