Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Su di un problema di visita ottima

In questa tesi per problema di visita ottima si intende il problema di trovare il tempo minimo necessario per "visitare" m insiemi dati (che possono essere intesi come città da raggiungere). In particolare vediamo come formulare formalmente il problema di controllo ottimo, in cui emerge la necessità di introdurre un operatore di isteresi. Viene poi studiato il problema con il metodo della programmazione dinamica, dunque si fa riferimento alla teoria delle soluzioni di viscosità e lo scopo è appunto quello di caratterizzare la funzione valore del problema di controllo ottimo come unica soluzione di viscosità di un'opportuna equazione di Hamilton-Jacobi associata al problema stesso.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione In questa tesi per problema di visita ottima si intende il seguente problema di controllo ottimo. Sono dati m insiemi chiusi e disgiunti in Rn, T1, . . . , Tm, che chiamiamo targets, ed un sistema dinamico controllato in Rn (1) { y′(t) = f(y(t), α(t)), t > 0 y(0) = x dove α : [0,+∞[→ A è una funzione misurabile denominata controllo e l'insieme dei controlli costanti A ⊂ Rk è chiuso e limitato. Assumiamo che la dinamica f : Rn×A→ Rn sia tale che, per ogni scelta del controllo α e della posizione iniziale x ∈ Rn, il problema (1) ammetta un'unica soluzione yx(t;α) definita per ogni t ∈ [0,+∞[ e che prende il nome di traiettoria. L'obiettivo è di determinare, se esiste, un controllo ottimo α∗(·) tale che la corrispondente traiettoria yx(·;α∗), uscente da uno stato iniziale x, passi per ciascuno dei targets nel minor tempo possibile. Formalmente il problema si può descrivere nel seguente modo. Definiamo anzitutto il tempo di raggiungimento a partire da un dato iniziale x con un controllo α tx(α) := inf {t ≥ 0 : ∃t1, . . . , tm ∈ [0, t] tali che yx(tj, α) ∈ Tj} , con la convenzione che inf B = +∞ se B = ∅. Siamo interessati a rendere minimo il valore di tx(α), quindi introduciamo la funzione tempo minimo T (x) := inf α∈A tx(α) con lo scopo di studiarla per trovare quel controllo α∗, se esiste, che realizza tx(α∗) = T (x). 1

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Michela Benetton Contatta »

Composta da 114 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 303 click dal 28/07/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.