Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Graphic novel e nuovi media

La tesi descrive le caratteristiche del Graphic Novel, come si distingue e differenzia dai fumetti tradizionali e del perchè l'editoria si sia particolarmente interessata a questo genere in quest'ultimo decennio.

Il Graphic Novel fa parte di una rete mediale, si fa influenzare e influenza gli altri media narrativi come letteratura, cinema: prende in prestito le storie dai classici come "La metamorfosi" di Kafka o regala nuova linfa vitale al cinema di intrattenimento con la traduzione di "Watchmen".

Il nascere di nuovi linguaggi fumettistici derivati dal digitale prospetta un'ulteriore evoluzione del Graphic Novel.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE Nel cercare di definire la nascita e la natura del fumetto, McCloud, uno dei massimi teorici del genere, partendo dallo studio di Will Eisner, parla del fumetto come di ―immagini e altre figure giustapposte in una deliberata sequenza, con lo scopo di comunicare informazioni e/o produrre una reazione estetica nel lettore1‖. Si tratta di una definizione inevitabilmente generica che finirebbe per comprendere (com‘è accaduto) ogni sequenza di immagini statiche provvista di qualche intenzione comunicativa o estetica. Potrebbero rientrarvi anche le pitture o le incisioni rupestri della preistoria, i bassorilievi assiro-babilonesi e precolombiani o i cicli pittorici delle cattedrali medioevali e rinascimentali, o il celebre ―Arazzo di Bayeux dell‘XI sec.: un telo di lino lungo settanta metri fatto ricamare da Guglielmo il Conquistatore, in cui si narrano le fasi della battaglia di Hasting del 14 ottobre 1066: dalla preparazione strategica alla costruzione delle navi, alla forgiatura delle armi, alla carica dell‘esercito contro i nemici. L‘intento del re era quello di lasciare ai posteri un documento della propria gloria attraverso la narrazione visiva, accompagnata da un testo essenziale, della propria impresa. Figura 1: Arazzo di Bayeaux (particolare) 1 Scott McCloud, Capire il fumetto. L’arte invisibile, Vittorio Pavesio Productions, Torino, 1999

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Cesare Parmiggiani Contatta »

Composta da 128 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4187 click dal 30/07/2010.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.