Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Adeguamento energetico di una palazzina isolata

Analisi dei sistemi e delle metodologie costruttive atti al recupero energetico di una specifica tipologia edilizia. Approfondimento del sistema di isolamento a cappotto e dei vari materiali isolanti adottabili. Studio dei sistemi di generazione energetica e delle fonti rinnovabili. Esame di un caso reale con analisi dei benefici in termini energetici ed economici.

Mostra/Nascondi contenuto.
Adeguamento energetico di una palazzina isolata -Relazione- 7 1. Presentazione 1.1. Concetti generali L’idea di questa trattazione nasce dall’esigenza di valutare e codificare un modo di progettare rinnovato che, nel rispetto delle recenti normative in fatto di risparmio energetico e benessere acustico, riesca a conciliare comfort ambientale, ottimizzazione dell’uso delle risorse e risparmio economico. L’aspetto energetico ha una particolare rilevanza in quanto l’edilizia abitativa rappresenta una grande fetta della richiesta globale. Sotto questo punto di vista occorrerà perseguire due obiettivi: ridurre i consumi energetici delle unità abitative e orientarsi verso un utilizzo sempre più massiccio di energie provenienti da fonti rinnovabili (come, per esempio, l’idroelettrica, la biomassa e il solare). Negli anni ’60 e ’70 si è costruito pensando che il petrolio potesse durare per sempre e che, soprattutto, non costasse niente. Le case la cui costruzione risale a quel periodo presentano spese di gestione molto alte e comunque livelli di comfort relativamente bassi. Con il passare degli anni si è cominciato a costruire aumentando pian piano l’attenzione a questi temi ma ancora in maniera insufficiente. Solo dalla fine degli anni ’80 si è cominciato a parlare di effetto serra, di innalzamento della temperatura della superficie terrestre, di cambiamenti climatici, di rapido consumo delle risorse rinnovabili e di sviluppo sostenibile. In Europa l’edilizia ha purtroppo un forte impatto sull’ambiente: i dati dicono che questo settore assorbe il 45% dell’energia prodotta, produce il 50% dell’inquinamento atmosferico, impiega il 50% delle risorse del sottosuolo e, altro tema di grande attualità e particolarmente delicato, produce il 50% dei rifiuti prodotti annualmente. Le condizioni dell’Italia non sono

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Luca Innocenti Contatta »

Composta da 309 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1306 click dal 25/06/2010.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.