Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La fortuna editoriale e la fortuna critica del Pierre di Herman Melville

Questo studio documenta la fortuna editoriale e la fortuna critica del romanzo Pierre; or, the Ambiguities di Herman Melville, scritto e pubblicato nel 1852, appena dopo il suo capolavoro Moby-Dick. Nel Pierre Melville espone i drammatici risultati di una confusa aspirazione al bene del giovane protagonista.
Per esaminare nel dettaglio questo complesso libro che affronta l’arduo problema della distinzione tra virtù e vizio, una ricerca di carattere bibliografico è sembrato essere il sistema più efficace. Una bibliografia che presenta un’analisi delle edizioni del testo e degli scritti critici, di qualsiasi estensione e valore, che abbiano come argomento esclusivo questo libro e pubblicati dalla data della prima pubblicazione, il 1852, al 1990.
Per mostrare la fortuna editoriale del Pierre si sono quindi presentate le descrizioni bibliografiche di tutte le sue edizioni, delle varie ristampe del testo e anche le descrizioni delle non numerose traduzioni.
Per documentarne invece la fortuna critica si sono enumerate, ancora in ordine cronologico, le schede delle recensioni, degli articoli e delle dissertazioni; schede spesso fornite di brevi note sul loro contenuto.
Questa bibliografia è corredata di indici degli autori, dei soggetti e dei titoli dei periodici.

Mostra/Nascondi contenuto.
la the 1852 INTRODUZIONE Con questo studio mi sono proposto di documentare fortuna editoriale e critica del romanzo Pierre; or, Ambiguities di Herman Melville, scritto e pubblicato nel dopo il suo capolavoro Moby-Dick. Si tratta di una ricerca di carattere bibliografico, che si Ł posta come preciso limite un esame analitico di tutti gli scritti critici (1) - quale che ne sia la lunghezza e il valore - che hanno come argomento esclusivo questo libro. Riferimenti piø o meno consistenti a quest’opera si trovano, come Ł ovvio, anche in altri studi della sterminata bibliografia melvilliana (2). Per mostrare la fortuna editoriale del Pierre ho presentato il susseguirsi di edizioni e ristampe (purtroppo non tirature e stati) (3) piø o meno fedeli del testo in oggetto, dalla data della prima pubblicazione avvenuta nel 1852 a New York (Harper and Brothers ad oggi. Ho pure elencato le descrizioni bibliografiche delle non numerose traduzioni. Per documentarne invece la fortuna critica ho enumerato le schede di recensioni, articoli, dissertazioni di laurea, spesso fornite di brevi note sul contenuto (4) secondo un ordine cronologico. Ho corredato la mia bibliografia di alcuni indici: per autori, per soggetti, dei titoli dei periodici. La critica ottocentesca e quella dei primi decenni del XX secolo avevano una intonazione meno specialistica di quella attuale. Avveniva spesso che di un’opera si scrivesse all’interno della trattazione piø generale sulla letteratura di un periodo o di un’area geografica. Per questa ragione m’Ł sembrato utile registrare alcune parti di testo o documenti non autonomi di quella fase storica (5). Questa Ł, forse, la piø significativa violazione dell’assunto iniziale: quello di segnalare soltanto contributi sul Pierre.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Vincenzo Fidomanzo Contatta »

Composta da 451 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 965 click dal 06/07/2010.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.