Skip to content

Il ruolo del SIAN, Servizio di Igiene degli Alimenti e della Nutrizione, nel coordinamento della sorveglianza ed il controllo delle acque potabili destinate al consumo umano

Informazioni tesi

  Autore: Livio Chiementin
  Tipo: Tesi di Master
Master in Gestione del coordinamento nelle Professioni Sanitarie
Anno: 2010
Docente/Relatore: Nicola Colacino
Istituito da: Università telematica delle Scienze Umane “Niccolò Cusano”
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 76

L’argomento acqua è quanto mai attuale, sia per la sua fondamentale importanza per la vita, sia per la diversità dell’accesso a questa risorsa sul pianeta. L’Italia detiene il record mondiale nella produzione e nel consumo di acqua minerale naturale e contemporaneamente risulta essere anche ai vertici europei per il consumo pro capite di acqua potabile. L’acqua è presente in gran quantità nella terra ma poca è quella potabile, per cui risulta importante preservarla sia nel consumo oculato, sia nella corretta gestione delle fonti di approvvigionamento e di distribuzione dell’acqua. Di fondamentale importanza risulta essere inoltre la gestione delle non conformità per preservare l’acquifero e circoscrivere l’eventuale inquinamento. Il comune cittadino che non possiede una preparazione specifica sull’argomento, difficilmente riesce a percepire gli aspetti che caratterizzano e distinguono la distribuzione di acqua potabile; inoltre, soprattutto in caso di inquinamento dell’acqua, la notevole quantità di informazioni poco rigorose, offerte per lo più dagli organi di stampa, più attenti alla notizia che non al fatto in sé, può creare allarmismi o falsi pregiudizi nella popolazione. Il controllo delle acque ad uso potabile, rappresenta un compito specifico nell’ambito della prevenzione e del controllo delle caratteristiche chimico – fisiche, microbiologiche e organolettiche delle acque. In questo ambito il Tecnico della Prevenzione svolge un ruolo determinante. Infatti come recita il decreto istitutivo del profilo professionale del Tecnico della Prevenzione Decreto 17 gennaio 1997, n. 58, in particolare all’art. 1 : “E' … l'operatore sanitario che, in possesso del diploma universitario abilitante, e' responsabile, nell'ambito delle proprie competenze, di tutte le attività di prevenzione, verifica e controllo in materia di igiene e sicurezza ambientale nei luoghi di vita e di lavoro, di igiene degli alimenti e delle bevande, di igiene di sanità pubblica e veterinaria”. Ancora il comma e) ribadisce: “vigila e controlla la qualità degli alimenti e bevande destinati all'alimentazione dalla produzione al consumo e valuta la necessità di procedere a successive indagini specialistiche;”. Da più di dieci anni svolgo il mio servizio come Tecnico della Prevenzione, presso il SIAN, il Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione dell’ULSS n. 6 di Vicenza, in cui mi occupo, tra gli altri compiti, nelle attività di controllo nel settore alimentare, dell’attività di monitoraggio delle acque potabili. Il SIAN infatti si occupa anche della fase di campionamento di queste, e coordina l’ARPAV, l’AATO, l’Autorità Sanitaria Locale, l’Ente Gestore privato e gli eventuali altri soggetti coinvolti al fine di preservare la Salute Pubblica.
Da questo l’interesse per una tesi, che cerca di spiegare le origini normative, le caratteristiche, le modalità di controllo, i trattamenti, e le azioni di coordinamento per la salvaguardia delle acque destinate a soddisfare i bisogni dell’uomo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 1. L’ACQUA 1.1 Natura e caratteristiche dell’acqua [1] L'acqua pura è un liquido inodore e insapore, che presenta una debole colorazione blu osservabile solo nelle acque profonde ed è presente in natura in tre stati di aggregazione: solido, liquido e gassoso. Allo stato solido è presente sotto forma di ghiaccio, nella neve, nella grandine, nella brina e nelle nubi; allo stato liquido si trova sotto forma di pioggia e rugiada, ma soprattutto ricopre i tre quarti della superficie terrestre costituendo oceani, mari, laghi e fiumi; allo stato gassoso, infine, è presente come nebbia e vapore ed è il principale costituente delle nuvole. Nella molecola H2O dell’acqua, le due coppie di elettroni che legano i due atomi di idrogeno a quello di ossigeno risultano parzialmente spostate verso l'atomo di ossigeno per cui esso presenta una frazione di carica negativa mentre i due di idrogeno una frazione di carica positiva: ne deriva cioè una struttura che si dice dipolare. Figura n. 1: Molecola dell’acqua Di conseguenza, l'atomo di ossigeno di una molecola di acqua può attrarre un atomo di idrogeno di un'altra molecola, costituendo quello che si definisce legame di idrogeno e che si traduce in una forza attrattiva che tende a mantenere unite tra loro le molecole dell'acqua. Nel vapore acqueo ciascuna molecola si muove invece liberamente nello spazio e l'evaporazione dell'acqua corrisponde quindi alla rottura dei legami di idrogeno presenti nell'acqua liquida. L'acqua presenta perciò una tendenza minore a quella di altri composti di struttura analoga a passare allo stato di vapore e quindi un punto di ebollizione relativamente elevato. La struttura dipolare dell'acqua favorisce la dissociazione e la solubilità dei sali e in generale delle sostanze a carattere ionico; la molecola dipolare si dispone infatti a contatto o entro il [1] http://dirvit1.interfree.it/acque.htm

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi