Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La tutela penale degli animali

La tesi illustra le forme di tutela apprestate dall'ordinamento giuridico italiano, con riferimenti anche a legislazioni di altri Paesi europei, nei confronti degli animali. Più precisamente ci si sofferma sulle norme penali poste a tutela degli animali, alla luce delle più recenti evoluzioni giurisprudenziali nonchè dell'introduzione del Titolo IX bis nel Codice Penale ad opera della Legge 189/2004. Viene altresì fornita un'analisi delle normative speciali riguardanti gli animali, come quelle sulla caccia e sulla sperimentazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
PREMESSA "Saevitia in bruta est tirocinium crudelitatis in homines". Le radici della legislazione, o meglio dei canoni giuridici a tutela degli animali trovano il loro fondamento in questo principio sulla base del quale già nell'antichità veniva censurato e condannato l'incrudelimento ed il maltrattamento degli animali stessi. Socrate chiese, nell'agorà, una pesante pena per un giovane che si era divertito ad accecare una rondine affermando che costui non sarebbe mai stato un buon cittadino ateniese, perché chi dimostra istinti crudeli verso creature più deboli manca potenzialmente delle capacità di convivenza e di rispetto civile anche con i propri simili1. Sulla questione in generale del rapporto tra gli umani e gli animali il pensiero umano si è lungamente soffermato e ciò non è sorprendente se solo si pensa al ruolo che, dagli albori della civilizzazione umana, gli animali hanno ricoperto nella e per la vita degli umani, come fonte di nutrimento (caccia, pesca, allevamento), di lavoro, di protezione dal freddo e di vestiario, di difesa, di compagnia e di divertimento. La concezione antropocentrica del mondo, concezione che caratterizza il pensiero umano e specialmente quello occidentale, si basa sull'assunto della 1 M. Santoloci e C. Campanaro, Tutela giuridica degli animali, Terni, ed. Diritto all'ambiente, 2008, p.12. 1

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Andrea Imperi Contatta »

Composta da 194 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3426 click dal 11/10/2010.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.