Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Affrontare i cambiamenti climatici: sviluppo sostenibile, energie rinnovabili e V.I.A.

Il presente lavoro si snoderà attraverso cinque capitoli: nel primo verrà affrontato il concetto di Sviluppo Sostenibile, attraverso una ricostruzione storica del tema e una disamina delle varie definizioni che ne sono state date. Si vedrà come il concetto di sviluppo sostenibile presuppone (e favorisce nello stesso tempo) una integrazione delle aree ambientale, economica e sociale. Verrà affrontata la differenza tra approccio tecnocentrico ed approccio ecocentrico e da qui saranno esaminate le concezioni di sviluppo sostenibile debole e forte.
Nel secondo capitolo verranno analizzati i vari indicatori dello sviluppo sostenibile attualmente più utilizzati. Saranno presi in considerazione sia indicatori relativi all’area economica, sia quelli relativi all’area sociale ed infine quelli relativi all’area ambientale. Un accenno sarà riservato ad un particolare indicatore di sostenibilità pensato appositamente per l’Italia.
Il terzo capitolo sarà dedicato al tema dei cambiamenti climatici. Verranno analizzati argomenti molto dibattuti come quello dell’effetto serra e delle previsioni degli effetti che l’inquinamento da emissione di anidride carbonica ha sull’ambiente, sull’uomo e, di conseguenza, sui sistemi economici.
Nel quarto capitolo si parlerà degli impegni che vari Paesi a livello globale stanno tentando di realizzare al fine di limitare gli effetti dannosi sull’ambiente derivanti dall’attività umana: grande risalto verrà dato al Protocollo di Kyoto. Verrà dato spazio a leggi ed ordinamenti in materia di cambiamenti climatici e risorse rinnovabili presenti a livello comunitario, nazionale e, infine, regionale. Si discuterà della necessità di aprirsi sempre più all’utilizzo di fonti di energia rinnovabile e dunque non di origine fossile (carbone e petrolio), e verrà dato largo spazio all’esempio dell’energia fotovoltaica.
Nel quinto ed ultimo capitolo verrà esaminata la cosiddetta V.I.A. (Valutazione di Impatto Ambientale), una particolare pratica che viene utilizzata per verificare le possibili ripercussioni ambientali di opere pubbliche. La V.I.A. può essere quindi vista come uno strumento per realizzare sviluppo sostenibile, in quanto l’obiettivo è quello di prevenire i possibili danni ecologici e non quello di porvi rimedio una volta che si siano verificati. Sarà riportato l’esempio pratico di una V.I.A. su un progetto di realizzazione di un impianto fotovoltaico in provincia dell’Aquila.

Mostra/Nascondi contenuto.
Premessa 1 PREMESSA Lo sviluppo sostenibile è possibile, ma a rischio. Le emergenze del pianeta (tra cui il rapido cambiamento climatico, il degrado degli ecosistemi, la scarsità di cibo di acqua e di energia), sono oggi, purtroppo, offuscate dal periodo di grave recessione economica che ha assorbito l'attenzione dei leader a livello mondiale. Eppure continueranno ad esistere anche dopo che la crisi sarà superata: se da un lato esistono crisi superabili, dall’altro i danni al clima ed agli ecosistemi che contengono e sostengono tutta la vita possono non essere reversibili e perciò contribuire negativamente alla stessa situazione economica. E’ necessario, dunque, che tutti i Paesi affrontino questa realtà. Il modo in cui le Nazioni rispondono alla recessione globale costituisce il punto di partenza per la nascita di nuovo percorso di sviluppo atto a ridurre le situazioni di emergenza del pianeta. Purtroppo però, allo stato attuale, la comunità internazionale sembra meno preoccupata per i problemi climatici di quanto non lo sia per quelli finanziari. Infatti quasi a stento si parla di “milioni” per far fronte ai cambiamenti climatici, ma facilmente si mobilitano “miliardi” per la crisi finanziaria. Eppure il cambiamento climatico c’è, sta accelerando e non solo influenzerà la futura crescita economica, ma rischierà di incrementare il divario esistente fra le varie economie del mondo. E’ opportuno quindi rispondere con la riduzione delle emissioni di gas serra e di altri prodotti inquinanti (ad es. petrolio e suoi derivati), anche se l’inquinamento del passato ha già innescato dei cambiamenti climatici, cui è necessario adattarsi:

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Manageriali

Autore: Carmine Andrea Tuono Contatta »

Composta da 170 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6284 click dal 13/07/2010.

 

Consultata integralmente 23 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.