Skip to content

Produttività e crescita: l’Italia in un’analisi comparativa

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Rollin
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Economia
  Corso: economia politica
  Relatore: Claudio De Vincenti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 52

Questo lavoro prende in esame alcune analisi sui mutamenti che hanno interessato l’economia europea nell’ultimo quindicennio, cogliendo analogie e differenze con le performances degli Stati Uniti nei medesimi periodi e rispetto all’attuale situazione di profonda crisi economica. In particolare nel decennio 1995-2004 è stata notata una sensibile divaricazione tra i principali indicatori dello sviluppo Usa, da una parte, e dei paesi dell’Unione europea, dall’altra. Gli Stati Uniti hanno registrato un forte aumento del tasso di crescita della produttività e del Pil. Gli Stati europei, al contrario, hanno ottenuto risultati deludenti di questi due indicatori. Queste differenze tra Stati Uniti e Europa sono ben visibili se si scompone il tasso di crescita del Pil nel tasso di crescita della popolazione, della quota di popolazione in età da lavoro, del tasso di occupazione e della produttività del lavoro.

A partire dal 2005 alcuni paesi europei hanno cominciato ad avvicinarsi agli States, avviando processi di ristrutturazione e innovazione del settore industriale e dei servizi che hanno portato a alti tassi di crescita della produttività. Ora l’attuale crisi, cominciata negli Stati Uniti nel 2007 e che ha poi investito il Vecchio continente, ha fermato questo processo di rilancio e ha sprofondato l’intera economia mondiale, a partire da una crisi finanziaria, in una spirale di calo della produzione industriale, del Pil e di aumento della disoccupazione dalla quale è difficile stabilire quando se ne uscirà definitivamente e quali saranno a quel punto i rapporti di forza economici fra le diverse aree mondiali. Numerosi piani di stimolo e di rilancio dell’economia sono stati messi in campo da diversi governi, coadiuvati dall’azione delle banche centrali. Negli ultimi mesi alcuni indicatori Usa, come un aumento della disoccupazione più contenuto e buoni tassi di crescita della produttività, e un ritorno a tassi di crescita positivi del Pil in Francia e Germania, sembrano mostrare che queste misure anti crisi cominciano ad avere effetto, soprattutto nei paesi che hanno incentivato di più la ripresa degli investimenti e il processo di innovazione tecnologica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 Dietro le diverse performances 2.1 I quattro fatti stilizzati Per capire e dare una spiegazione a questi risultati si devono esaminare le determinanti ad essi sottese. Come premessa è utile considerare l‟andamento della popolazione. Dalla tabella 1 si nota che il tasso di crescita della popolazione in Italia è stato del 3.6 per cento e questo incremento è dovuto ai flussi migratori: infatti senza di essi avremmo avuto una variazione prossima allo zero, visto che il numero di figli per donna italiana in età fertile (tasso di fecondità) è di poco superiore a 1 (valori minori di due indicano che vi è una tendenza alla riduzione della popolazione, anche se temporaneamente frenata da un invecchiamento della stessa). Negli altri paesi, tranne che in Germania, si sono registrati tassi di crescita della popolazione più alti. Se si guarda alla terza riga della tabella si nota come la quota di popolazione in età da lavoro nel nostro paese si è ridotta del 4.3 per cento nel periodo preso in considerazione. Invece in Francia è rimasta stabile, mentre in Spagna e Usa è aumentata. Una delle conseguenze del marcato invecchiamento della popolazione italiana è il contributo negativo alla crescita del Pil. Bisogna però dire che la relazione è biunivoca: se è vero che la bassa crescita della popolazione non favorisce incrementi del Pil, anche lo sviluppo di un paese influenza a sua volta la dinamica demografica. Su questo sfondo si prendono in considerazione quattro “fatti stilizzati” che si sono verificati in Italia e nei paesi dell‟Ue tra il 1995 e il 2004. Il primo è il consistente aumento dell‟occupazione, che si spiega con una maggiore flessibilità del mercato del lavoro, dovuta a riforme che hanno modificato la natura e la forma del rapporto lavorativo. In Italia, per esempio, con le riforme Treu e Biagi, è stata estesa la possibilità di ricorrere al lavoro a tempo determinato, alle agenzie interinali e a un gran numero di contratti “anomali”. Un excursus sulla misurazione e il significato dell‟Epl può chiarire meglio questo punto. L‟Epl (employment protection index) viene definito dall‟Oecd (Organisation for cooperation and economic development) come un insieme di norme che regolano l‟interruzione del rapporto di lavoro, limitando la facoltà delle imprese di licenziare i propri lavoratori senza incontrare restrizioni. L‟Oecd costruisce l‟Epl nel seguente modo: a ogni paese viene assegnato un punteggio che misura la protezione dell‟occupazione nelle diverse forme contrattuali esistenti: contratti individuali dei lavoratori permanenti; contratti dei lavoratori temporanei; condizioni poste per i licenziamenti collettivi. Si arriva così a un indicatore che costituisce la media ponderata dei vari punteggi. Per la costruzione dell‟indice si tiene dunque conto di quattro fattori: la difficoltà che le imprese hanno ad effettuare licenziamenti individuali; i costi procedurali; il preavviso; la buonuscita. Vengono prese in considerazione pure le difficoltà delle procedure di licenziamento e la regolamentazione relativa ai lavori temporanei. Ovviamente la protezione 5

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi