Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Elementi del dibattito sulla falsificabilità della teoria freudiana

Il testo espone le obiezioni mosse da Karl Popper alla psicoanalisi, e in particolare alla teoria di Sigmund Freud, mettendole a confronto con altri punti di vista sullo status epistemologico di questa disciplina. Molto spazio è riservato alle obiezioni mosse a Popper da Adolf Grunbaum, che difende le posizioni di un induttivismo raffinato rispetto alla critica popperiana proprio in riferimento all'esempio costituito dalla psicoanalisi, la cui infalsificabilità è considerata da Popper un ottimo esempio della validità del proprio criterio di demarcazione falsificazionista.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione A fornire lo stimolo alle ricerche e alle rifles- sioni che ho svolto in merito al dibattito sulla fal- sificabilità della psicoanalisi sono state le posi- zioni recentemente espresse da Adolf Grünbaum in una serie di scritti, tra i quali merita una par- ticolare menzione, per completezza e organicità, “I fondamenti della psicoanalisi”. È ormai noto che questo autore ha impugnato la celebre tesi di Popper secondo la quale la psicoanalisi sarebbe infalsificabile, e non sarebbe perciò lecito attri- buirle il titolo di scienza. Va anzitutto precisato che Grünbaum non intende assumere le vesti di difensore della teoria psicoanalitica, alla quale rivolge anzi critiche assai severe, bensì dell’induttivismo. Il suo bersaglio polemico è, in particolare, l’affermazione di Popper secondo cui l’induttivismo sarebbe incapace di fornire un cri- terio di demarcazione adeguato, qual è, invece, quello fondato sulla falsificabilità. Questa è cer- tamente una delle argomentazioni a cui Popper attribuisce maggior peso tra quelle da lui addotte a favore di un superamento dell’induttivismo. Per quanto concerne, in particolare, la psicoanalisi, il fatto che la sua storia sia costellata di verifica- zioni “a buon mercato” mostra con chiarezza, se- condo Popper, come il requisito critico che di- stingue le teorie scientifiche stia nell’ambito degli eventi che esse escludono, piuttosto che in quel- lo degli eventi che esse spiegano. Credo che Grünbaum abbia ragione nel rite- nere che il proprio tentativo di smentire il giudi-

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Marco Maria Boria Contatta »

Composta da 107 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5042 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 23 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.