Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La cooperazione internazionale sulla lotta all'evasione fiscale: il fenomeno delle società off shore nei paradisi fiscali

Il presente elaborato è frutto di una attenta analisi del fenomeno evasivo e dei suoi effetti sul sistema tributario. Il lavoro è incentrato sulla cooperazione internazionale finalizzata alla lotta all’evasione fiscale, soffermandosi sul fenomeno delle società offshore nei paradisi fiscali.
Nel primo capitolo si affronta una analisi dettagliata degli aspetti formali e sostanziali dell’evasione fiscale.
Con il termine “evasione fiscale” ci si riferisce a tutti quei comportamenti attraverso i quali i cittadini violano le norme di legge al fine di non pagare o pagare meno tasse.
Tipicamente avviene attraverso operazioni di vendita effettuate senza emissione di fattura o di ricevuta o scontrino fiscale, con conseguente mancata dichiarazione fiscale e versamento d'imposta.
Nel capitolo secondo si è precisato che i movimenti internazionali di capitale non indicano necessariamente lo spostamento fisico da un Paese all’altro di beni capitali; tale mobilità può realizzarsi anche tramite transazioni finanziarie o la realizzazione di investimenti diretti in loco da parte di una multinazionale.
In tale contesto si inserisce lo spostamento dei capitali nei cosiddetti “paradisi fiscali”, ossia Paesi il cui ordinamento giuridico permette considerevoli limitazioni all’imposizione fiscale sui redditi prodotti dalle persone fisiche e/o dalle persone giuridiche.
Gli Stati che adottano un sistema fiscale privilegiato hanno anche un diritto societario ed un diritto bancario molto semplificati.
In tale ambito, un ruolo decisivo è ricoperto dalle società offshore. Con il termine offshore sono generalmente indicate tutte quelle istituzioni finanziarie (siano esse banche, fondi di investimento, ecc.) che negoziano titoli o valute attraverso filiali estere. Il termine è più specificamente rivolto alle filiali istituite presso i paradisi fiscali che impongono condizioni meno restrittive per il commercio di titoli o valute rispetto a quelle praticate in patria.
Le società offshore hanno come vantaggio immediato l´anonimità dei soci. Operando da un territorio offshore si riesce a limitare la responsabilità degli azionisti riducendo, in molti casi, il carico fiscale.
È nella lotta al fenomeno evasivo che si inserisce l’analisi, nel terzo capitolo, della cooperazione fiscale internazionale.
La necessità di tutelare le entrate erariali ha indotto ad accrescere la collaborazione tra Amministrazioni fiscali al fine di individuare forme di cooperazione atte ad agevolare il perseguimento della tax compliance in uno scenario globalizzato.
Nata inizialmente come semplice scambio di informazioni è poi diventata negli ultimi anni uno strumento di attività di intelligence per rilevare la potenziale diffusione in Italia del fenomeno evasivo.

Mostra/Nascondi contenuto.
B INTRODUZIONE Il presente elaborato è frutto di una attenta analisi del fenomeno evasivo e dei suoi effetti sul sistema tributario. Il lavoro è incentrato sulla cooperazione internazionale finalizzata alla lotta all’evasione fiscale, soffermandosi sul fenomeno delle società offshore nei paradisi fiscali. Nel primo capitolo si affronta una analisi dettagliata degli aspetti formali e sostanziali dell’evasione fiscale. Con il termine “evasione fiscale” ci si riferisce a tutti quei comportamenti attraverso i quali i cittadini violano le norme di legge al fine di non pagare o pagare meno tasse. Tipicamente avviene attraverso operazioni di vendita effettuate senza emissione di fattura o di ricevuta o scontrino fiscale, con conseguente mancata dichiarazione fiscale e versamento d'imposta. Nel capitolo secondo si è precisato che i movimenti internazionali di capitale non indicano necessariamente lo spostamento fisico da un Paese all’altro di beni capitali; tale mobilità può realizzarsi anche tramite transazioni finanziarie o la realizzazione di investimenti diretti in loco da parte di una multinazionale. In tale contesto si inserisce lo spostamento dei capitali nei cosiddetti “paradisi fiscali”, ossia Paesi il cui ordinamento giuridico permette considerevoli limitazioni all’imposizione fiscale sui redditi prodotti dalle persone fisiche e/o dalle persone giuridiche. Gli Stati che adottano un sistema fiscale privilegiato hanno anche un diritto societario ed un diritto bancario molto semplificati. In tale ambito, un ruolo decisivo è ricoperto dalle società offshore. Con il termine offshore sono generalmente indicate tutte quelle istituzioni finanziarie (siano esse banche, fondi di investimento, ecc.) che negoziano titoli o valute attraverso filiali estere. Il termine è più specificamente rivolto alle filiali istituite presso i paradisi fiscali che impongono condizioni meno restrittive per il commercio di titoli o valute rispetto a quelle praticate in patria. 3

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Roberto Gargiulo Contatta »

Composta da 138 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10261 click dal 08/11/2010.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.