Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tool e metodologie informatiche per il contrasto alla pedofilia online ed alla pedo-pornografia

La tesi è stata strutturata in modo da presentare, attraverso un percorso “guidato”, i fenomeni della pedofilia online e della pedo-pornografia al fine di osservarli da diversi punti di vista. Tale percorso è stato “idealmente” suddiviso in tre diverse fasi:

1. prevede lo studio dei suddetti fenomeni partendo dalle loro definizioni; successivamente viene presentato un breve excursus storico sull’evoluzione della pedofilia nel corso degli anni; infine viene esposto il quadro normativo nazionale, europeo ed internazionale con particolare attenzione a quello vigente in Italia.

2. prevede l’approfondimento del profilo e del modus operandi del cyber-pedofilo, inoltre, vengono presentate le tecniche di grooming; successivamente vengono analizzati i tool utilizzati dalla Polizia delle Comunicazioni per il contrasto alla pedofilia ed alla pedo-pornografia; infine vengono esposti i progetti di ricerca ed i meccanismi di prevenzione.

3. prevede la presentazione di alcuni report annuali (dal 2007 al 2010), redatti dalle associazioni che si occupano della tutela dei minori, al fine di far prendere coscienza dei rischi nei quali un minore può incorrere durante la navigazione, se effettua un uso scorretto degli strumenti messi a disposizione dalla rete.

Per far conoscere tutte le fasi di un’indagine forense è stato creato un “caso pratico”, il quale prevede la fase di acquisizione delle evidenze digitali, l’analisi delle stesse e la creazione di un report finale da presentare in sede di dibattimento.

A conclusione del lavoro sono state realizzate delle interviste, con alcuni esperti del settore, per mettere in luce i diversi punti di vista su alcune tematiche riguardanti la pedofilia online e la pedo-pornografia.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO 2 PEDOFILIA, PEDO-PORNOGRAFIA E PORNOGRAFIA VIRTUALE “La pedofilia è una deviazione sessuale in cui si manifesta un interesse erotico per fanciulli impuberi, maschi o femmine, talora limitato al desiderio o al tentativo di seduzione, oppure unito ad esibizionismo, sadismo, feticismo”. “Per pedo-pornografia si intende qualsiasi rappresentazione, con qualunque mezzo, di un bambino dedito ad attività sessuali esplicite, concrete o simulate o qualsiasi rappresentazione degli organi sessuali di un bambino”. “Per pedo-pornografia virtuale si intendono tutte quelle immagini realizzate sovrapponendo ad un corpo adulto che compie atti sessuali il volto di un minore, oppure quei disegni ottenuti mediante l’impiego di meccanismi informatici tali da non rendere evidente il confine tra realtà e apparenza”. 2.1 Evoluzione storica della pedofilia Con lo sviluppo di internet, gli studiosi, hanno dovuto rilevare la presenza di una nuova dimensione organizzata della pedofilia; pur se quantitativamente meno significativa rispetto alle forme “classiche”, essa riesce a mettere in connessione pedofili di tutto il mondo, i quali corrono minori rischi di essere scoperti, vista l’enorme quantità di collegamenti presenti e l’impossibilità di monitorare tutto il traffico che “attraversa” la rete. 2.1.1 La pedofilia nella Grecia classica La pedofilia ebbe la massima diffusione tra il VI ed il IV secolo a.C. a Sparta ed Atene. Essa consisteva in una relazione sessuale tra adulti maschi e adolescenti, spesso all'interno di un'esperienza spirituale e pedagogica attraverso la quale l'amante adulto trasmetteva le virtù del cittadino. Il coinvolgimento di molti maestri del tempo, tra cui Socrate e Platone, così come la poesia di Alceo e Anacreonte rendono possibile un'ingente quantità di documenti sulla pederastia - intesa come relazione sessuale di un adulto ed un minore di età compresa tra i dodici ed i diciotto anni, - considerata lecita e riconosciuta come forma pedagogico-educativa; a differenza della concezione Note S. FURFARO, Pedofilia. Un fenomeno giuridico e sociologico

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Angela Spanti Contatta »

Composta da 105 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1248 click dal 26/10/2010.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.