Skip to content

Il regime giuridico di utilizzazione del Nilo tra accordi coloniali e cooperazione tra Stati Rivieraschi

Informazioni tesi

  Autore: Stefano Genick
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Roberto Barsotti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 311

La presente trattazione ha ad oggetto la ricostruzione delle regole giuridiche che il diritto internazionale appronta per la materia di utilizzo dei corsi d'acqua condivisi da duo o più Stati per finalità differenti dalla navigazione, riservando, in tale contesto, peculiare attenzione al regime di utilizzazione delle acque del fiume Nilo.
La condivisione di una risorsa da parte di una molteplicità di soggetti rende indispensabile, nel caso di limitatezza di detta risorsa, l’adozione di un valido criterio per la relativa utilizzazione. Questa considerazione trova una simmetrica applicazione alla materia dei corsi d’acqua internazionali.
L’ambito di intervento del diritto internazionale, pertanto, consiste proprio nell’individuazione di un criterio valido e certo da seguire nell’utilizzazione del fiume condiviso da più Stati.
Tuttavia, l’evoluzione e la graduale affermazione di un criterio unico e certamente applicabile ha risentito, inizialmente degli interessi “particolari” degli Stati.
Infatti, è innegabile che la stessa struttura fisica di un corso d’acqua internazionale favorisca il “particolarismo” degli interessi delle parti che lo condividono. Si faccia, in tal senso, una considerazione elementare, ma altresì condizionale alla comprensione: un corso d’acqua, secondo uno schema lineare e semplicistico, presenta un punto di partenza ed un punto di arrivo. Tali locazioni possono esaurirsi all’interno del territorio di uno Stato ovvero di più Stati. In questa seconda direzione, si consideri che l’acqua del fiume, rinnovandosi costantemente in forza del proprio ciclo idrologico, passa da uno Stato all’altro con un movimento continuo. Si presenta, infatti, come un elemento fisico unitario, suscettibile di trasmettere le variazioni quantitative e qualitative da un punto all’altro del bacino: gli effetti di un determinato uso dell’acqua in un punto del fiume, infatti, potranno avvertirsi a notevole distanza a valle di quel medesimo fiume.
E’ inevitabile, in tal senso, una certa interdipendenza degli Stati che condividono un medesimo bacino. E’ ovvio, infatti, che qualora lo Stato a monte, ove prende avvio il corso del fiume, decida di effettuare una diversione del corso medesimo, gli effetti di tale attività si produrranno, da un punto di vista quantitativo, sullo Stato a valle, ove il fiume esaurisce il suo cammino.
Ne consegue la centralità delle relazioni tra Stati diversi nella materia di utilizzo. Tali relazioni potranno essere informate da un principio di anarchia, intesa come assenza di diritto certo ed applicabile alla fattispecie, dacchè ogni utilizzazione sarà considerata lecita, anche ove privi sostanzialmente della propria risorsa taluno dei titolari , ovvero da un principio giuridico di certa applicazione: da una regolamentazione che si imponga come vincolante per i cointeressati. Tale regolamentazione necessiterà del consenso delle parti, onde acquisire la forza di legge tipica di un contratto. In assenza di tale consenso, sarà giocoforza da parte degli Stati richiamarsi a schemi “giuridici” che li tutelano, ovvio variabili asseconda della posizione stessa dello Stato come a monte o a valle di un fiume ovvero di altre considerazioni difficilmente inquadrabili aprioristicamente.
In effetti, ogni fiume presenta una propria individualità, essendo caratterizzato da certe particolarità geografiche, geomorfiche ed idrologiche. Cosicché, la materia appare segnata da una forte relatività spaziale e temporale in merito ai criteri elaborati dagli Stati per lo sfruttamento del fiume comune.
Complessa è stata, in tal senso, l’opera di individuazione dei principi generali della materia, in quanto si è trattato di tenere conto delle differenti soluzioni elaborate nei diversi contesti, estraendone elementi comuni, sui quali è parso indubbio il consenso della Comunità Internazionale nel suo complesso, ergo la loro forza vincolante in quanto diritto consuetudinario.
Il diritto internazionale di utilizzo del corso d’acqua condiviso da due o più Stati per finalità differenti dalla navigazione, pertanto, sarà chiamato a risolvere, più che i problemi tecnici inerenti ad ogni singola utilizzazione, i conflitti esistenti tra differenti utilizzazioni e differenti utilizzatori.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
- 7 - INTRODUZIONE § 1. Inquadramento della materia. a) Premessa La presente trattazione ha ad oggetto la ricostruzione delle regole giuridiche che il diritto internazionale appronta per la materia di utilizzo dei corsi d'acqua condivisi da duo o più Stati per finalità differenti dalla navigazione, riservando, in tale contesto, peculiare attenzione al regime di utilizzazione delle acque del fiume Nilo. Si consideri la problematica che la materia in oggetto, generatim, viene a porre sotto il profilo strettamente giuridico. La condivisione di una risorsa da parte di una molteplicità di soggetti rende indispensabile, nel caso di limitatezza di detta risorsa, l’adozione di un valido criterio per la relativa utilizzazione. Questa considerazione trova una simmetrica applicazione alla materia dei corsi d’acqua internazionali. L’ambito di intervento del diritto internazionale, pertanto, consiste proprio nell’individuazione di un criterio valido e certo da seguire nell’utilizzazione del fiume condiviso da più Stati 1 . Tuttavia, l’evoluzione e la graduale affermazione di un criterio unico e certamente applicabile ha risentito, inizialmente degli interessi “particolari” degli Stati. Infatti, è innegabile che la stessa struttura fisica di un corso d’acqua internazionale favorisca il “particolarismo” degli interessi delle parti che lo condividono. Si faccia, in tal senso, una considerazione elementare, ma altresì condizionale alla comprensione: un corso d’acqua, secondo uno schema lineare e semplicistico, 1 La funzione del diritto anche in questo caso non differisce da quella classica di offrire certezza di regole applicabili.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

conflicts about nile watercourse
conflicts between nile riparian states
cooperazione per l'utilizzo del giume nilo
diritto internazionale applicabile al fiume nilo
fiume nilo
il nilo
il regime giuridico del nilo
il sudan e il nilo
l'egitto e il nilo
l'etiopia e il nilo
l'uganda e il nilo
nile river
nilo
norme internazionali applicabili al fiume nilo
problemi di utilizzazione del fiume nilo
regime di utilizzazione del nilo
the nile regime
the nile regime of utilization
the nile watercourse
water
international river
international watercourses
watercourses
the nile

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi