Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Yōgaku. Timbri e Sonorità d'Europa in Giappone

Il termine yōgaku 洋楽 è la contrazione di seiyū ongaku 西洋音楽, tradotto letteralmente con “musica d’Occidente”, in contrapposizione in primo luogo a tōgaku 唐楽, (musica della dinastia Tang), cioè la concezione musicale classica di derivazione cinese e, dalla fine del XIX secolo, a hōgaku 邦楽 (musica nazionale), indicante la musica giapponese di epoca moderna, come le nuove tendenze musicali per strumenti tradizionali che si svilupparono alla fine dell’Ottocento.
L’origine del termine yōgaku risale già al XVI secolo, nel periodo della prima importazione della musica europea da parte dei missionari cristiani, dai quali i neo convertiti appresero la musica corale ecclesiastica. I missionari erano consapevoli del fatto che la musica sacra, con la sua bellezza, avrebbe potuto rappresentare un valido strumento di conversione alla fede cristiana.
L’acquisizione vera e propria della musica colta d’oltre oceano in Giappone avvenne con l’apertura delle frontiere nella seconda metà del XIX secolo, nel periodo della cosiddetta Restaurazione Meiji, quando la politica di isolamento del paese effettuata dal bakufu Tokugawa venne definitivamente abbandonata.
Lo yōgaku si affiancò ai generi tradizionali, in seguito ad un processo di apprendimento ed elaborazione dei modelli occidentali, iniziati ufficialmente nel 1869.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Y?gaku: questo sconosciuto Il termine y?gaku ༸ָ È la contrazione di seiy? ongaku ੢༸Իָ, tradotto letteralmente con lmusica d`Occidentez, in contrapposizione in primo luogo a t?gaku ౜ָ, (musica della dinastia Tang), cioÈ la concezione musicale classica di derivazione cinese e, dalla fine del XIX secolo, a h?gaku ๜ָ (musica nazionale), indicante la musica giapponese di epoca moderna, come le nuove tendenze musicali per strumenti tradizionali che si svilupparono alla fine dell`Ottocento. L`origine del termine y?gaku risale già al XVI secolo, nel periodo della prima importazione della musica europea da parte dei missionari cristiani, dai quali i neo convertiti appresero la musica corale ecclesiastica. I missionari erano consapevoli del fatto che la musica sacra, con la sua bellezza, avrebbe potuto rappresentare un valido strumento di conversione alla fede cristiana. L’acquisizione vera e propria della musica colta d’oltre oceano in Giappone avvenne con l’apertura delle frontiere nella seconda metà del XIX secolo, nel periodo della cosiddetta Restaurazione Meiji, quando la politica di isolamento del paese effettuata dal bakufu Tokugawa venne definitivamente abbandonata. Lo y?gaku si affiancò ai generi tradizionali, in seguito ad un processo di apprendimento ed elaborazione dei modelli occidentali, iniziati ufficialmente nel 1869. Nel 1879 una circolare del Ministero dell’Istruzione ratificava la creazione di un “Centro di formazione musicale” avente tre fondamentali obiettivi: l’introduzione dell’insegnamento musicale in tutte le scuole del paese; la produzione di nuove composizioni basate su elementi di musica orientale e occidentale; l’educazione di musicisti che formassero la futura vita musicale del paese. Ciò avvenne a causa del confronto con i paesi d’oltre oceano, in particolare con la Germania, l’Inghilterra e gli Stati Uniti, davanti ai quali i

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lingue straniere per la comunicazione internazionale

Autore: Jacopo Colombi Contatta »

Composta da 120 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 945 click dal 27/07/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.