Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Trasformazione della città tra realtà e virtualità

La città mostro,prodotto dell’industrializzazione e più recentemente della globalizzazione, è un fantasmagorico paesaggio senza forma che si espande a macchia d’olio attraverso un’urbanizzazione selvaggia e dissolve l’antico rapporto tra città e campagna. Esiste uno strumento per arrestare questo processo e risolvere la crisi urbana, “crisi delle crisi”? Sulla base di alcune approfondite riflessioni si è giunti ad azzardare un’ ipotesi che tenterà di combattere questo male agendo sul livello invisibile del pensiero attraverso gli occhi e la mente di chi vive,osserva ma soprattutto immagina e sogna la città. Lo stesso Burdett consiglia per esempio di guardare la terra dal cielo per comprendere che ormai l’insediamento umano si è sviluppato oltre le antiche realtà urbane e che l’unico modo per restituire una forma alla città è quella di iniziare a leggerla come una struttura a rete policentrica non più in opposizione alla campagna bensì dentro la campagna, dentro il paesaggio, dentro il territorio su cui si plasma diventando tutt’uno. Prudenza e coraggio, così come fiducia, sapere, ottimismo (Le Corbusier)e ricerca delle forme nel buio (R. Piano) diventeranno strumenti indispensabili per riproporre una nuova idea e soprattutto un nuovo disegno di città.(*La parola “nuovo” in greco ha due significati: 1)qualcosa che si aggiunge ad una lista 2) qualcosa di suprema importanza.)

Tesi: La città ha un carattere poliedrico. Può essere vista, interpretata, disegnata, percepita, vissuta e quindi trasformata su più livelli raggruppabili in due grandi categorie complementari: realtà e virtualità. Livello della Realtà: la città come insieme degli elementi urbani; la città come insieme dei cittadini che costituiscono la società; la città come forma stereotipata chiusa nei contrafforti militari o nelle mura medievali. Livello della virtualità: la città immaginata, pensata, desiderata o progettata, ma non ancora costruita. Quello della virtualità è’ il livello su cui si lavorerà in questa ricerca per trasformare in segno positivo il destino urbano e realizzare nel futuro, una città sana, felice e legata allo sviluppo.Processo di studio e sviluppo - in 5 punti: 1)Constatazione del male urbano: senso di disorientamento, di ansia e timore per il futuro urbano di fronte alla scoperta della città diffusa. 2)“Ricerca delle forme nel buio”e della soluzione urbana. E’ il momento in cui prepotente è il richiamo all’azione, in cui si sente la necessità di intervenire a livello virtuale ripensando la città attraverso l’immagine e il modo in cui viene percepita. 3)Scoperta della città-rete (nodi, linee e segni nel paesaggio) ovvero di un’ alternativa di segno positivo della città diffusa che, ad una espansione spontanea ed autoregolata, oppone uno sviluppo razionale e regolato, attraverso nodi inseriti nel paesaggio che collegati tra loro per mezzo di strade e infrastrutture diventano episodi e luoghi unici e speciali. La struttura della rete non è una nuova invenzione e non richiede nemmeno di essere costruita, perché già esiste ed esiste da prima ancora della città. Lo sforzo sta nel riuscire a vederla, cambiando modo di guardare la città e leggere il territorio. La città giardino di Howard così come Progetto 80 e Vema costituiscono tre diversi momenti della storia urbanistica ispirati dal principio della rete. 4)Dalla virtualità alla realtà: la città rete in pratica, attraverso l’esperienza dell’incontro col territorio tra Alba e Altare.

Mostra/Nascondi contenuto.
Cagnazzo Giada E. La trasformazione della città tra realtà e virtualità ―Ci vuole ottimismo e avventatezza per cercare le forme 1 nel buio‖ Introduzione Ipotesi Il mio lavoro nasce dalla drammatica constatazione del problema urbano a livello planetario e dall'intenzione di fornire una riflessione approfondita sul destino della città, sviluppando una ricerca unitaria che spero sia in grado non solo di interpretare e stupire attraverso dati e previsioni, ma soprattutto di suggerire possibilità di intervento a livello progettuale. Il titolo vuole già contenere la soluzione del problema affrontato in 2 questa tesi. Partendo dal presupposto che la crisi urbana attuale è lo specchio della città frantumata e viceversa, agendo sulla sua rappresentazione interpretativa e quindi sulla sua trasformazione virtuale e successivamente reale, sarà possibile ricomporre la forma urbana e risolvere alla radice il grande problema della città. 3 Presa di consapevolezza e volontà di azione sono importanti, ma non bastano per avviare la suddetta trasformazione. Risolvere il problema della disgregazione urbana significherebbe risolvere ―la crisi delle crisi‖ andando ad 1 Piano, Renzo. La responsabilità dell'architetto. Conservazione con Renzo Cassigoli. Firenze: Passigli, 2000, p.24. 2 Il termine crisi rimanda all‘idea di confusione e profonda incertezza in cui sta vivendo la città oggi. In senso conforme si vedano le pagine introduttive del libro di Agostino Petrillo. Rif. Petrillo, Agostino. Villaggi, città, megalopoli. Roma: Carocci, 2006, p.9-13. 3 Il desiderio di azione, esplicitato nello studio e nell‘analisi delle trasformazioni della città, è già un tentativo di risoluzione del problema urbano al fine di cogliere le leggi che governano la crisi urbana. In senso conforme si veda la bibliografia allegata e gli innumerevoli autori che si sono occupati del problema. 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Architettura

Autore: Giada Elisabetta Cagnazzo Contatta »

Composta da 275 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3950 click dal 02/09/2010.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.