Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Unità 731 - Un male ancora poco conosciuto del Sol Levante

Un’arma biologica fa uso di agenti nocivi, presenti in natura o alterati geneticamente, al fine di arrecare danno alle popolazioni o agli eserciti nemici . Per realizzare queste armi vengono utilizzati diversi tipi di virus letali che sono in grado di generare epidemie o pandemie. Questi virus possono essere di diversi tipi: batteri e tossine, che sono già presenti in natura ed organismi geneticamente modificati, che vengono creati appositamente in laboratorio con lo scopo di ottenere varianti più tossiche del ceppo originario .
«Il primo uso documentato di guerra biologica potrebbe risalire ai romani o addirittura agli antichi greci, che usavano carcasse di animali per inquinare le riserve d'acqua nemiche» . Si è dovuto attendere fino alla Prima Guerra Mondiale per assistere all’utilizzo su vasta scala di questo tipo di armi. L’esercito tedesco, infatti, utilizzò i gas tossici e batteri come peste, colera ed antrace per decimare il fronte nemico . «La vera storia delle armi biologiche comincia, però, agli albori della Seconda Guerra Mondiale» .
A causa della grande perdita di vite umane durante la Grande Guerra, la Convenzione di Ginevra del 1925 impegnava i Paesi membri della Lega delle Nazioni a non usare armi biologiche negli scontri, ma non ne vietava lo sviluppo, la produzione e lo stoccaggio . Solo nel 1993 vennero messe al bando definitivamente tali armi grazie alla Convenzione sulla Proibizione delle Armi Chimiche di Parigi .
I giapponesi, firmatari del Trattato di Ginevra, durante l'occupazione della Manciuria avevano creato una vera e propria serie di “fabbriche di morte” in cui venivano studiati gli effetti di alcuni batteri letali sugli esseri umani .

Si è deciso di suddividere l’elaborato in tre capitoli. La prima parte è incentrata sugli avvenimenti susseguitisi durante la Guerra dei Quindici Anni; successivamente si sviluppa una parte centrale su Ishii Shirō, un medico giapponese che decise di realizzare il suo sogno più perverso attraverso l’Unità 731 e di usare cavie umane, chiamate maruta, per verificare gli effetti che i virus mortali hanno sul corpo umano. Nessuno dei detenuti presenti nel campo riuscì a sopravvivere.
Nella terza parte si tratta della fine della Guerra dei Quindici Anni partendo dall’attacco del 7 dicembre 1941 a Pearl Harbor che portò gli USA nella Seconda Guerra Mondiale . Nel momento in cui gli statunitensi si mobilitarono, la maggior parte del sud-est asiatico era nelle mani dei giapponesi, ma il conflitto si concluse con la resa incondizionata del Giappone il 15 agosto 1945 .
A questo punto della storia, proprio gli Stati Uniti aiutarono il governo giapponese a nascondere al mondo alcuni crimini di guerra compiuti dall’esercito nipponico in Cina .
È uno dei momenti più oscuri nella storia dell’uomo.

Mostra/Nascondi contenuto.
Voi che vivete sicuri Nelle vostre tiepide case, Voi che trovate tornando a sera Il cibo caldo e visi amici: Considerate se questo è un uomo Che lavora nel fango Che non conosce pace Che lotta per mezzo pane Che muore per un sì o per un no. Considerate se questa è una donna, Senza capelli e senza nome Senza più forza di ricordare Vuoti gli occhi e freddo il grembo Come una rana d’inverno. Meditate che questo è stato: Vi comando queste parole. Scolpitele nel vostro cuore Stando in casa andando per via, Coricandovi alzandovi; Ripetetele ai vostri figli. O vi si sfaccia la casa, La malattia vi impedisca, I vostri nati torcano il viso da voi. (Primo Levi, Se questo è un uomo, Einaudi, Torino, p.1)

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Rossana Carne Contatta »

Composta da 81 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2101 click dal 21/09/2010.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.