Skip to content

Semiotica della pubblicità: esperimento di unificazione tra teoria interpretativa e generativa nella pubblicità ''Minute Maid''

Informazioni tesi

  Autore: Chiara Begni
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Bergamo
  Facoltà: Scienze della Comunicazione di massa pubblica e istituzionale
  Corso: Lingue e letterature straniere
  Relatore: Valentina Pisanty
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 92

Fin dall’inizio del mio percorso accademico, e per tutta la sua durata, ho sempre trovato il campo della pubblicità estremamente stimolante, uno specchio capace di riflettere le tendenze più desiderabili delle società e addirittura di guidarle o di crearle "ex novo", secondo certi parametri definiti “commerciali” che le rendono appunto desiderabili di conseguenza. Proprio perché lo considero un settore dalle infinite possibilità di analisi e congetture, e a causa dell’interesse che sta risvegliando in praticamente ogni disciplina, dal marketing alla semiotica, dalla sociologia alla psicologia, ho deciso di eleggerlo ad argomento principe di questo mio lavoro.
Due i problemi che si sono presentati immediatamente: il primo riguarda il rischio di cadere nella banalità. Infatti, lavorare su uno degli strumenti più importanti di cui si servono i mezzi di comunicazione di massa per arrivare ad esercitare il loro potere di persuasione sulle persone, in una facoltà di Scienze della Comunicazione, potrebbe risultare piuttosto scontato, un fenomeno già visto e su cui non sembra più possibile avviare indagini originali.
Il secondo problema, invece, ha a che fare con quanto ho accennato sopra: la pubblicità è un ambito multidisciplinare. Le società contemporanee sono ormai diventate consapevoli della necessità di approfondire gli studi a riguardo, in quanto non si può più nascondere il fatto che essa eserciti una forza immensa sulla sfera pubblica e privata e che il fenomeno sia diventato ormai talmente invasivo, da non accorgersi quasi più della sua presenza. Quante volte infatti, guardando la tv, sfogliando un giornale o semplicemente camminando per strada non ci rendiamo conto del bombardamento dei messaggi pubblicitari a cui siamo continuamente sottoposti, che invisibilmente lavorano a livello del nostro inconscio e vi rimangono impressi? Da qui quindi la necessità di molte discipline di allargare i propri campi d’indagine, prima limitati a degli oggetti specifici e settoriali, e di fare della pubblicità un oggetto di studi inquadrabile dai più svariati punti di vista. Il risultato è che ormai essa sembra non avere più segreti per nessuno, sembra che non ci sia più nulla di nuovo da scoprire; pare essere cioè un campo già battuto e non più fecondo.
Quello che ho cominciato a pensare che servisse, quindi, è un approccio originale, una prospettiva forse azzardata ma che potesse suscitare un nuovo interesse e magari aprire nuovi interrogativi.
Innanzitutto,la scelta dell’inquadramento: ho optato per l’operare dalla prospettiva semiotica, in quanto questa è la disciplina fondamentale che sta alla base di ogni forma di comunicazione; da qui nasce una considerazione personale, che mi ha spinto ancora più fortemente ad intraprendere questo approccio: è curioso come tutte le persone sappiano “interagire” tra di loro, sappiano facilmente dar vita al processo di comunicazione senza però avere piena consapevolezza di come tutto questo funzioni, senza conoscere i meccanismi che portano un individuo a capire e a farsi capire. Da qui la scelta di analizzare un testo pubblicitario (pubblicità stampa “Minute Maid ”) attraverso la semiotica. Si analizzeranno quindi due classiche teorie contrapposte: la teoria interpretativa (Eco), che si basa sulla convinzione che il significato del testo venga costruito da una cooperazione attiva tra emittente e destinatario e quella generativa (Greimas), che all'opposto ritiene che il senso esista già in maniera intrinseca nei meccanismi di costruzione del testo stesso e vi si possa arrivare solo smontando questo ultimo nei vari livelli. Le due teorie verranno applicate alla stessa pubblicità (Minute Maid, cartacea).
Il mio obbiettivo sarà provare a dimostrare che esiste una possibilità di collaborazione tra le due teorie nell’analisi di senso di un testo pubblicitario. Attraverso un lavoro del tutto personale, e quindi a prescindere dal risultato, comunque originale, proverò a rendere i due contributi complementari allo scopo di approdare ad un’analisi della pubblicità “Minute Maid” completa da tutti i punti di vista.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Chiara Begni 48190 7 1. LA SEMIOTICA TRA PUBBLICITA‟ E COMUNICAZIONE Non ci si può addentrare fin da subito nei meccanismi pratici dell‟analisi semiotica se prima non si fa un po‟ di luce sull‟argomento principe, sulla base di questo lavoro, che è la pubblicità. Infatti, è bene possedere una conoscenza basilare di tale settore al fine di poter meglio comprendere il campo generico su cui si andrà a operare e soprattutto per rendere chiare le caratteristiche e le peculiarità della pubblicità attraverso un taglio semiotico. Si comincerà quindi a definire la nozione di pubblicità, ad illustrarne i caratteri generali e a relazionarla prima al sistema di comunicazione e poi più specificamente alla semiotica. 1.1 Pubblicità e comunicazione Al giorno d‟oggi, particolarmente nelle società capitalistiche come quella in cui viviamo, la pubblicità è senz‟altro uno dei principali motori dell‟economia, nonché lo strumento più ricco e potente in grado di condizionare qualsiasi mezzo di comunicazione di massa, in quanto può imporre al mondo, con la forza delle sue idee e con la sua onnipresenza, immagini, parole e pensieri ( ovviamente sotto forma di merce e prodotti). Per questi aspetti, ci appare chiara e coerente la definizione di pubblicità come strumento estetico e ideologico di massa, dal quale attingiamo più spesso di quanto si pensi i modi di guardare le cose, i modelli desiderabili di riferimento e le opinioni generali intorno alle quali pensare. A conferma di quanto detto sopra, sta il carattere mobile della pubblicità e la sua velocità e prontezza nel seguire le sfumature sottili dell‟umore collettivo, nell‟adattarsi facilmente alle ondate di cambiamento

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

pubblicità
semiotica
teoria generativa
teoria interpretativa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi