Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Enterprise 2.0: la cultura e gli strumenti del web 2.0 in azienda

Da quando il termine Enterprise 2.0 è stato coniato nel 2006, il fenomeno haricevuto un'enorme attenzione da parte delle aziende. Si è visto, attraverso i varireport citati in questa tesi, come l’attenzione rivolta al fenomeno sia stata ed è tutt'ora alta.
Quest'attenzione al paradigma dell'Enterprise 2.0 si rispecchia nelle rispostepresenti nel report di Frappaolo C., Keldsen D. (2008). Come si può vedere dal grafico in figura 60, il 44% ha risposto alla domanda “Quanto è critico l’ Enterprise 2.0 per gli obiettivi di business della propria organizzazione?”con "imperativo" o "significativo", ma ancora più importante solo il 30% ha risposto che l’Enterprise 2.0 ha un impatto minimo o nullo.

Mostra/Nascondi contenuto.
Enterprise 2.0: la cultura e gli strumenti del web 2.0 nell'azienda. 7 Introduzione Nel corso degli ultimi anni il mondo delle imprese è stato gradualmente investito da un processo di trasformazione legato all’introduzione di strumenti e logiche proprie del Web 2.0 all’interno delle organizzazioni. Tale fenomeno, che sembra suggerire brillanti risvolti, ma che, nel contempo, ha trovato non pochi ostacoli nella sua piena concezione e implementazione, ha preso il nome di Enterprise 2.0. Se da una parte, infatti, appare estremamente lunga e complessa la strada verso un completo rinnovamento delle aziende, rinnovamento dato da approcci organizzativi e tecnologici orientati all’adozione di nuovi modelli basati sul coinvolgimento diffuso, la collaborazione emergente, la condivisione della conoscenza e lo sviluppo e valorizzazione di reti sociali interne ed esterne all’organizzazione, dall’altra, la facilità di utilizzo e di implementazione che caratterizzano queste tecnologie stanno rapidamente determinando l’ingresso di nuove modalità di collaborazione e partecipazione in azienda, modalità che tuttavia si scontrano con le logiche classiche e consolidate di competitività ed efficienza, basate un cultura di controllo e comando radicato nel management e adottato all’interno dei sistemi organizzativi d’impresa. Nel tentativo di superare questo trade-off, social media e piattaforme software collaborative negli ultimi anni stanno varcando i primi confini aziendali, proponendo soluzioni innovative in ambito di gestione della comunicazione, della conoscenza e delle relazioni, asset sempre più strategici nel mondo del business. Blog, wiki e social network rappresentano soltanto alcune delle applicazioni di tipo Web 2.0 che stimolano e facilitano la collaborazione, la condivisione e la creazione collettiva di saperi e conoscenze all’interno delle organizzazioni; l’introduzione di tali strumenti nei contesti aziendali consente di sfruttare con efficacia il proprio capitale intellettuale, generando così vantaggi competitivi concreti e di lungo termine. L’implementazione di questi strumenti, insieme al supporto di nuove architetture informative, offrono alle aziende una nuova infrastruttura di comunicazione e

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Diego Cagnoni Contatta »

Composta da 220 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3846 click dal 18/05/2011.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.