Skip to content

L'operatore qualificato nella intermediazione finanziaria

Informazioni tesi

  Autore: Guido Poggi
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in Specializzazione per le Professioni Legali
Anno: 2010
Docente/Relatore: Antonio Rizzi
Istituito da: Università degli Studi di Firenze
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 69

La presente trattazione ha lo scopo di mettere a confronto gli orientamenti della giurisprudenza e della dottrina sugli effetti della "dichiarazione autoreferenziale" rilasciata dal rappresentante legale di una società, prima dell'attuazione della Mifid e del Nuovo Regolamento Intermediari emesso dalla Consob, per l'acquisto di prodotti finanziari derivati, alla luce della recente pronuncia della Cassazione, sez. I, n. 12138 del 29 maggio 2009. Naturalmente per perseguire tale obiettivo è stato necessario partire dal dato normativo sin dalla c.d. Legge SIM del 1991 sino ad oggi. Appare del tutto rilevante la trattazione anche alla luce delle recenti indagini disposte dal gip Angelo Pezzuti su istanza del PM Luca Turco nei confronti di Merrill Lynch International di Dublino, Deutsche Bank di Londra, Ubs di Londra, Natixis Sa di Parigi, Dexia Crediop di Roma e Monte dei Paschi di Siena, a tutela della Regione Toscana e dei dei Comuni di Firenze, Campi Bisenzio, S.Casciano e Tavarnelle che, a partire dal 1999 hanno acquistato vari derivati.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
SSPL- Anno Accademico 2009-10 4 Introduzione Dopo che le Sezioni Unite1 hanno modificato l’orientamento in ordine alla sanzione che colpisce il contratto normativo2 in materia di intermediazione finanziaria per violazione delle regole di condotta da parte degli istituti di credito, abbandonando la nullità per violazione di una norma imperativa a favore, invece, della risoluzione per inadempimento, fermo l’eventuale risarcimento del danno, la Prima Sezione3 ha affrontato un’ulteriore annosa questione, quella dell’«operatore qualificato»4. Infatti la normativa regolamentare5 emanata dalla Commissione Nazionale per le Società e la Borsa (in seguito abbr. in Consob6) 1 Cfr. Cass., SS.UU., nn. 26724 e 26725 del 19 dicembre 2007, con nota di V. SANGIOVANNI, in I contratti, n. 3, 2008, p. 221 ss.; cfr. anche Cass., n. 19024 del 19 settembre 2005. Cfr. E. RIGHINI, Recenti sviluppi della giurisprudenza di merito sulla tutela dell’investitore, in Giur. comm., 2009, n. 1, pp. 150 ss.. 2 Nel corso della trattazione si parlerà spesso di contratto normativo, lasciando sottinteso che la dichiarazione autoreferenziale può essere stata rilasciata in altro contratto stipulato con l’intermediario. Del resto deve ritenersi condivisibile l'opinione espressa da App. Milano, 12 ottobre 2007, che afferma l'irrilevanza della distinzione; cfr. anche C. TATOZZI, La nozione di «operatore qualificato» tra vecchie incertezze interpretative e nuovi assetti normativi, in Banca borsa tit. cred., 2009, n. 2, pp. 205 ss.. 3 Cfr. Cass., sez. I, n. 12138 del 26 maggio 2009, Vitrone Presidente, Schirò Relatore, Patrone P.M., Ariostea S.p.a. vs Intesa Sanpaolo S.p.a., conferma App. Torino, 18 febbraio 2003. La fattispecie decisa dalla sentenza ha ad oggetto un contratto su strumenti finanziari derivati, stipulato nel 1992 da una banca con una società per azioni, svolgente attività commerciale anche con l’estero, riguardante un’operazione di swap collegata all’andamento del marco tedesco. Poiché la società aveva dichiarato di essere «operatore qualificato», l’operazione è stata sottoposta all’art. 13 del Regolamento Consob n. 5387 del 2 luglio 1991, che escludeva, in questo caso, l’applicazione delle ordinarie regole di comportamento della banca. Si precisa, salvo le contestazioni - in senso più garantista per l’investitore - che sono mosse nel corso della trattazione, che l’applicazione dei principi di diritto enunciati dalla Corte resta circoscritta alle operazioni che si sono perfezionate in epoca anteriore al 1° novembre 2007, data di entrata in vigore delle modifiche al TUF, in attuazione della Mifid. 4 Cfr. CONSOB, Regolamento n. 5387 del 2 luglio 1991, art. 13 che, in attuazione della delega conferita dall’art. 9 della Legge n. 1 del 2 gennaio 1991, aveva disposto che agli operatori qualificati, individuati in "ogni società o persona giuridica in possesso di una specifica competenza ed esperienza in materia di operazioni in valori mobiliari espressamente dichiarata per iscritto nel contratto di cui all'art. 9", non si applicassero determinate norme di salvaguardia. Cfr. anche CONSOB, Regolamenti n. 11522 del 1° luglio 1998 e n. 16190 del 29 ottobre 2007. 5 Cfr. CONSOB, Regolamento n. 11522 del 1° luglio 1998 (pubblicato nel S.O. n. 125 alla G.U. n. 165 del 17.7.1998 e in CONSOB, Bollettino mensile n. 7, luglio 1998) e successivamente modificato con le delibere n. 11745 del 9 dicembre 1998 (pubblicata nella G.U. n. 297 del 21.12.1998 e in CONSOB, Bollettino mensile n. 12, dicembre 1998) n. 12409 del 1° marzo 2000 (pubblicata nella G.U n. 58 del 10.3.2000 e in CONSOB, Bollettino mensile n. 3, marzo 2000), n. 12498 del 20 aprile 2000 (pubblicata nella G.U. n. 100 del 2.5.2000 e in CONSOB, Bollettino mensile n. 4, aprile 2000), n. 13082 del 18 aprile 2001 (pubblicata nel S.O. alla G.U. n. 137 del

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

11522
12138
art. 31
banca
campi bisenzio
cassazione
clausola di stile
cliente professionale
consob
contratto normativo
derivati
dichiarazione autoreferenziale
dichiarazione di scienza
exceptio doli
firenze
intermediazione
mifid
mps
operatore qualificato
regolamento intermediari
s. casciano
swap
toscana
tuf

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi