Skip to content

Sindrome frontale: valutazione multidimensionale ed individuazione degli obiettivi riabilitativi

Informazioni tesi

  Autore: Elisa Fratini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Fisioterapia
  Relatore: Mauro Zampolini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 298

Introduzione: la Sindrome Frontale nelle sue varie articolazioni interferisce con il programma fisioterapico e conseguentemente necessita di interventi multiprofessionali. A tale scopo è stata ideata una specifica scheda di valutazione, ed è stato realizzato uno studio sperimentale. Endpoint primario dello studio: validazione di una scheda per la valutazione della Sindrome Frontale. Endpoint secondario: applicabilità del sistema nei vari setting clinici. Partecipanti: 40persone sane(gruppo controllo) e 10persone con lesione cerebrale in sede frontale(gruppo studio). Criteri di inclusione del gruppo studio: presenza di lesione cerebrale in sede frontale, età 18–85 anni, distanza dal trauma 1–24 mesi. Materiali e metodi: scale di valutazione di riferimento quali GOAT, FAB, MMSE, Item-Bank per la misurazione dello stato confusionale post-lesionale. La valutazione dei due gruppi è stata condotta in parallelo con cecità accessoria. La scheda è stata somministrata ad entrambi i gruppi e, in relazione al gruppo studio, sono stati identificati correlati obiettivi riabilitativi. Risultati: correlazione lineare inversa tra punteggi e tempi impiegati(Test di Pearson), tutte le serie numeriche sono non troppo distanti dalla distribuzione normale(Test di Shapiro-Wilk), valori cut-off (Curva di Roc) corrispondenti ad un tempo di 15 minuti(p<0,0333) e ad un punteggio di 158/171(p<0,0659). Sensibilità:70%(punteggio),100%(tempo) Specificità:90%(punteggio),85%(tempo); Accuratezza del test, sensibilità+specificità: 160(punteggio), 185(tempo). Conclusioni: dal nostro studio emerge una vera e propria importanza diagnostico-terapeutica della scheda, la quale può essere somministrata anche a persone con lesioni cerebrali in altra sede o in persone con altre patologie ad azione sul SNC.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Prefazione _______________________________________________________________ Corso di Laurea in Fisioterapia – Elisa Fratini – A. A. 2008/09 6 Prefazione Capire le azioni degli altri e le intenzioni che ne sono alla base è una caratteristica peculiare che contrassegna la nostra specie, ci consente di interagire con i nostri simili e di empatizzare con loro. La qualità delle azioni messe in atto da una persona ed il comportamento che questa instaura nei confronti del mondo circostante, risente considerevolmente dell’integrità e della funzionalità dei lobi frontali. Queste aree infatti sono implicate in compiti di governo, elaborazione e coordinazione di molteplici funzioni cerebrali quali: motilità volontaria, abilità cognitive (memoria, attenzione, linguaggio, calcolo, ecc..), comportamento, emotività ed affettività. Una lesione a carico di queste aree comporta una compromissione multicentrica del soggetto e della sua capacità di agire, una disfunzionalità globale nei confronti della sfera motoria, intellettiva, comportamentale ed emotivo-affettiva designata con il nome di “sindrome frontale”. La scelta di questo vasto argomento trae origine dall’affascinante eterogeneità clinica che si nasconde dietro di esso. Di per sé l’ambito neurologico ha attirato la mia attenzione fin dall’’inizio del mio percorso di formazione universitaria, coinvolgendomi ancor più durante i periodi di tirocinio svolti in questi tre anni di studio. Il venire a contatto con questi pazienti, osservarli, valutarli e lavorare con loro mi ha fatto capire quanto l'uomo possa essere innanzitutto un organismo inscindibile di psiche e soma, corpo, emozioni e spirito, e come normalmente questa unione di elementi possa conferirgli una natura positiva, una forza, un'energia, diretta allo sviluppo delle capacità utili al suo mantenimento, alla sua autoregolazione ed autorealizzazione. Gli esseri umani, oltre alla potenzialità naturale di sviluppare le proprie capacità, hanno anche la capacità di conoscersi e comprendersi, e sono i migliori esperti di sé stessi, ma tutto questo nel soggetto con sindrome frontale,

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

aprassia
confabulazioni
disinibizione
funzioni esecutive
griglia di valutazione multiprofessionale
lesione frontale
moria frontale
neuroni mirror
perseverazioni
punteggio d’équipe
sindrome pseudo-maniacale
sindrome acinetica
sindrome apatica
sindrome disesecutiva
sindrome disinibita
sindrome frontale
sindrome moriatica
sindrome prefrontale
sindrome pseudodepressiva
sindrome pseudopsicopatica
sistema attenzionale supervisore
strategie di problem solving
trauma cranico encefalico
valutazione multidimensionale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi