Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le antiche terme di San Teodoro in Villamaina - Note antropologiche

Il lavoro sulla mia tesi è iniziato cercando di capire quali sono le motivazioni che spingono le persone a ricercare uno stabile equilibrio psico- fisico e con quali modalità raggiungono il loro benessere. Nella mia tesi mi sono occupata in particolar modo del benessere termale, cioè un positivo stato psico- fisico che si può raggiungere attraverso qualsiasi attività che includa l’ utilizzo delle acque termali. L’ approccio termale intende, quindi, ristabilire il ben- essere nel soggetto attraverso tutte quelle pratiche che riguardano il mondo termale, grazie all’ azione benefica che deriva dalle acque termali. Ciò che inizialmente si nota è che si sta assistendo ad un cambio dei tipici fruitori delle stazioni termali: dapprima anziani, di qualsiasi ceto sociale, bisognosi soprattutto di pratiche terapeutiche, quindi le acque vengono utilizzate soprattutto per la loro efficacia curativa. Oggi, accanto a questi tipici fruitori delle stazioni termali, sta aumentando la quota di coloro che decidono di intraprendere trattamenti benessere, quindi, non collegata direttamente alle cure fisiche, ma riguardante il mondo psichico e del benessere mentale. I fruitori appartengono ad una fascia d’età più bassa di quella precedente, quindi persone impegnate ancora in massima parte in attività lavorative e che svolgono attività fisica periodicamente. Il mio lavoro si è incentrato in particolar modo sulle “Antiche Terme di San Teodoro” di Villamaina, unica stazione termale della mia provincia, Avellino e si è concretizzato grazie alle interviste effettuate ai fruitori del reparto benessere delle suddette Terme. Ciò che si è potuto evidenziare tra le motivazioni è che si è soprattutto alla ricerca di un benessere ormai allontanato dai ritmi frenetici e sregolati della quotidianità, agognando un effetto relax sulla propria mente e che si traduca anche in un benessere fisico, perseguendo il modo latino “mens sana in corpore sano”. Questo periodo di relax si può concretizzare sia in un tempo breve, cioè in un solo week- end, oppure in una vera e propria vacanza termale, costituendo una reale alternativa alle solite vacanze settimanali o quindicinali estive da trascorrere sia da soli che in famiglia o con un gruppo di amici. Inizialmente mi sono dedicata ad una breve storia del termalismo, poiché le terme in quanto rigeneratrici del corpo e della mente erano già in uso all’ epoca dei Greci e dei Romani. Quest’ ultimi erano particolarmente amanti dei trattamenti termali, infatti le utilizzavano quotidianamente come sollievo dalle attività lavorative. Andando avanti con il mio lavoro ho potuto notare che più di un cambiamento di modalità di usufruire delle Terme, c’è stata una riscoperta della funzione termale, poiché da una prima fase benessere, si è passati ad una successiva curativa per poi ritornare ad una funzione benessere, riuscendo a godere a pieno degli elementi naturali e dei loro benefici.

Mostra/Nascondi contenuto.
LE TERME NELLA STORIA Le proprietà delle acque termali sono conosciute fin da tempi antichi. I primi a praticare bagni in acque calde furono i Greci che ritenevano avessero proprietà soprannaturali, molto spesso,infatti, accanto alle sorgenti venivano edificati importanti templi. Ippocrate, infatti, nel suo “Corpus Hippocraticum”, dedica ampie parti allo studio delle acque nei loro caratteri chimici, organolettici, per i problemi igienici, uso dei bagni in varie malattie, effetti del bagno caldo e freddo sull'organismo umano. A Roma, i romani erano soliti fin da piccoli immergersi nelle acque fredde del Tevere per le loro pratiche igieniche quotidiane. Roma divenne la culla del termalismo e il rito del bagno si trasformò in uno dei piaceri irrinunciabili della vita, tanto che i Romani dicevano: "balnea vina Venus corrumptum corpora nostra sed vita faciunt" (i bagni, i vini e Venere corrompono i nostri corpi, ma sono la vita). I Romani,però, furono i primi ad associare le acque termali al relax, costruendo edifici termali sia pubblici che privati, dapprima con acqua fredda, in seguito riscaldata e sempre più ricchi di locali - 2 -

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Natascha Cilio Contatta »

Composta da 65 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 891 click dal 01/10/2010.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.