Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La guerra: il volto nascosto dell'informazione radiotelevisiva. Il caso Iraq e le nuove tecnologie di informazione

Ho deciso di impostare questo mio lavoro in tre capitoli; nel primo di essi affronterò l’origine del rapporto tra guerra e mezzi di informazione. Il secondo capitolo, invece, espone una fedele cronologia delle guerre moderne e la modalità di approccio con i mass media, soffermando anche l’attenzione sulla nascita di una nuova tipologia di inviato di guerra: l’embedded.
Infine nell’ultimo capitolo prenderò in esame in modo dettagliato il caso Iraq, con particolare riguardo nei confronti del giornalismo arabo e delle nuove tecnologie di informazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
PREMESSA La mia tesi nasce da un profondo interesse per la storia ed il mondo della comunicazione, quest’ultimo inteso, in questo caso particolare, come universo capace di coniugare gli ultimi eventi bellici ed il modo di farne divenire informazione. Proprio per questo motivo ho deciso di impostare questo mio lavoro in tre capitoli; nel primo di essi affronterò l’origine del rapporto tra guerra e mezzi di informazione. Il secondo capitolo, invece, espone una fedele cronologia delle guerre moderne e la modalità di approccio con i mass media, soffermando anche l’attenzione sulla nascita di una nuova tipologia di inviato di guerra: l’embedded. Infine nell’ultimo capitolo prenderò in esame in modo dettagliato il caso Iraq, con particolare riguardo nei confronti del giornalismo arabo e delle nuove tecnologie di informazione. Dopo aver condotto un’analisi linguistica ho avuto modo di apprendere che il lemma guerra deriva dal germanico werra che significava mischia. Il sostantivo di origine germanica ha preso subito il posto della parola latina bellum, da cui derivano gli aggettivi bellicoso, bellico e belligerante. Nel lessico giornalistico a questa parola viene intesa come grande evento a cui vengono associate aggettivazioni diverse a seconda dei mediatori dell’informazione. Lo scopo del mio elaborato è quindi quello di concentrare l’attenzione sulla guerra come grande evento mediatico finalizzato ad offrire allo spettatore un punto di vista privilegiato, da protagonista e da testimone diretto. 4

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Fabiana Giovanna Bassolino Contatta »

Composta da 41 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 587 click dal 21/09/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.