Skip to content

Derivati, strumenti di speculazione e copertura: il caso dell'Orange County Investement Pool

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Riviello
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia della banca della borsa e delle assicurazioni
  Relatore: Barbara Alemanni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 136

Nei capitoli successivi si spiegherà come nel corso del tempo l'evoluzione del mercato dei futures, delle options e dei forward si sia sempre più sviluppato e sofisticato. In particolare ci si occuperà della diffusione dei derivati sia come strumenti di copertura dai rischi, sia come strumenti di speculazione. Questa analisi procede parallelamente all'analisi sulla valutazione dei rischi, soffermandosi sull'importanza e sull'evoluzione del risk management.
L'aspetto più sorprendente circa il risk management e il business che lo circonda è quanto velocemente questo settore sia cresciuto e abbia profondamente modificato il modo di pensare e lavorare degli addetti al settore. Nel giro di trent'anni siamo passati dalle prime teorie sul rischio, a moderni software per la gestione e la classificazione del rischio sviluppati da compagnie specializzate (tra le più note si ricordano Barra e Fama). Oggi il rischio è un argomento centrale, ma già in passato più volte ci si è soffermati sulla sua importanza, sopratutto in seguito a clamorosi disastri finanziari. Un esempio che si tratterà è il caso dell' Orange County Investment Pool (OCIP).
Il 1° Dicembre 1994 Orange County annunciò che il suo fondo, conosciuto come OCIP, aveva perso circa 1,5 miliardi di dollari. Alcuni giorni dopo, in seguito a queste perdite, Orange County fece istanza di protezione dalla bancarotta ed iniziò a liquidare gli assets dell'OCIP1. La perdita totale sul fondo fu stimata intorno agli 1,6 miliardi di dollari sui 7,5 investiti nei fondi. La perdita destò ancora più scalpore alla luce dello scopo conservativo dichiarato dal fondo e le sue linee guida di investimento particolarmente attente a limitare il rischio. Il fondo doveva investire in titolidi stato e corporate bond ad alto rating per ridurre i rischi. Esaminando la composizione dei titoli del fondo, invece, ci si rende conto che si stavano correndo rischi molto più alti di quelli dichiarati. Robert Citron2, il tesoriere della contea, invece di attuare una gestione prudente e conservativa speculò sull'andamento dei mercati conseguendo guadagni importanti e perdite clamorose.
Nei capitoli successivi verranno esaminate da vicino le vicende che videro protagonista l'Orange County Investement Pool a partire dal 1993. Il primo capitolo esaminerà i possibili utilizzi a fini di copertura degli strumenti derivati, in particolare ci si soffermerà sulla copertura dei rischi generati dall'incertezza sul futuro. Nel secondo capitolo verranno approfondite le vicende che attraversò l'OCIP nel 1993 e nel 1994, dagli anni delle grandi performance alla liquidazione. Nel terzo capitolo verranno esaminati gli strumenti utilizzati dal fondo per speculare sull'andamento dei tassi di interesse, in particolare verranno esaminati gli inverse floater (strumenti accusati in un primo momento di aver causato le perdite del fondo). Nel Quarto capitolo verranno valutati alcuni dei rischi corsi dall'OCIP, calcolando alcuni indicatori con gli stessi dati disponibili a inizio 1994 col fine di valutare se era possibile prevedere quello che sarebbe successo. Si valuteranno inoltre le misure legislative adottate in seguito alla bancarotta della contea. Nel quinto capitolo verranno esaminati gli indicatori di rischiosità attualmente utilizzati e come si prevede si evolverà il risk management.
Percorrendo la storia di questo organismo di investimento si può ripercorrere la storia ciclica dell'economia, dove lunghi periodi di euforia ed espansione lasciano spazio ad intensi periodi di crisi. Ancora una volta si spera che guardando al passato si possano trarre elementi utili sulla valutazione del presente e del futuro.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Nei capitoli successivi si spiegherà come nel corso del tempo l'evoluzione del mercato dei futures, delle options e dei forward si sia sempre più sviluppato e sofisticato. In particolare ci si occuperà della diffusione dei derivati sia come strumenti di copertura dai rischi, sia come strumenti di speculazione. Questa analisi procede parallelamente all'analisi sulla valutazione dei rischi, soffermandosi sull'importanza e sull'evoluzione del risk management. L'aspetto più sorprendente circa il risk management e il business che lo circonda è quanto velocemente questo settore sia cresciuto e abbia profondamente modificato il modo di pensare e lavorare degli addetti al settore. Nel giro di trent'anni siamo passati dalle prime teorie sul rischio, a moderni software per la gestione e la classificazione del rischio sviluppati da compagnie specializzate (tra le più note si ricordano Barra e Fama). Oggi il rischio è un argomento centrale, ma già in passato più volte ci si è soffermati sulla sua importanza, sopratutto in seguito a clamorosi disastri finanziari. Un esempio che si tratterà è il caso dell' Orange County Investment Pool (OCIP). Il 1° Dicembre 1994 Orange County annunciò che il suo fondo, conosciuto come OCIP, aveva perso circa 1,5 miliardi di dollari. Alcuni giorni dopo, in seguito a queste perdite, Orange County fece istanza di protezione dalla bancarotta ed iniziò a liquidare gli assets dell'OCIP1. La perdita totale sul fondo fu stimata intorno agli 1,6 miliardi di dollari sui 7,5 investiti nei fondi. La perdita destò ancora più scalpore alla luce dello scopo conservativo dichiarato dal fondo e le sue linee guida di investimento particolarmente attente a limitare il rischio. Il fondo doveva investire in titoli 1 In realtà vi erano tre distinti Orange County Investment Pool: il Commingled Pool, il Bond Pool e il Specific Investement. Nel resto dello scritto con OCIP ci si riferisce contemporaneamente a tutti e tre i fondi 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

barra
bermudian swap options
black-scholes-merton
business
copertura
derivati
fixed floater
fixed income
forward
futures
guadagni e perdite
interpolante
inverse floater
investimenti
matematica finanziaria
nick leeson
option
orange county
risk management
speculazione
swap
tassi di interesse
tassi fed
tbond

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi