Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'accesso e l'interconnessione alle reti di comunicazione elettronica

In questa tesi si analizza la disciplina delle comunicazioni elettroniche, in particolare l'istituto dell'accesso e dell'interconnessione alle reti e le conseguenze derivanti dalla regolazione dello stesso mediante le c.d. Direttive di seconda generazione ed il nuovo Codice delle comunicazioni elettroniche.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 Capitolo I LA DISCIPLINA DEL SETTORE DELLE COMUNICAZIONI ELETTRONICHE 1 LE FONTI 1.1. Evoluzione e c.d. Direttive di seconda generazione Nel corso del XX secolo il settore delle telecomunicazioni ? stato sottoposto a ben tre diversi regimi giuridici: monopolio pubblico, liberalizzazione e attuazione della concorrenza. Nel primo regime, i servizi di telecomunicazione appartengono allo Stato, il quale organizza la gestione della rete mediante concessione di diritti speciali ed esclusivi che impediscono ai privati l‟ingresso nel mercato, frenando gli investimenti e lo sviluppo sia infrastrutturale che tecnologico. Questo assetto, fondato sul presupposto che il settore fosse caratterizzato da condizioni di monopolio naturale1, si dissolve in poco meno di un decennio in seguito all‟intervento del legislatore comunitario. La prima fase di tale intervento si sviluppa nel corso degli anni Novanta attraverso le c.d. “direttive di liberalizzazione”2 e “direttive di armonizzazione”3. 1 La connotazione principale dei monopoli naturali  ravvisabile nella capacit? di raggiungere una maggiore efficienza nella produzione di beni o servizi, laddove vi sia la presenza di un unico soggetto dal lato dell‟offerta, rispetto a quanto sarebbe possibile ottenere in condizioni di mercato concorrenziale. Laddove si rilevano condizioni di monopolio naturale si ravvisa un fallimento del mercato (market failure). Si v. in proposito D. SENZANI. Liberalizzazione e modelli di regolamentazione delle telecomunicazioni, Padova, 2003, 14 ss. 2 Dir. 90/388/CE “Concorrenza delle telecomunicazioni”; 94/46/CE “Servizi via satellite”; 95/51/CE “Uso di reti televisive via cavo”; 96/2/CE “Servizi mobili”; 96/19/CE “Full competition”; emanate dalla Commissione europea ex art.86, comma 3 del Trattato. 3 Le direttive: 90/387/CEE su “ONP” (Open Network Provision), come modificata dalla dir. 97/51/CE; 92/44/CEE su “linee affittate”, come modificata dalla dir. 97/51/CE; 97/13/CE su “autorizzazioni generali e licenze individuali”; 97/33/CE su “interconnessione, servizio universale e

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Maria Vittoria Tropea Contatta »

Composta da 213 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 889 click dal 30/09/2010.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.