Skip to content

Il rappresentante dei lavoratori nel decreto legislativo n. 626/94

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Magenta
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Tommaso Germano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 196

L'esigenza di tutelare la sicurezza e di garantire la prevenzione e l'igiene sui luoghi di lavoro, può dirsi avvertita da subito, al sorgere delle prime ''factories'' nell'Inghilterra di re Giorgio IV.
Gli ambienti adibiti dai primi ''padroni'' all'uso industriale, non presentavano quelle caratteristiche e quei requisiti tali da permettere che il lavoro venisse svolto in condizioni accettabili da un punto di vista igienico sanitario; né tanto meno offrivano garanzie dal punto di vista della sicurezza sul posto di lavoro. Del resto, coloro che avevano abbandonato la campagna, spinti dalla povertà, alla ricerca di un lavoro e quegli artigiani che, continuando a svolgere gran parte del lavoro manualmente, non potendo sostenere la concorrenza di chi ormai produceva in modo meccanizzato, poco si interessavano della questione ambientale o della sicurezza, essendo per loro prioritario il raggiungimento di un salario, che di norma era appena sufficiente per sopravvivere; si sopportavano, così, anche condizioni di lavoro assai dure, con orari giornalieri di dodici o quattordici ore, nella certezza che se non avessero accettato o avessero protestato, molti altri sarebbero stati pronti a rimpiazzarli.
Nelle fabbriche gli operai, anche donne e bambini, venivano adibiti ad un lavoro condizionato dal ritmo delle macchine, che comportava gli stessi gesti per l'intera giornata lavorativa e doveva fornire un rendimento costante e prestabilito. Si lavorava anche 14 ore al giorno; l'igiene e la sicurezza erano scarse e spesso si verificavano incidenti, anche mortali.
In virtù della teoria liberista, che considerava il lavoratore che cedeva il suo lavoro come ogni altro venditore di merce, il salario, che in questo caso misurava il prezzo del lavoro dell'uomo, si determinava nella libera trattativa tra i singoli lavoratori e i singoli proprietari delle imprese. Inizialmente gli operai trattavano separatamente, uno per uno, con il datore di lavoro: così facendo si trovarono in una situazione di estrema debolezza, spesso costretti a subire i salari e le condizioni che venivano loro imposti. Chi voleva ottenere qualcosa di più rischiava di venire mandato via e sostituito con un disoccupato, che aveva minori pretese. In alcune fabbriche gruppi di lavoratori riuscirono a strappare al datore di lavoro condizioni e trattamenti migliori, ma rimangono pur sempre casi isolati e sparuti, dovuti probabilmente alla benevolenza di qualche imprenditore ''illuminato''. Ma l'errore, o se vogliamo il limite di questo modo di proporre istanze, risiede proprio nella mancanza di compattezza ed unitarietà manifestata dai prestatori di lavoro e dalla trattazione delle questioni solo all'interno della medesima fabbrica, all'interno, perciò, del dualismo singolo imprenditore-proprio gruppo di operai: veniva sì individuato un rappresentante del gruppo, un portavoce che manifestasse le richieste per tutti; ma questo processo di sintesi e compattamento terminava lì, privo di ogni sguardo verso l'esterno alla ricerca di analoghe problematiche da poter condividere e contrattare all'unisono.
Ad un atteggiamento remissivo e rassegnato da parte dei prestatori di lavoro, determinato in prevalenza dalla forza economica del padrone, che si concretizzava, dall’altra parte in una sudditanza materiale e psicologica, ma soprattutto economica dei lavoratori nei confronti del ''padrone'', si venne man mano sostituendo un atteggiamento più consapevole da parte degli operai, che, visti gli scarsi risultati ottenuti con forme di protesta come il luddismo, o di isolati gruppi di operai, conclusisi con immediati licenziamenti, ed intuita l'unica vera forza di cui disponevano, che stava nel loro numero, iniziarono ad organizzarsi ed a riunirsi in apposite associazioni, in modo da contrattare insieme le proprie richieste. Trattando tutti uniti con il datore di lavoro nessuno avrebbe più accettato condizioni troppo misere.
Nacquero, così, in Inghilterra le prime organizzazioni operaie (Trade Unions), permesse dalla legge nel 1824.
Queste associazioni, antenate dei moderni sindacati, dovettero superare gli ostacoli e i divieti che, più o meno a lungo, tutti i governi di ispirazione borghese cercarono di imporre alla loro attività, ma in seguito le condizioni migliorarono.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 CAPITOLO I L'articolo 9 dello "Statuto dei lavoratori" e il concetto di "rappresentanze" nella elaborazione dottrinaria e giurisprudenziale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sindacati
rappresentanza sindacale
rappresentante dei lavoratori
diritto del lavoro

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi