Skip to content

Le attività artigianali di Capitanata dal Decennio Francese all'Unità

Informazioni tesi

  Autore: Vincenza Scioscia
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Foggia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filologia moderna
  Relatore: Saverio Russo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 156

La Capitanata in età moderna, come è noto, è stata analizzata compiutamente da storici e studiosi sotto i suoi diversi profili: storico, politico, culturale, sociale ed economico. Su quest’ultimo versante, tuttavia, i contributi più significativi si sono soffermati maggiormente sull’agricoltura e sulla pastorizia, tralasciando, invece, la trattazione di altri filoni della produzione, come quello dell’artigianato, inteso, in questa sede, non come artigianato artistico, ma come manifattura, attività di trasformazione, “industria”.
Infatti, nella Daunia il settore primario fu assai fiorente, da sempre favorito dalla natura del territorio e dal clima, e quindi incrementato nel suo sviluppo dai provvedimenti attuati di volta in volta dai diversi governanti, che ci hanno lasciato, peraltro, numerose tracce documentarie.
Diametralmente opposto, invece, si presentava il panorama relativo a quello che fu solo un embrionale settore secondario, segnato dalla sostanziale mancanza di risorse, materie prime e capacità imprenditoriale, dall’asfitticità del mercato, dal frequente disinteresse da parte del potere politico ad attuare progetti.La finalità di questo lavoro, fortemente voluto da chi scrive e dal professor Saverio Russo, è proprio quella di illustrare, in maniera puntuale, i mestieri e le attività artigianali di alcuni centri nevralgici dislocati nelle diverse zone della Capitanata, come Lucera, Cerignola, Ascoli, Manfredonia, Faeto, Panni, Castelluccio e, naturalmente, Foggia. Grazie al supporto delle fonti archivistiche, oltre che di quelle letterarie, è stata individuata la ricorrenza di alcune manifatture rispetto ad altre, messi in rilievo i mestieri caratteristici e quelli legati al consumo di qualità, nonché quelli che apparivano come nuovi rispetto al passato. Tutto ciò, ponendo sempre attenzione alle caratteristiche del territorio, ma anche seguendo i mutamenti storici, politici ed economici in atto, che determinarono, certamente, importanti riflessi anche sull’articolazione sociale e professionale.
Il periodo storico da noi preso in esame è compreso tra il Decennio Francese e gli ultimissimi anni precedenti l’Unificazione. Una fase, dunque, densa di cambiamenti politico – istituzionali, nella quale il governo si impegnò in un processo di rinnovamento dello Stato e quindi anche dell’artigianato con l’abolizione delle corporazioni di arti e mestieri e con la cauta istituzione di scuole per l’insegnamento delle attività artigiane, ancora qualche anno prima prerogativa della bottega, e ciò nell’ambito della rivendicazione della libertà del lavoro e del riconoscimento del suo valore sociale.
Dunque, se ormai disponiamo di numerose informazioni riguardanti l’industria a domicilio e l’industria accentrata, ancora non si è formata una più folta bibliografia sull’industria domestica e sull’artigianato semplice, che potevano dar luogo a circa l’80% di tutta la produzione manifatturiera dell’Ottocento.
Questa ricerca, quindi, vuole proporsi come un arricchimento alla conoscenza delle attività manifatturiere della Capitanata ottocentesca e dei processi e delle condizioni che condussero alla nascita e allo sviluppo delle medesime.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
L’artigianato in età moderna La storia dell’artigianato non è solamente la storia della crescente abilità dell’uomo e della sua crescente capacità di agire sull’ambiente naturale, ma fornisce anche le prove del 1 modo in cui la società stessa è andata evolvendosi. Artigianato: definizioni e forme di organizzazione. Il termine artigiàno deriva dal latino artes arti, mediante un supposto aggettivo artensis, onde poi artesianus […] – C h i esercita un’arte (meccanica) […]. Il nome poi di artista è consacrato più propriamente a denotare chiunque esercita le “belle arti”, come la pittura, la scultura, la musica, ed oggi 2 anche l’ arte drammatica. Si legge nei vecchi dizionari che arte è “l’attività umana e specialmente l’Industria Manuale applicata alle produzioni della natura pei bisogni e comodi della vita […]. Si prende anche per Metodo o Maestria nell’operare secondo certe regole; ed in questo significato si distinguono le arti in liberali 3 e meccaniche”. In questa sede, essendo trattata la storia dell’artigianato con maggiore richiamo all’età moderna, verrà usato soventemente come sinonimo di artigianato il termine “industria”. 1 E. Lucie – Smith, Storia dell’artigianato, Editori Laterza, Bari 1984, p. 3. 2 O. Pianigiani, Vocabolario Etimologico della Lingua Italiana, Società Editrice Dante Alighieri di Albrighi, Segati e C., Roma – Milano 1907, vol. I. 3 Ibidem. 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

artigianato
ascoli
capitanata
castelluccio
cerignola
daunia
decennio francese
età moderna
faeto
foggia
gaetano la pira
industria
lucera
manfredonia
mestieri artigianali
ottocento
panni
professioni
regno meridionale
risorse
sannicandro
società
troia
unità

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi