Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le vendite speciali con particolare riguardo alle vendite a distanza

L'evoluzione tecnologica che negli ultimi decenni ha interessato il settore della distribuzione, ha indotto molte imprese ad usufruire delle innovative forme di comunicazione a distanza, sia nella fase della negoziazione che in quella della conclusione del contratto. I primi canali di commercializzazione a distanza ad essere impiegati dalle imprese per fini commerciali sono stati il telefono e la posta, a questi si sono aggiunti, più o meno recentemente, nuovi strumenti quali televisione fax, teletext, posta elettronica ed internet. Poiché in tali tipologie contrattuali la contrattazione avviene tra soggetti non fisicamente presenti, come pure non è materialmente presente il bene oggetto di negoziazione, il potenziale acquirente viene ad assumere una posizione di particolare debolezza rispetto alla controparte negoziale, poiché non è nelle condizioni di valutare adeguatamente la convenienza dell'offerta. Ciò ha reso necessario approntare una serie di interventi diretti alla tutela del consumatore impegnato in contratti negoziati fuori dai locali dell'impresa. Il primo di tali interventi è rappresentato dalla direttiva n. 85/577/CEE il cui scopo principale è quello di proteggere il consumatore nei rapporti contrattuali che nascono fuori dai locali commerciali, garantendogli il diritto irrinunciabile a recedere dal contratto mediante comunicazione inviata al commerciante entro 7 giorni dalla stipula del contratto. A fronte di tale diritto viene posto a carico del commerciante l'obbligo di informare per iscritto il consumatore sulle condizioni essenziali del contratto quali le caratteristiche del bene, le condizioni di pagamento e di consegna, l'esistenza del diritto di recesso.Nel nostro ordinamento i contenuti della direttiva sono stati introdotti con il D. Lgs. 15 gennaio 1992 n.50, attraverso il quale l'ambito di applicazione dei principi della direttiva sono stati estesi anche ad altre ipotesi di contratti conclusi a distanza, come le televendite e le altre vendite concluse con l'ausilio di strumenti informatici o telematici. Gli effetti negativi derivanti dall'adozione da parte dei paesi comunitari di differenti se non contrastanti disposizioni in tema di tutela del consumatore nei contratti a distanza, ha portato all'emanazione della direttiva 20 maggio 1997 n. 97/7/CE, la quale ha creato un sistema omogeneo di protezione dei consumatori nei contratti di vendita a distanza. L'emanazione di tale direttiva si è rivelata salutare per il nostro ordinamento, in quanto l'obbligo di recepimento previsto all'art.15, ha permesso di colmare le lacune che il nostro ordinamento presentava in materia. L'Italia ha adempiuto al proprio obbligo di recepimento tramite l'emanazione del D. Lgs. 22/05/99 n.15. Il decreto riprende, tranne per qualche importante eccezione, i principi contenuti nella direttiva concretizzando la protezione del consumatore attraverso la previsione dell'obbligo, posto a carico del commerciante, di informare il potenziale acquirente sui contenuti minimi del contratto ed estendendo a 10 giorni dalla consegna del bene, il termine per l'esercizio del recesso da parte del consumatore.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 LE VENDITE SPECIALI CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLE VENDITE A DISTANZA Capitolo primo LA VENDITA 1. Nozione La disciplina del contratto di vendita è contenuta nel codice civile nel libro IV ( delle obbligazioni ), al titolo terzo, dove all’ art. 1470 è disposto che “ La vendita è il contratto che ha per oggetto il trasferimento della proprietà di una cosa o il trasferimento di un altro diritto verso il corrispettivo di un prezzo “. Il concetto di vendita non è, dunque, limitato alla sola alienazione a titolo oneroso del diritto di proprietà su un bene mobile o immobile, ma comprende la costituzione ed il trasferimento, a favore di un altro soggetto e verso un corrispettivo, di un diritto reale come ad esempio l’usufrutto, o la cessione, contro un determinato prezzo, di un diritto di credito o il trasferimento a titolo oneroso dei diritti d’utilizzo sulle opere d’ingegno e sulle

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Giulia Neri Contatta »

Composta da 127 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3016 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.