Skip to content

Aspetti tecnologici e normativi della dematerializzazione digitale dei documenti. Uso dello standard UBL per la fatturazione elettronica.

Informazioni tesi

  Autore: Leonardo Truscello
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria informatica
  Relatore: Pieraugusto Pozzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 260

In questo lavoro di Tesi sperimentale sono trattati tutti gli aspetti, tecnici e pratici, della dematerializzazione digitale dei documenti fiscali. Verrà preso in considerazione un caso pratico di Fatturazione Elettronica – la quale consente di risparmiare, in media, dai 25€ ai 70€ rispetto ad una sua “rivale” fattura cartacea. A partire da una reale fattura di carta, verrà realizzata la sua corrispettiva fattura elettronica, strutturata in XML (eXtensible Markup Language) secondo lo standard UBL 2.0 (Universal Business Language) .
Certo, non è un progetto semplice; questo lavoro di Tesi ha richiesto infatti una lunga fase di studio ed analisi dei principali standard a livello mondiale per la fatturazione elettronica.
Sono state instaurate collaborazioni con XML Lab di Bologna, iniziativa congiunta di ENEA ed FTI, con il consorzio UBL Italia e con l’azienda Sogei Spa, di Roma.
Concetti fulcro della Tesi sono la Dematerializzazione Digitale dei documenti, la quale implica la Fatturazione Elettronica.
Alle soglie del 2009 sia aziende che Pubbliche Amministrazioni, sembrano ormai pronte per dire definitivamente addio alla carta e passare al digitale. L’argomento della tesi è perciò di notevole attualità e rilevanza, infatti la dematerializzazione consentirebbe di automatizzare i flussi informativi tra fornitori e Pubblica Amministrazione.
A velocizzare il processo di cambiamento è intervenuta la legge Finanziaria 2008 che ha introdotto l’obbligo da parte dei fornitori delle P.A. di emettere solo fatture elettroniche: tradotto in termini pratici, ciò permetterebbe di evitare la stampa, il trasporto e la gestione manuale di miliardi di documenti cartacei all’anno. Ne conseguirebbero milioni di € risparmiati, oltre che un’incredibile facilità di gestione dei documenti stessi.
Nel Primo Capitolo verrà studiata la Dematerializzazione sotto vari punti di vista, approfondendone i suoi significati e contesti. Particolare attenzione verrà posta alle linee guida del CNIPA (Centro Nazionale per l’Informatica nella Pubblica Amministrazione ) ed al Codice dell’Amministrazione Digitale. Verrà inoltre fatta distinzione tra contesti di Aziende Private e di Pubbliche Amministrazioni.
All’interno del Secondo Capitolo sarà trattato il tema della Fatturazione Elettronica, un esempio concreto di dematerializzazione digitale dei documenti. È l’elemento chiave per compierla. Dopo aver appreso di cosa si tratta ed i suoi aspetti salienti saranno approfonditi dei progetti per il monitoraggio della Spesa Pubblica italiana quali il SIOPE ed il SIGOGE.
Nel Terzo capitolo è effettuata un’attenta analisi del quadro normativo riguardante
Dematerializzazione dei documenti fiscali e Fatturazione Elettronica. Il tutto riferito al contesto italiano ed europeo, con considerazioni sui vantaggi e svantaggi apportati.
Poi, nei capitoli Quarto e Quinto, verranno studiate realtà Internazionali ed Italiane di Dematerializzazione e Fatturazione Elettronica, come quelle Danesi, Svedesi, Finlandesi, ma anche Poste Italiane, Banche italiane (CBI), Fiat, ed altre.
Nel Sesto Capitolo, sulla base delle esperienze apprese nei precedenti, è analizzato lo standard UBL (Universal Business Language). È un linguaggio derivato dall’XML, ma più focalizzato sulla dematerializzazione dei documenti fiscali. Infatti, per il presente lavoro di Tesi, è stato considerato lo standard più adatto per rappresentare una Fattura Elettronica. Verrà dunque effettuata un’attenta
analisi dei campi della Fattura fiscale, in previsione dell’ultimo capitolo, sperimentale.
Settimo ed ultimo capitolo: al suo interno è trattato il Progetto realizzato, e cioè, partendo da una fattura “di carta”, qui viene realizzata la sua corrispondente elettronica. Si concretizza proprio una dematerializzazione di un documento fiscale, quale lo è la fattura. Previo un attento studio di tutti gli ambiti dello standard UBL, sarà in primo luogo effettuata una “mappatura” dei campi della fattura elettronica prevista dalla legislatura italiana (cfr. Capitolo 5).
Successivamente sarà creata un’istanza della fattura cartacea secondo lo standard XML UBL 2.0, sfruttando lo Schema UBL-Invoice-2.0.xsd (cfr. Capitolo 6).
A questo punto, il documento XML risultante del lavoro, rispecchia, come vedremo, la fattura cartacea presa in considerazione ed è pronto ad essere Firmato Digitalmente, Marcato Temporalmente, secondo la normativa vigente, e quindi essere spedito: ecco la Fattura Elettronica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 5 Fatturazione Elettronica: L’approccio in Italia _________________________________________________________________ CAPITOLO 5 FATTURAZIONE ELETTRONICA: L’approccio in Italia 5.1 Premessa Dopo aver sondato le esperienze internazionali, in contesti legati alla Pubblica Amministrazione e quindi più facilmente confrontabili con il modello che si vuole perseguire, in questo capitolo vengono descritti alcuni casi italiani rappresentativi della recente evoluzione del mercato dei servizi attinenti o comunque collaterali alla fatturazione elettronica. Questa analisi è finalizzata a fornire un panorama delle iniziative in Italia più significative nel contesto in esame. 1 5.2 Esperienza Poste Italiane Spa 5.2.1 Percorso attuativo Nell’ultimo anno Poste Italiane Spa ha sviluppato un modello di outsourcing di servizi inerenti il processo di gestione della smaterializzazione di una fattura in tutte le sue fasi, dall'emissione alla spedizione al destinatario, occupandosi anche dell'archiviazione ottica sostitutiva in assoluta conformità alle norme CNIPA. In particolare, i servizi offerti riguardano sia il ciclo attivo che il ciclo passivo delle fatture e sono perfettamente integrati con gli altri servizi della gamma di offerta Poste Italiane, in una soluzione completa e modulare. 1 Si consulti a tal proposito anche il capitolo inerente alla Dematerializzazione ed il caso Poste Italiane Spa 127 Quest'opera è licenziata in base ai termini della licenza Creative Commons Attribuzione 2.5 http://creativecommons.org/licenses/by/2.5/deed.it In breve: sei libero di distribuire e modificare l'opera, purché venga sempre citato il suo autore o detentore del diritto d'autore.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

archiviazione
business
cad
campi italiani
carta
cbi
codice amministrazione digitale
conservazione sostitutiva
decreto
dematerializzazione
ebxml
edi
einvoice
elettronica
fattura
language
mappatura
sogei
standard
tabella di mappatura
ubl
universal
xml
xsd

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi