Skip to content

HR 2.0: strumenti e tecniche per la gestione delle risorse umane

Informazioni tesi

  Autore: Paolo Boz
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Comunicazione pubblica e d'impresa
  Relatore: Luca Solari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 135

La presente tesi nasce dalla volontà di comprendere quale sia il livello di maturità delle funzioni di Gestione delle Risorse Umane in relazione all’utilizzo di strumenti web 2.0, valutando quali sono le applicazioni già presenti e quanto queste siano integrate nelle funzioni, quali siano le prospettive future, qual è stato lo sviluppo negli ultimi anni e come ha inciso e inciderà sulla struttura organizzativa delle imprese. Il problema del paradigma 2.0 non si limita all’utilizzo di queste nuove applicazioni, ma coinvolge aspetti molto rilevanti per la vita organizzativa come i modelli di GRU, la cultura, lo sviluppo di relazioni collaborative tra i lavoratori o tra l’organizzazione e gli stakeholder. Inserire software collaborativi nei processi della funzione HR genera problemi di leadership e nuovi quesiti che per essere governati al meglio necessitano di una riorganizzazione dell’intera funzione secondo nuovi modelli.
Il primo capitolo contiene una rassegna dei principali modelli di Gestione delle Risorse Umane utilizzati dalla seconda metà degli anni Ottanta sino ad oggi. Saranno trattati il modello di Michigan, il modello di Harvard, il modello di New York, quello di Sonnenfeld, il modello delle competenze, il modello evoluzionista, quello del talento, sino ad arrivare al modello del valore di Ulrich al quale sarà dedicato un maggior approfondimento per evidenziarne le caratteristiche peculiari che lo rendono un sostegno ideale alla struttura di Gestione delle Risorse Umane di tipo 2.0.
Il secondo capitolo è dedicato allo sviluppo della tecnologia informatica e del rapporto tra questa e l’organizzazione al fine di ripercorrere il sentiero che ha portato alla nascita del concetto di Enterprise 2.0, del quale l’HR 2.0 ne è figlio. Il percorso inizia con il BPR – il quale rappresenta il primo avvicinamento in chiave sistemica tra informatica e organizzazione – mettendone in evidenza gli aspetti positivi e quelli negativi. Successivamente la sezione prosegue con il KM, un secondo paradigma che utilizza la tecnologia per migliorare la produzione e la circolazione della conoscenza come presupposto per l’innovazione, vero elemento distintivo delle imprese moderne. Molto spazio sarà dedicato alle problematiche di implementazione del KM che vedono coinvolti a pieno titolo i professionisti di GRU in quanto collante ideale tra l’architettura informatica progettata dalla funzione IT e i lavoratori, veri depositari della conoscenza organizzativa. Il capitolo prosegue poi con una panoramica del cosiddetto web 2.0 indicandone le principali innovazioni tecniche, le ripercussioni che queste hanno generato nei comportamenti dei consumatori e nella cultura più in generale. Vedremo come le tecnologie sociali abbiano abilitato comportamenti collaborativi che prima erano impensabili, riuscendo a dare centralità agli individui che assumono ora un ruolo attivo nei processi divenendo l’elemento più rilevante per le imprese che vogliono avere successo. Infine il capitolo si conclude con una descrizione approfondita dell’Enterprise 2.0 analizzando i benefici che può generare e gli aspetti che lo differenziano dal KM, rendendo indispensabile un rinnovamento della funzione HR, per l’appunto HR 2.0.
Con il terzo capitolo la tesi entra nel vivo dell’argomento grazie all’analisi di alcune ricerche che mirano a comprendere quanto siano utilizzati questi nuovi strumenti all’interno delle funzioni di GRU. I dati analizzati permettono di fotografare il livello di maturità dell’HR 2.0 al 2009 e al 2010 dandoci la possibilità di comprendere quale sia il trend evolutivo del paradigma in Italia, quali siano le opinioni espresse dagli HR manager e come si posizionano le funzioni di Gestione delle Risorse Umane italiane rispetto a quelle statunitensi.
Infine l’ultimo capitolo raccoglie opinioni, riflessioni e dubbi espressi dagli HR manager presenti al workshop HR 2.0: la Direzione Risorse Umane nel nuovo scenario competitivo.. I dati emersi durante il forum consentono di ponderare i risultati delle ricerche analizzate precedentemente, capire meglio quale sia il reale livello di coinvolgimento dei professionisti HR rispetto al nuovo paradigma e individuare i fattori che negli ultimi anni hanno impattato maggiormente sulla funzione di GRU spingendo i manager a cercare nel paradigma 2.0 delle possibili soluzioni.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione La presente tesi nasce dalla volontà di comprendere quale sia il livello di maturità delle funzioni di Gestione delle Risorse Umane in relazione all’utilizzo di strumenti web 2.0, valutando quali sono le applicazioni già presenti e quanto queste siano integrate nelle funzioni, quali siano le prospettive future, qual è stato lo sviluppo negli ultimi anni e come ha inciso e inciderà sulla struttura organizzativa delle imprese. Il problema del paradigma 2.0 non si limita semplicemente all’utilizzo di queste nuove applicazioni, ma coinvolge aspetti molto rilevanti per la vita dell’organizzazione come i modelli di Gestione delle Risorse Umane, la cultura organizzativa, lo sviluppo di relazioni collaborative tra i lavoratori o tra l’organizzazione e gli stakeholder. Inserire software collaborativi nei processi aziendali, in particolare nei processi della funzione HR, genera problemi di leadership e nuovi quesiti che per essere governati al meglio necessitano di una riorganizzazione dell’intera funzione secondo nuovi modelli. Per rispondere a questi interrogativi ho suddiviso il lavoro in due parti: innanzitutto ho svolto una ricerca bibliografica che mi ha permesso di comprendere il livello di sviluppo della ricerca in questo ambito; in secondo luogo ho svolto una indagine di carattere empirico per completare il quadro e avere un confronto diretto con esponenti del mondo imprenditoriale sui temi precedentemente individuati, al fine di mettere in evidenza eventuali discrepanze. Il primo capitolo contiene una rassegna dei principali modelli di Gestione delle Risorse Umane utilizzati dalla seconda metà degli

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi