Skip to content

The influence of Prostaglandin E2 on bradykinin induced depolarization, generation and conduction of action potentials in the isolated vagus nerve

Informazioni tesi

  Autore: Charles Mugera
  Tipo: International thesis/dissertation
  Anno: 2004-05
  Università: Kings College London, University of London
  Facoltà: School of Biomedical Sciences
  Corso: Pharmacology
  Relatore: Dr. Reginald Docherty
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 51

In this study we have investigated the sensitising effect that PGE2 has on the action of bradykinin (BK) in both depolarising the resting membrane potential and in action potential generation and propagation in the isolated, desheathed vagus nerve of the rat using an extra cellular grease gap recording technique. Treatment with proinflammatory PGE2 (1µM) produced a significant increase in the bradykinin (1µM) induced depolarisation of the vagus nerve but had no effect on the action potential generation and propagation. We hypothesise that this sensitisation is elicited by the vanilloid capsaicin sensitive receptor TRPV1. Activation of intracellular PKA using a membrane-permeant analogue of cyclic AMP i.e. dbcAMP (2mM) also increased the neuronal responses elicited by bradykinin (1µM) in a manner analogous to that produced by PGE2 (1µM). Treatment of the isolated vagus nerve with the phorbol ester PDBu (1µM) directly caused a depolarisation of the isolated vagus nerve as well as increasing the neuronal responses elicited by bradykinin (1µM) in a similar manner to that produced by PGE2 (1µM). Inclusion of a non-specific protein kinase inhibitor staurosporin (1µM) completely suppressed the sensitisation produced by PGE2 (1µM) or PDBu (1µM) but had no effect on the response produced by capsaicin (1µM). The application of the capsaicin antagonist ruthenium red (1µM) completely abolished the sensitisation produced by PGE2 (1µM) PDBu (1µM) and capsaicin (1µM). Taken together, these observations suggest that the PGE2 sensitisation of the BK induced depolarisation is mimicked by both activation of the PKA and PKC signalling pathways by a process that is completely blocked by the TRPV1 antagonist ruthenium red and staurosporin. Suggesting a pivotal role for the TRPV1 channel in the PGE2 and BK induced response.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Dr Charles Murimi Mugera MSc Pharmacology The influence of PGE on bradykinin-induced depolarisation, generation and 2 conduction of action potentials in the isolated vagus nerve of the rat. Chapter 1.Introduction 1.1. Inflammation and hyperalgesia Inflammation and tissue injury cause an enhanced response to noxious stimuli and a decrease of the pain threshold (Planells-Cases et al., 2005). Inflammatory mediators, released from the injured tissues are well known to produce hyperalgesia (Moriyama et al., 2005). Intradermal injection of some inflammatory mediators directly produces pain while others do not produce pain but potentiate the response to pain. We hypothesize that different inflammatory mediator’s act synergistically to produce the phenomenon of hyperalgesia. In our study we look at two of the most important inflammatory autacoids, bradykinin and PGE, and how their intracellular signalling pathways interact to induce 2 hyperalgesia. 1.2. Bradykinin and hyperalgesia One of the most potent mediators of inflammation is the nonapeptide bradykinin (BK) which is generated in plasma and tissues following injury (Couture et al., 2001). Intradermal injection of bradykinin produces pain in animal models (Inoki et al., 1979) and in man (Meyer et al., 1992) . G-protein activation is an essential component of the bradykinin response, modulated by protein kinase C and lipoxygenase metabolites of arachidonic acid (McGuirk & Dolphin, 1992). BK exerts its biological effects through the activation of the bradykinin B2 receptor which belongs to the rhodopsin family of G protein-coupled receptors (Flavahan & Vanhoutte, 1990; Voyno-Yasenetskaya et al., 1989a; Voyno-Yasenetskaya et al., 1989b) 1 The Wolfson Centre for Age-Related Diseases

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

action potential
bradykinin
depolarisation
excitability
pka
pkc
prostaglandin e 2
rat vagus nerve
trpv1 receptor

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi