Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La norma finanziaria e lo sviluppo del Mezzogiorno

Analisi documentale. Distinzioni nel pensiero scientifico meridionalistico. La questione meridionale nel contesto attuale. L'intervento della norma finanziaria. L'utilizzazione delle risorse comunitarie e statali. Analisi delle proposte di politiche di sviluppo, prospettive e conclusioni.

Mostra/Nascondi contenuto.
A partire da Oreste Ranelletti, padre del Diritto Finanziario e fondatore della corretta metodologia per l’analisi del fenomeno finanziario, quella della concezione sostanziale, poi perfezionatasi nel tempo, è pressoché unanimemente riconosciuto, anche dai successivi teorici di tale disciplina giuridica, che nello studio del fenomeno finanziario ci si avvalga dell’ausilio di altre Scienze, di carattere economico e politico (per Ranelletti andavano considerate basi e presupposto per lo studio di quelle giuridiche) 1 . Ebbene se l’oggetto del presente elaborato è il fenomeno finanziario costituito dal Mezzogiorno d’Italia nel suo complesso, nelle sue ampie problematiche di sviluppo e per come a tale fenomeno possa quindi opportunamente rapportarsi la normativa finanziaria, allora il discorso non può non iniziare da un’analisi della situazione che il Mezzogiorno presenta, nel suo contesto complessivo, come delineatosi in un arco di tempo almeno ventennale, dagli anni Novanta ad oggi, desumibile dalla documentazione ufficiale reperibile sui siti internet istituzionali, ed in particolare da quella del Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica (DPS) presso il Ministero dello Sviluppo Economico (MISE). Le scienze , dunque, che fungeranno da presupposto o ausilio sono prevalentemente quelle economiche e statistiche. Più precisamente la principale documentazione presa in considerazione, in ordine cronologico di pubblicazione, è la seguente: -Il Mezzogiorno: tendenze e politica economica Un contributo al disegno programmatico- Ministero del Tesoro, del Bilancio e della Programmazione Economica Dipartimento delle Politiche di Sviluppo e Coesione- Anno 1999; -Mezzogiorno: tendenze Aggiornamento Autunno 2000- Ministero del Tesoro, del Bilancio e della Programmazione Economica Dipartimento delle Politiche di Sviluppo e Coesione; -Documento Strategico Mezzogiorno Linee per un nuovo programma Mezzogiorno 2007-2013- Dicembre 2005; -Rapporto Annuale 2008 del Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica sugli interventi nelle aree sottoutilizzate- Ministero dello Sviluppo Economico. A tale documentazione inoltre si farà riferimento, non solo nel corso di questa parte iniziale ma anche nel resto della trattazione. Tale documentazione, infine, va tenuto presente, quando non si sofferma specificamente sul Mezzogiorno, offre uno studio prospettico che considera il Mezzogiorno nel contesto europeo e nazionale, il che permette di evitare la parzialità dell’indagine ed offre una più corretta visione d’insieme. 1 Amatucci, L’ordinamento giuridico della finanza pubblica, Napoli, 2007, pag. 27. 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Gabriele De Fazio Contatta »

Composta da 106 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 601 click dal 14/10/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.