Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Patto sui diritti civili e politici e i diritti inderogabili

La presenza di crisi o di conflitti è stata spesso invocata dagli Stati, come base giuridica per la sospensione di taluni diritti umani, al fine di poter fronteggiare situazioni di emergenza in grado di minacciare la sicurezza e l’ordine pubblico della nazione. Il Patto sui diritti civili e politici (d’ora innanzi il Patto), approvato il 16 dicembre del 1966 con la Risoluzione n. 2200 A (XXІ) , all’art. 4 , in merito alla possibilità di derogare ai diritti in esso contenuti, fa genericamente riferimento al “caso di pericolo pubblico eccezionale”. Il trattato in esame fornisce, dunque, gli strumenti attraverso cui gli Stati Parte accettano di limitare e di procedimentalizzare la facoltà di ricorso unilaterale a detta clausola.
Tuttavia, nonostante la previsione di un nucleo di diritti assolutamente inderogabili, la genericità di una siffatta espressione pone il pericolo di aprire la strada a discrezionalità — e quindi ad un suo possibile abuso — da parte degli Stati in merito al suo utilizzo. Per cui, dinanzi ad una tale prospettiva, appare quanto mai indispensabile definire in modo chiaro i contorni di una siffatta previsione normativa.
Lo studio che si farà nei capitoli seguenti partirà da un esame relativo alla vincolatività del Patto negli ordinamenti interni, con particolare riguardo all’ordinamento italiano. Comprendere fino a che punto le disposizioni del Patto possono vincolare i singoli Stati nelle proprie scelte governative, serve a misurarne il grado di penetrazione dei relativi obblighi e, conseguentemente, del regime derogatorio.
Si proseguirà, poi, attraverso l’esame del sistema di controllo previsto dal Patto e l’organo a ciò precipuamente preposto, ovvero il Comitato sui diritti civili e politici (d’ora innanzi il Comitato).
Si procederà, quindi, ad un’analisi del significato e della portata dell’art. 4 e dei limiti alla sua applicabilità. Si porrà, dunque, l’accento sui diritti assolutamente inderogabili, ovvero il diritto alla vita ex art. 6, il divieto di tortura e di pene o trattamenti inumani e degradanti ex art. 7, il divieto di tratta degli esseri umani ex art. 8, il principio di legalità ex art. 15, il diritto di riconoscimento della personalità giuridica ex art. 16, la libertà di pensiero, di coscienza e di religione ex art. 18. Infine, sarà oggetto di esame la situazione mediorientale, con particolare riferimento ai governi della Siria e dell’Egitto, che costituiscono un esempio emblematico di come la proclamazione di uno stato di emergenza in base al sistema previsto dal Patto, possa, de facto, perdere qualsiasi contorno di legittimità, nel momento in cui uno stato contingente, si traduce in uno stato permanente di emergenza pubblica, che legittima la violazione sistematica di qualsiasi diritto umano.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE La presenza di crisi o di conflitti è stata spesso invocata dagli Stati come base giuridica per la sospensione di taluni diritti umani, al fine di poter fronteggiare situazioni di emergenza in grado di minacciare la sicurezza e l‘ordine pubblico della nazione. In altre parole, si tratta di situazioni in cui le disposizioni costituzionali di applicazione ―normale‖, concernenti le relazioni tra potere pubblico e protezione dei diritti dei singoli, divengono insufficienti per affrontare una situazione di emergenza che sembra potersi risolvere solo se i poteri pubblici utilizzano metodi che, in principio, sono esclusi dalle previsioni costituzionali. Il Patto sui diritti civili e politici (d‘ora innanzi il Patto), approvato il 16 dicembre del 1966 con la Risoluzione n. 2200 A (XXІ)1, all‘art. 4 , in merito alla possibilità di derogare ai diritti in esso contenuti, fa genericamente riferimento al ―caso di pericolo pubblico eccezionale‖. Il trattato in esame fornisce, dunque, gli strumenti attraverso cui gli 1 Il testo del Patto è reperibile al sito http://www2.ohchr.org/english/law/ccps.htm , mentre per uno studio introduttivo si consulti F. CAPOTORTI, Studio introduttivo ai Patti internazionali sui diritti dell’uomo, Padova, 1967, p. 10 ss; G. CATALDI, Le deroghe ai diritti umani in stato di emergenza, in Pineschi L. (a cura di), La tutela internazionale dei diritti umani: norme, garanzie, prassi, Milano, 2006, p. 752 ss; P. MORI, Convenzione europea dei diritti dell’uomo, Patto delle Nazioni Unite e Costituzione italiana, in Rivista di diritto internazionale, 1983, p. 306 ss.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Valeria Zangaro Contatta »

Composta da 149 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 964 click dal 12/07/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.