Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'azione di classe risarcitoria italiana

Fino ad ora, il nostro ordinamento, mediante l'istituto dell'inibitoria previsto dall'art 140 del Codice del Consumo, prevedeva solo la possibilità di chiedere, tramite le associazioni dei consumatori, la cessazione di condotte scorrette poste in essere da produttori e fornitori di beni e servizi ma non affrontava il problema del risarcimento del danno eventualmente subito..
Solo dal 1° Gennaio 2010, dopo un'elaborazione legislativa alquanto travagliata è possibile fruire di uno strumento di tutela collettiva con finalità risarcitoria-restitutoria denominato azione di classe.
Detto istituto viene analizzato nella trattazione e visto che le differenze con l'analogo procedimento statunitense appaiono comunque rilevanti, per distinguerlo da esso è sembrato più appropriato parlare di “azione di classe italiana”.

Mostra/Nascondi contenuto.
3INTRODUZIONE Dopo un'elaborazione legislativa alquanto travagliata che dal 2008 ad oggi, ha contemplato ben tre rinvii per l'entrata in vigore e una consistente revisione della normativa1, dal 1° Gennaio 2010 l'istituto della azione di classe è entrato a far parte degli strumenti processuali di cui dispone l'ordinamento giuridico italiano. Per azione di classe si intende un procedimento “ … instaurato da un singolo individuo nell’interesse anche di una pluralità di soggetti (la classe) che si trovano in una comune situazione giuridica bisognosa di tutela giurisdizionale. Un’azione sottoposta ad un vaglio preventivo di ammissibilità, opportuno, anzi …. necessario perché in caso di ammissione il risultato finale vincola, a certe condizioni, tutti gli appartenenti alla classe. Tanto se si tratti di un provvedimento, sia di accoglimento sia di rigetto, quanto se si tratti una conciliazione. Tanto se si tratti di una sentenza di puro accertamento quanto se si tratti di una sentenza di condanna (che può anche portare alla creazione di un fondo in denaro destinato alla soddisfazione di crediti riconosciuti ai singoli membri della classe).”2 Come in tutti i sistemi economici progrediti, anche in Italia si sentiva la necessità di avere a disposizione uno strumento processuale collettivo di natura restitutoria - risarcitoria idoneo a riequilibrare le posizioni delle 1 Per i dettagli vedere capitolo “GENESI E ITER PARLAMENTARE DELLA TUTLA RISARCITORIA COLLETTIVA IN ITALIA” 2 CHIARLONI S. “Per la chiarezza di idee in tema di tutele collettive dei consumatori alla luce della legislazione vigente e dei progetti all’esame del Parlamento “ www.judicium.it 18.12.2006

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Gianni Uberti Contatta »

Composta da 92 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1343 click dal 06/07/2010.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.