Skip to content

Modelli culturali per una carta turistica della Costa dei Gelsomini: l'esempio di Locri-Gerace

Informazioni tesi

  Autore: Elena Fabiano
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi della Calabria
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze del turismo
  Relatore: Guglielmo Genovese
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 86

Il turismo nasce dall’esigenza della ricerca del nuovo e dall’esperienza di arricchire il proprio sapere.
Affonda le sue radici già nell’antichità, dove ogni viaggio costituiva, e costituisce ancora oggi, nuovi confini per esplorare luoghi, conosciuti o sconosciuti, anche attraverso le opere di poeti, narratori e viaggiatori che hanno spinto l’uomo curioso a conoscere realtà diverse dalla propria.
La Calabria, e in particolar modo la Costa dei Gelsomini, ha un ricchissimo patrimonio archeologico ma mancano gli strumenti per un’adeguata promozione e comunicazione delle potenzialità turistiche.
La scelta dell’argomento sviluppato, in quest’elaborato, nasce da un mio personale interesse, nel tentativo di promuovere e valorizzare il patrimonio archeologico, storico-artistico e paesaggistico della mia terra.
Nella tesi ho esaminato due modelli culturali, Locri e Gerace, cercando di esaltare le bellezze e le risorse presenti ma anche i problemi che si riscontrano all’interno dell’area.
Si è ritenuto opportuno soffermarsi sulla ricchezza dei beni culturali ricadenti dell’area archeologica di Locri Epizephiri e nel borgo medievale di Gerace, utilizzandoli come schemi per un possibile sviluppo turistico seppure di nicchia.
Uno degli obiettivi dell’elaborato finale, del resto, è quello di costituire un percorso culturale, ambientato sul comprensorio attinente alla Riviera dei Gelsomini, attraverso i numerosi resti dell’epoca antica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 “LA STORIA DEL COMPRENSORIO” 1. La nascita di Locri Epizephiri Il territorio della Locride è interessato da presenze archeologiche diffuse che si datano dalla preistoria sino all’epoca medievale. Tuttavia, l’età greca legata a fenomeni storici di tipo coloniario sembra rappresentare per la nostra 1 regione uno dei momenti più significativi. Nel corso della colonizzazione, infatti, tra l'VIII ed il VII sec. a.C., gruppi di greci (mercanti, contadini, allevatori, artigiani), giunsero via mare nella parte meridionale dell'Italia (le attuali Basilicata, Calabria, Campania e parte della Puglia) generando un flusso migratorio dalle singole città della Madrepatria, motivato tanto dall'interesse per lo sviluppo delle attività commerciali quanto da tensioni sociali dovute all'incremento della popolazione a cui la scarsa produzione agricola non 2 riusciva a dare il giusto sostentamento. L’arrivo dei greci, pone una questione ancora irrisolta in merito ai rapporti con la componente indigena, il cui confronto, senza dubbio, contribuì 1 P. G. GUZZO, Le città scomparse della Magna Grecia, Roma 1982, passim; ID., L’archeologia delle colonie arcaiche, in Storia della Calabria antica I, S. SETTIS (a cura di), Roma-Reggio Calabria 1987, pp. 139 sgg. 2 G. DE SENSI SESTITO, La Calabria in età arcaica e classica, in Storia della Calabria antica I, op. cit., pp. 229 sgg. 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

archeologia
area archeologica
borgo medievale
calabria
cattedrale di gerace
cattolica di stilo
centocamere
contrada marasà
contrada stefanelli
costa dei gelsomini
gerace
il naniglio
kaulon
locri
locri epizephiri
magna grecia
miti
percorso culturale
persephone
pinakes
ricerche archeologiche
sviluppo turistico
turismo culturale
villa romana in c.da palazzi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi