Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Fenomeni di focalizzazione subdiffrattiva in schiere di nanoparticelle plasmoniche

In questo lavoro di tesi viene affrontato lo studio numerico dei fenomeni di focalizzazione e l’analisi dell’operatività in strutture bidimensionali (2D) basate su nanoparticelle metalliche, le cui promettenti potenzialità hanno recentemente suscitato notevole attenzione da parte della comunità scientifica. Lo scopo è quello di proporre un approccio alternativo alla realizzazione di superlenti per campi evanescenti e un’analisi di nuove possibilità di nanoprocessamento della luce in strutture composte da “metasuperfici” plasmoniche, verificando proprietà di imaging
subdiffrattivo in dispositivi realizzati da schiere di nanosfere risonanti posizionate in un mezzo doppiamente positivo (lo spazio libero o un dielettrico).
L’interesse nello studio di nanomateriali è il risultato della loro possibilità di impiego in svariati settori e delle loro particolari proprietà, quali l’intensa banda di assorbimento dovuta all’oscillazione collettiva degli elettroni di conduzione (denominata “plasmone” di superficie), l’elevata stabilità fisico-chimica e la possibilità di ingegnerizzare in diversi modi le proprietà ottiche lineari delle nanostrutture metalliche. I materiali su scala nanometrica stanno offrendo nuove opportunità alla fotonica in quanto assicurano un miglioramento delle proprietà ottiche lineari e non lineari e la possibilità di convertire la luce in altre forme di energia, come eccitazioni di plasmoni superficiali. Per queste ragioni, le nanoparticelle di oro e di argento si presentano come materiali chiave nella fotonica. La possibilità di modulare le proprietà ottiche, e le frequenze plasmoniche in particolare, rende le nanoparticelle, la cui caratteristica dominante per le attuali applicazioni fotoniche consiste nell’assorbimento plasmonico superficiale, di notevole rilievo per innovative applicazioni.
La crescente diffusione dei nanomateriali nella scienza e nelle tecnologie è frutto dell’acquisizione di maggiori competenze nelle tecniche di caratterizzazione e sintesi su scala nanometrica. Ad oggi le nanotecnologie trovano ampia applicazione in due settori fondamentali, quali le tecnologie mediche e quelle dell’informazione. In questo contesto si propone la simulazione di strutture innovative e l'ottimizzazione nella scelta dei parametri per la caratterizzazione sperimentale di diversi sistemi, quali dispositivi per superlensing e strutture di nanofocusing e nanosensing, ecc. L’analisi per le particolari proprietà di imaging subdiffrattivo nelle
strutture proposte richiede la definizione di parametri opportuni e la determinazione della full width at half maximum (FWHM), il cui valore consente di confermare e analizzare chiaramente la risoluzione subdiffrattiva dell’immagine formata dalla lente. L’implementazione di tali strutture nel dominio ottico impiega nanosfere metalliche come inclusioni risonanti delle due griglie che supportano modi superficiali, evidenziando effetti di miglioramento del campo vicino e risoluzione subdiffrattiva a distanze dall’oggetto superiori alla metà della lunghezza d’onda e imaging subdiffrattivo nel caso di polarizzazione verticale delle sorgenti.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 Caratterizzazione delle nanoparticelle di metallo 1.1 Cenni sulle nanotecnologie Il termine nanotecnologia riferisce ad un approccio multidisciplinare legato alla realizzazione di materiali, dispositivi e sistemi nei quali almeno una delle tre dimensioni caratteristiche dei componenti è misurata su scala nanometrica (nm). Il presupposto delle nanotecnologie è il controllo e la manipolazione della materia su tale scala, mentre l’obiettivo risiede nello sfruttare le proprietà ed i fenomeni fisici e chimici che si manifestano sotto queste condizioni. L’interesse nello studio di materiali con dimensioni nanometriche è legato alla loro possibilità di impiego in svariati settori ed alle loro particolari proprietà, risultato di un significativo rapporto superficie/volume, dell’elevato numero di atomi di superficie rispetto ai solidi macroscopici e degli effetti quantistici di confinamento che si manifestano in tali strutture. Negli ultimi anni, infatti, si è assistito ad un massiccio avanzamento dei nanomateriali nella scienza e nelle tecnologie, legato ad un miglioramento delle tecniche di caratterizzazione e sintesi su scala nanometrica. In particolare, le 8

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Ingegneria

Autore: Rossella Collarile Contatta »

Composta da 166 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 441 click dal 13/12/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.