Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi valutazione e restauro del paesaggio del Parco dei Nebrodi

Analisi, valutazione e restauro del paesaggio del parco dei nebrodi con l'individuazione di tutta la Rete Ecologica del Parco dei Nebrodi, la progettazione delle buffer zone e di corridoi ecologici per la conservazione della biodiversità.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 1. Informazioni sul Parco dei Nebrodi Etimologicamente il termine Nebrodi è associato al significato “terra dei cerbiatti”, secondo il linguaggio dei Greci. Oggi, i Nebrodi oltre ad essere natura racchiude in se anche la civiltà millenaria, la storia,l’ arte, la cultura e le tradizioni popolari. Questo è il più giovane dei tre parchi siciliani e anche il più vasto, essendo stato istituito il 4 agosto 1993 ed estendendosi per 85.687 ettari. Il paesaggio del territorio dei monti Nebrodi, con i Peloritani ad est e le Madonie ad ovest, costituisce l’Appennino Siculo. Essi si affacciano, a nord, direttamente sul mar tirreno, mentre il loro limite meridionale è segnato dall’Etna. Gli elementi principali che più caratterizzano il paesaggio naturale sono la disimmetria dei vari versanti, la diversità di modellazione dei rilievi, la ricchissima vegetazione e le numerose zone umide. L’ andamento orografico è caratterizzato dalla dolcezza dei rilievi, dovuta alla presenza di estesi banchi di rocce argilloso- arenacee, le cime che raggiungono ,con Monte Soro, la quota massima di 1.847 m s.l.m. presentano fianchi arrotondati e si aprono in ampie vallate solcate da fiumare che sfociano nel mar Tirreno. Laddove, però, a prevalere sono gli affioramenti calcarei, il paesaggio assume aspetti dolomitici, con profili irregolari, forme aspre e fessurate. È questo il caso di Monte San Fratello e soprattutto delle Rocche del Crasto. I comuni che ricadono all’interno dell’area protetta sono 23 : 18 in provincia di Messina (Alcara Li Fusi, Capizzi, Caronia, Cesarò, Floresta, Galati Mamertino, Longi, Militello Rosmarino, Santo Stefano di Camastra, San Teodoro, Tortorici,Ucria, Raccuia), 3 in provincia di Catania (Bronte, Maniace, Randazzo), 1 in provincia di Enna (Cerami). Un aspetto essenziale del territorio del parco è che esso, nonostante si presenti come un’area ecologicamente molto pregiata, si discosta dal concetto di WILDERNESS 1 , 1 http://www.wilderness.it

Laurea liv.I

Facoltà: Architettura

Autore: Lorella Lazzaro Contatta »

Composta da 40 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 325 click dal 04/04/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.