Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Valutazione dello spessore dei corpi di frana tramite sismica passiva tromografica

Questo lavoro di tesi è stato svolto per valutare l'applicazione della tecnica di sismica passiva tromografica nell'identificazione dello spessore dei corpi di frana. Lo studio ha previsto l'esecuzione di 140 misure con tromografo digitale Tromino, distribuite su 16 frane campione, 11 delle quali in terra (substrato argillitico) e 5 in roccia (substrato arenaceo). Tale distribuzione ha permesso di confrontare i dati relativi ad altre indagini geognostiche a disposizione (sondaggi a carotaggio continuo) e verificare con vari approcci la stima degli spessori risultante dalle indagini geofisiche.
Si è così osservata una correlazione tra i dati ricavati da tecniche di indagine consolidate come i sondaggi, e la sismica passiva tromografica.

Mostra/Nascondi contenuto.
1. Introduzione 1.1 Scopo del lavoro (Sciascia) Le indagini a sismica passiva hanno iniziato ad essere largamente utilizzate dato il loro basso costo e le informazioni che restituiscono. Da alcuni anni a questa parte, il ® Tromino si è dimostro un semplice ed economico strumento finalizzato ad eseguire misure veloci e precise per caratterizzare dal punto di vista sismico il terreno. Dato il suo basso costo e la semplicità di utilizzo, si è voluto applicare questo strumento per studiare i fenomeni franosi dell’Appennino Settentrionale. Lo scopo di questa tesi è verificare la funzionalità di questo strumento applicato a undici frane in terra dell’Alta Media Valle del Reno e cinque frane in roccia avvenute nella Formazione Marnosa Arenacea in Romagna, in particolare si è provato a: - ricostruire la stratigrafia derivata da centotrentadue sondaggi a carotaggio ® continuo analizzando le misure con il software Grilla fornito con Tromino; - caratterizzare dal punto di vista sismico gli strati che compongo i corpi franosi; - identificare le tracce secondo un grado di difficoltà di analisi e correlare il dato alla tipologia di corpo su cui è stata eseguita ogni misura. Per poter eseguire questo lavoro, sono state raccolte ed analisi le descrizioni stratigrafiche di tutti i sondaggi effettuati sulle sedici frane campione, fornite dalla Comunità Montana Alta Media Valle del Reno e dal Dipartimento Di Scienze della Terra e Geologico – Ambientale dell’Università di Bologna. 1

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Alberto Caprara Contatta »

Composta da 483 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1060 click dal 25/08/2010.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.