Skip to content

Autonomic dysfunction and phase 2 ventricular fibrillation post myocardial infarction.

Informazioni tesi

  Autore: Charles Mugera
  Tipo: International thesis/dissertation
  Anno: 2005
  Università: Kings College London, University of London
  Corso: Pharmacology
  Relatore: Curtis  Michael
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 98

Sudden cardiac death (SCD) claims 100,000 lives in the UK and over 400,000 in the USA. In humans the spatial and temporal patterns of ventricular fibrillation (VF) are poorly characterised .However, if VF is phase dependant like it is in animal models, then phase 2 VF accounts for 87 % of sudden cardiac deaths in humans. This would explain why most deaths (50-80 %) in the clinical setting occur within the first hours of the onset of myocardial ischaemia. In animal models the timing of susceptibility to VF is well characterised. In every animal model examined to date ventricular fibrillation exhibits 2 phases. The acute phase of VF, Phase 1 VF, occurs early in the first 30 minutes of ischeamia and the late phase of VF, defined as phase 2 VF, occurs when irreversible myocardial necrosis sets in after more than 90 min of ischaemia. In animal models the second phase is by far the most lethal phase. Ironically, the pathophysiological mechanisms underlying phase 2 VF are poorly understood and it remains a neglected therapeutic target.There is an ever-growing body of evidence suggesting that heightened sympathetic activity combined with diminished parasympathetic activity may be the pathophysiological mechanism underlying the onset of phase 2 VF. By reviewing a range of different types of data we have outlined the likely mechanisms of phase 2 VF and have evaluated some of the evidence available that suggests that the autonomic nervous system dysfunction is the mechanism underlying phase 2 VF post myocardial infarction. We have also extensively reviewed the current models that have been used for the study of phase 2 VF. We conclude by evaluating possible future directions to help evolve a strategy for the suppression of phase 2 VF by drugs.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Dr Charles Murimi Mugera MSc Pharmacology Introduction The majority of the approximately 100,000 sudden cardiac deaths each year in the UK are caused by ventricular fibrillation related to ischaemia and infarction (Clements- Jewery et al., 2005; Wannamethee et al., 1995). Despite rapid advancements in the diagnosis and management of acute myocardial infarction (MI), an estimated 50% of patients die suddenly in the first hours before receiving medical attention (Lowel et al., 1993). Clinical studies indicate that the risk of sudden cardiac death is highest during the first 24 hours after an MI and diminishes thereafter (Zehender et al., 1991).The majority of these early deaths are caused by VF. Surprisingly little is known, however, about the exact time course of VF and even less about their underlying mechanisms in man. Ventricular arrhythmias post myocardial ischaemia and infarction have been extensively evaluated using animal models, and have been shown to occur in 2 distinct phases, phase 1 and phase 2 (Ravingerova et al., 1995; Clements-Jewery et al., 2005; Johnston et al., nd 1983). Animal studies have shown the 2 phase to be the more malignant arrhythmogenic period accounting for 87% of the arrhythmic deaths (Opitz et al., 1995). The relative importance of the phases of VF have not been elucidated in man and the spatial and temporal patterns of VF in man are difficult to acertain .However, the phases of VF in animal models have shown incredible similarity that cuts across all species from rodents to primates with little species variation (Curtis et al., 1987) . This evidence puts forward the elegant hypothesis that man exhibits the same biphasic susceptibility to VF (Clements-Jewery et al., 2005). 1 Cardiovascular Division King's College London the Rayne Institute St. Thomas' Hospital

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

acute myocardial infarction
antiarrhythmic
arrhythmia
myocardial ischaemia
phase 2 ventricular fibrillation
proarrhythmia
sudden cardiac death

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi