Skip to content

Trasformazione della città tra realtà e virtualità

Informazioni tesi

  Autore: Giada Elisabetta Cagnazzo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2007-08
  Università: Politecnico di Torino
  Facoltà: Architettura
  Corso: Architettura
  Relatore: Mario Fadda
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 275

La città mostro,prodotto dell’industrializzazione e più recentemente della globalizzazione, è un fantasmagorico paesaggio senza forma che si espande a macchia d’olio attraverso un’urbanizzazione selvaggia e dissolve l’antico rapporto tra città e campagna. Esiste uno strumento per arrestare questo processo e risolvere la crisi urbana, “crisi delle crisi”? Sulla base di alcune approfondite riflessioni si è giunti ad azzardare un’ ipotesi che tenterà di combattere questo male agendo sul livello invisibile del pensiero attraverso gli occhi e la mente di chi vive,osserva ma soprattutto immagina e sogna la città. Lo stesso Burdett consiglia per esempio di guardare la terra dal cielo per comprendere che ormai l’insediamento umano si è sviluppato oltre le antiche realtà urbane e che l’unico modo per restituire una forma alla città è quella di iniziare a leggerla come una struttura a rete policentrica non più in opposizione alla campagna bensì dentro la campagna, dentro il paesaggio, dentro il territorio su cui si plasma diventando tutt’uno. Prudenza e coraggio, così come fiducia, sapere, ottimismo (Le Corbusier)e ricerca delle forme nel buio (R. Piano) diventeranno strumenti indispensabili per riproporre una nuova idea e soprattutto un nuovo disegno di città.(*La parola “nuovo” in greco ha due significati: 1)qualcosa che si aggiunge ad una lista 2) qualcosa di suprema importanza.)

Tesi: La città ha un carattere poliedrico. Può essere vista, interpretata, disegnata, percepita, vissuta e quindi trasformata su più livelli raggruppabili in due grandi categorie complementari: realtà e virtualità. Livello della Realtà: la città come insieme degli elementi urbani; la città come insieme dei cittadini che costituiscono la società; la città come forma stereotipata chiusa nei contrafforti militari o nelle mura medievali. Livello della virtualità: la città immaginata, pensata, desiderata o progettata, ma non ancora costruita. Quello della virtualità è’ il livello su cui si lavorerà in questa ricerca per trasformare in segno positivo il destino urbano e realizzare nel futuro, una città sana, felice e legata allo sviluppo.Processo di studio e sviluppo - in 5 punti: 1)Constatazione del male urbano: senso di disorientamento, di ansia e timore per il futuro urbano di fronte alla scoperta della città diffusa. 2)“Ricerca delle forme nel buio”e della soluzione urbana. E’ il momento in cui prepotente è il richiamo all’azione, in cui si sente la necessità di intervenire a livello virtuale ripensando la città attraverso l’immagine e il modo in cui viene percepita. 3)Scoperta della città-rete (nodi, linee e segni nel paesaggio) ovvero di un’ alternativa di segno positivo della città diffusa che, ad una espansione spontanea ed autoregolata, oppone uno sviluppo razionale e regolato, attraverso nodi inseriti nel paesaggio che collegati tra loro per mezzo di strade e infrastrutture diventano episodi e luoghi unici e speciali. La struttura della rete non è una nuova invenzione e non richiede nemmeno di essere costruita, perché già esiste ed esiste da prima ancora della città. Lo sforzo sta nel riuscire a vederla, cambiando modo di guardare la città e leggere il territorio. La città giardino di Howard così come Progetto 80 e Vema costituiscono tre diversi momenti della storia urbanistica ispirati dal principio della rete. 4)Dalla virtualità alla realtà: la città rete in pratica, attraverso l’esperienza dell’incontro col territorio tra Alba e Altare.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Cagnazzo Giada E. La trasformazione della città tra realtà e virtualità ―Ci vuole ottimismo e avventatezza per cercare le forme 1 nel buio‖ Introduzione Ipotesi Il mio lavoro nasce dalla drammatica constatazione del problema urbano a livello planetario e dall'intenzione di fornire una riflessione approfondita sul destino della città, sviluppando una ricerca unitaria che spero sia in grado non solo di interpretare e stupire attraverso dati e previsioni, ma soprattutto di suggerire possibilità di intervento a livello progettuale. Il titolo vuole già contenere la soluzione del problema affrontato in 2 questa tesi. Partendo dal presupposto che la crisi urbana attuale è lo specchio della città frantumata e viceversa, agendo sulla sua rappresentazione interpretativa e quindi sulla sua trasformazione virtuale e successivamente reale, sarà possibile ricomporre la forma urbana e risolvere alla radice il grande problema della città. 3 Presa di consapevolezza e volontà di azione sono importanti, ma non bastano per avviare la suddetta trasformazione. Risolvere il problema della disgregazione urbana significherebbe risolvere ―la crisi delle crisi‖ andando ad 1 Piano, Renzo. La responsabilità dell'architetto. Conservazione con Renzo Cassigoli. Firenze: Passigli, 2000, p.24. 2 Il termine crisi rimanda all‘idea di confusione e profonda incertezza in cui sta vivendo la città oggi. In senso conforme si vedano le pagine introduttive del libro di Agostino Petrillo. Rif. Petrillo, Agostino. Villaggi, città, megalopoli. Roma: Carocci, 2006, p.9-13. 3 Il desiderio di azione, esplicitato nello studio e nell‘analisi delle trasformazioni della città, è già un tentativo di risoluzione del problema urbano al fine di cogliere le leggi che governano la crisi urbana. In senso conforme si veda la bibliografia allegata e gli innumerevoli autori che si sono occupati del problema. 8

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

aree depresse
caos sublime
città
città - rete
città diffusa
crisi delle crisi
crisi urbana
disegno urbano
espansione a macchia d'olio
forma urbana
immagine
la città giardino
male urbano
megalopoli
mostro urbano
pensiero
realtà urbana
sapere antico
sviluppo
territorio
trasformazione
val bormida
vema
virtualità urbana

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi