Skip to content

La ''pasta'': certezza nutrizionale della cultura italiana

Informazioni tesi

  Autore: Giulia Daviddi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Agraria
  Corso: Economia e cultura dell'alimentazione
  Relatore: Roberto Coli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 115

In Italia, nonostante il tradizionalismo culinario di base che caratterizza il Bel Paese, negli ultimi anni si sono verificati dei cambiamenti consistenti nello stile di vita e, di conseguenza, nella dieta degli italiani. Ponendoci, dunque, la domanda su quale sia attualmente la tendenza delle abitudini alimentari italiane, si evince come si stia affermando sempre di più il fenomeno della destrutturazione del pasto a discapito del consumo di un pasto completo. Da queste osservazioni si capisce quindi come è importante riuscire a poter ancora razionalizzare i propri regimi dietetici, riuscendo a dare il giusto valore ad un piatto come la pasta, primo piatto per eccellenza in Italia, capace di contribuire a quell’equilibrio tra i principi alimentari che la dieta razionale-mediterranea richiede. È forse per questo che il piatto unico, piatto nutrizionalmente completo, riveste, oggi, nei Paesi occidentali un ruolo centrale nella gestione della dieta. La pasta è composta per la maggior parte da carboidrati complessi, di cui l’esponente per eccellenza è l’amido, polisaccaride costituito da due catene polisaccaridiche, l’amilosio (per il 20-25%) e l’amilopectina (per il 75-80%); presenta, inoltre, un buon contenuto in proteine, fibra alimentare e sali minerali, quali calcio e fosforo, e un basso quantitativo di lipidi. Dal punto di vista economico, il settore pasta ricopre ancora un ruolo di primaria importanza nell’ambito dell’industria agro-alimentare italiana, tanto che il nostro Paese è stabilmente in testa alla graduatoria mondiale di produzione e consumo di paste alimentari. Il mercato della pasta si suddivide in tre settori: il mercato della pasta secca, stabile, con un leader assoluto e diversi competitor nazionali, caratterizzato dalla grande disomogeneità territoriale; il mercato della pasta fresca, che presenta con una domanda in crescita poiché continuamente recettiva nei confronti delle novità di prodotto: si tratta, infatti, di un mercato che, a differenza di quello contiguo della pasta secca, presenta una fragilità connaturata a consumi che non fanno parte stabilmente del paniere di spesa della famiglia media; infine il mercato dei primi piatti in busta, che vuole rispondere alle esigenze della vita quotidiana, quali minor tempo a disposizione per cucinare che, associato alla frenesia dei tempi, genera cambiamenti nelle abitudini alimentari e negli stili di vita. Ma che cos’è la pasta? Secondo il decreto 187/01 del Presidente della Repubblica, attualmente in vigore, “Sono denominati pasta di semola di grano duro e pasta di semolato di grano duro, i prodotti ottenuti dalla trafilazione, laminazione e conseguente essiccamento di impasti preparati rispettivamente ed esclusivamente con semola di grano duro e acqua, o semolato di grano duro e acqua” (D.Lgs. 187/01, art. 6, comma 1). In revisione dell’art. 29 della legge 580/67, il decreto 187, all’art. 6, legifera che la pasta può esser destinata al commercio se prodotta nel rispetto di alcuni requisiti. Come suddetto, la pasta ha origine dalla semola, prodotto di macinazione del grano duro (Triticum durum). Esistono più di un centinaio di tipi di pasta prodotti in Italia. È possibile fare una classificazione dal punto di vista tecnologico, a seconda del sistema di formatura-trafilazione e di essiccazione, due fasi del processo tecnologico di produzione della pasta secca successive alla miscelazione-impastamento ed estrusione. Per la pasta fresca le operazioni unitarie del processo produttivo sono simili a quelle della produzione della pasta secca, eccetto che per la pastorizzazione e per l’essiccazione che in questo caso è sostituita da un’essiccazione parziale. Nutrizionalmente parlando, la pasta è un alimento che, oltre a costituire una buona fonte di energia, presenta anche un basso indice glicemico e una buona digeribilità, poiché composta da amidi; gli amidi vengono digeriti dagli enzimi α- amilasi e quindi facilmente assorbiti. La pasta induce picchi iperglicemici post-prandiali bassi e schiacciati, con conseguente, prolungato senso di sazietà, modulato proprio dalla presenza di amidi. La ripartizione più corretta ed equilibrata tra i principi alimentari, secondo le Linee guida è data da un apporto di carboidrati compreso tra il 55 e il 60% dell’energia totale giornaliera, prevalentemente sottoforma di carboidrati complessi, mentre andrebbe contenuta la quota di zuccheri semplici raffinati (massimo 10%). Tali raccomandazioni sono valide sia per la dieta del bambino che per quella di un soggetto sano e adulto, mentre per l’atleta l’introito glucidico si raccomanda di aumentarlo al 60-70%, dato il fabbisogno calorico giornaliero superiore all’individuo normale. Si può concludere, dunque, che eliminando o diminuendo l’apporto glucidico si sbilanciano i rapporti % ottimali tra i principi alimentari energetici, portando la dieta a diventare iperlipidica e/o iperproteica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 1. INTRODUZIONE Il successo del settore alimentare italiano è innegabile che sia in parte riconducibile ad un insieme di considerazioni che attengono agli aspetti culturali e relazionali dello stile alimentare italiano, della sua storia antica e della sua evoluzione recente. Infatti, a differenza di quello che è successo in altri Paesi, in Italia l‟industrializzazione della produzione alimentare non si è sovrapposta alla cultura preesistente inventando e “imponendo” nuovi prodotti, ma da essa ha attinto ed in essa si è inserita. Nonostante il tradizionalismo culinario di base che caratterizza il Bel Paese, negli ultimi anni si sono verificati comunque dei cambiamenti consistenti nella dieta degli italiani. Rispetto a qualche decina di anni fa, attualmente, si mangia molto più frequentemente fuori casa, come confermato dalla percentuale di spesa destinata ai consumi extra-domestici che è aumentata sensibilmente (passando dal 16% al 32%), e di quella destinata ai consumi domestici che è invece diminuita (dall‟84% al 68%). Sono comparsi anche dei nuovi settori, come quello del “pronto”, quello “etnico” e quello “salute”, dove spiccano i prodotti dietetici, gli integratori alimentari, gli alimenti funzionali. Il concetto di mangiar sano è, infatti, al centro dell‟attenzione dei consumatori che sono alla ricerca di un corretto stile di vita complessivo, del quale l‟alimentazione è parte integrante. L‟industria alimentare ha risposto a questi cambiamenti in due modi: da una parte puntando a valorizzare la tradizione alimentare mediterranea (pane, pasta, formaggi, olio d‟oliva, pomodoro ecc), dall‟altra facendo leva sull‟innovazione di prodotto per ottenere miglioramenti in termini di riduzione del contenuto di grassi, zuccheri semplici, sale, oppure individuando “nuovi prodotti”. Recentemente, poi, il concetto di cibo salutistico si lega strettamente a quello di sicurezza alimentare, influenzata dalla qualità delle derrate alimentari e dai controlli effettuati dagli stessi produttori sui prodotti all‟origine (materie prime), diminuendo così la

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

amido
carboidrati
destrutturazione
indice glicemico
linee guida
nutrizionale
pasta

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi