Skip to content

Baby-blues: progetto di ambulatorio per il post partum

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Melchiorre
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Medicina e chirurgia
  Relatore: Maria Grazia Pellegrini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 154

La depressione post partum rappresenta un disturbo, che coinvolgere alcune donne a partire dal 3° o 4° giorno seguente la gravidanza e che può avere una durata di diversi giorni, manifestandosi in qualche caso come depressione vera e propria, accompagnata da forme di psicosi.
Mentre la depressione post partum può perdurare anche per un intero anno, oltre il 70% delle madri, nei giorni immediatamente successivi al parto, manifestano il cosiddetto “maternity blues”, che comprende sintomi leggeri di depressione, tra cui crisi di pianto senza motivi apparenti, irritabilità, inquietudine e ansietà che tendono generalmente a scomparire nel giro di pochi giorni.
La depressione post partum può essere causata da una molteplicità di fattori: per questo richiede un intervento multidisciplinare, che coinvolge diverse figure professionali: l’ostetrica, il medico, lo psicologo. In particolare, assume una particolare importanza il ruolo dell’ostetrica, che accompagna la donna nella fase delicata del passaggio del parto, che sancisce l’inizio dell’assunzione del ruolo materno.
L’obiettivo di questo lavoro è quello di elaborare un progetto per la creazione di un ambulatorio ostetrico, specifico per il post partum, con l’obiettivo di prevenire il passaggio dal maternity blues ad una specifica e duratura sintomatologia depressiva.
Un passo preliminare è stata la conduzione di una ricerca, che ha avuto l’obiettivo di individuare i fattori di rischio, che sono predittivi dell’insorgenza della depressione post partum, in modo da attivare degli interventi specifici.
La parte sperimentale viene preceduta da un’introduzione teorica sulla depressione post partum e sul maternity blues.
In particolare, nel primo capitolo, viene introdotto il tema della gravidanza e del parto, partendo dal desiderio di maternità ed evidenziando gli aspetti psicologici più significativi, e quello del rapporto madre-bambino.
Nel secondo capitolo, l’attenzione viene focalizzata sulla depressione post partum: si parte dalla definizione diagnostica, per specificare poi la durata degli episodi, la continuità dei sintomi, i fattori epidemiologici, l’eziologia, gli strumenti di valutazione.
Nel terzo capitolo, viene approfondito il maternity blues, con particolare riferimento all’incidenza ed ai sintomi, eziologia, e gli effetti sul rapporto con il bambino.
Nel quarto capitolo, l’attenzione si focalizza sulla prevenzione della depressione post partum, facendo riferimento al modello della Psicologia della Salute, e specificando i fattori predittivi, tra cui il sostegno del coniuge e la rete sociale.
Nel quinto capitolo, viene presentata l’assistenza multidisciplinare nella depressione post partum, specificando il ruolo dell’ostetrica, dello psicologo, del ginecologo e dell’assistenza domiciliare. Infine, negli ultimi capitoli, viene presentata la ricerca realizzata e il progetto per la creazione dell’ambulatorio ostetrico, per il post partum.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO 1 GRAVIDANZA E PARTO 1.1. Il desiderio di maternità Il desiderio di maternità è un elemento che accompagna tutta la vita di una donna, rappresentando un sogno, un‟aspirazione o una tappa naturale dell‟essenza femminile: esso non si riduce alla sola esperienza di riproduzione, ma può accompagnare in forme diverse e mutabili l‟intero arco del ciclo di vita. Infatti, secondo la Deutsch, (1977) alla base dello spirito materno c‟è un‟idea guida infantile che, normalmente, si mantiene attraverso tutte le fasi dello sviluppo e che costituisce il presupposto per giungere a svolgere, in seguito, un ruolo materno. Inoltre, anche se di solito, si associa la maternità con la nascita effettiva del bambino, diversi autori cercano di evidenziare la complessità dell‟assunzione del ruolo materno, che si costruisce durante tutto il corso della gravidanza. In particolare, Stern (1999) afferma che “la nuova identità può sbocciare in qualsiasi momento della gravidanza, per configurarsi con maggiore precisione dopo la nascita del bambino e dispiegarsi pienamente dopo parecchi mesi di cure a casa, quando la mamma si rende conto di essere divenuta tale anche ai propri occhi”. Inoltre, secondo Stern (1999) esiste un processo che determina il cosiddetto “assetto materno”, che prevede diverse 7

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

baby-blues;
depressione
ostetricia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi